Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Import / Export » Disagi nei controlli all’import, la Lombardia soffre e rischia di perdere traffici

Disagi nei controlli all’import, la Lombardia soffre e rischia di perdere traffici

I controlli per tutelare la salute pubblica sono essenziali e ogni Stato dovrebbe considerarli prioritari per la tutela dei cittadini, garantendo che gli uffici preposti siano strutturati e forniti di ogni strumento necessario per svolgere al meglio la loro funzione. Questa la teoria perché nella pratica da diverso tempo ciò non sta avvenendo, almeno per quanto riguarda gli Uffici di Sanità Marittima, aerea e di Frontiera (USMAF) in Lombardia. 


Nulla osta sanitari dai tempi biblici
Non che non si realizzino i controlli ma è evidente che per garantire il bene primario (la salute umana con controlli doverosamente accurati) si rallenta l’attività degli operatori. I traffici internazionali richiedono tempi rapidi, soprattutto quando si parla di spedizioni aeree. Invece da ormai diversi mesi le merci che devono essere sottoposte a nulla osta sanitario subiscono ritardi insostenibili, con tempi medi di attesa (per merce non deperibile) di circa 4 giorni. Ovviamente sempre che la merce non debba andare in verifica fisica, se no i tempi si allungano ulteriormente. 


Mancanza di personale, risposta inaccettabile
In Lombardia vengono gestiti oltre il 30% dei controlli sulle merci che entrano in Italia. Per svolgere questa mole di lavoro l’Ufficio per la Lombardia conta su una forza lavoro di ben due medici e 6 tecnici. “Abbiamo lamentato il disagio degli operatori agli uffici competenti sul territorio ma la risposta è stata, comprensibilmente, che con il personale che hanno a disposizione non riescono a fare di più - dice il presidente di Alsea Betty Schiavoni - La nostra confederazione si è allora rivolta al ministero della Salute ed anche in questo caso è stato risposto che non hanno personale. E’ una risposta inaccettabile. – Basterebbero poche persone in Lombardia per superare il problema; come si fa a dire che non hanno risorse se ogni pratica che gli operatori presentano deve essere accompagnata da un pagamento di diverse decine di euro? Paghiamo per un servizio (che già a nostro avviso non dovremmo pagare, poiché dovrebbe essere a carico della fiscalità generale) e in più riceviamo in cambio un disservizio che rischia di sottrarci traffici"


Ritardi ormai cronici
La situazione è divenuta insostenibile tanto che sono diversi gli operatori che stanno pensando di dirottare questi traffici su altri porti e aeroporti. "Come Alsea già nell’assemblea pubblica dello scorso anno lanciammo un allarme su questo tema - dice ancora Schiavoni - segnalando come bastasse una normale turnazione per ferie a ritardare la normale attività dell’USMAF. Oggi la situazione invece di migliorare è peggiorata, tanto che i ritardi non sono più saltuari ma cronici. Chiediamo al ministero della Salute di fare qualche cosa: dire che non hanno personale è una risposta inaccettabile. Abbiamo anche già scritto al nuovo assessore regionale Infrastrutture, Trasporti e Mobilità Sostenibile, Avv. Claudia Maria Terzi, affinché intervenga, garantendo la copertura delle criticità con alcuni distacchi dalle ASL. Certo sarebbe una soluzione tampone ma almeno supereremmo l’emergenza auspicando che nei prossimi mesi il nuovo Governo adotti i provvedimenti necessari per dotare del personale gli uffici lombardi. L’alternativa? L’Italia perderà questi traffici e il Nord Europa ringrazierà”.

10/04/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Zucchetti si aggiudica la totalità delle azioni di SIMA

24/09/2018

La software house ha acquisito la società che offre una soluzione ERP destinata ad aziende nazionali e internazionali di trasporto, logistica e spedizioni.
read more..

Ponte Morandi, Italferr si propone per la ricostruzione?

24/09/2018

In un comunicato le Ferrovie dello Stato Italiane dichiarano la messa a disposizione di know how e competenze della società di ingegneria del gruppo.
read more..

A Innotrans 2018 Interporto Bologna presenta WA.MA.RE

24/09/2018

Wagons Maintenance and Revision Network è la prima piattaforma manutentiva in Italia che offre un’unica interfaccia per servizi di manutenzione e revisione dei rotabili ferroviari.
read more..

Consorzio ZAI ospita IMIS (Implementation of Multimodal Innovative Solutions)

24/09/2018

Il progetto è finanziato dall’UE e ha come scopo l’individuazione e l’implementazione di soluzioni innovative in campo multimodale.
read more..
più letti

Codognotto in prima linea nella green logistics

02/01/2017

L'operatore è presente in due iniziative della Commissione Ue quali i progetti LNG blue corridor e OptiTruck.
read more..

Un nuovo presidio Palletways nell'area di Monza Brianza

02/01/2017

E' il concessionario Autotrasporti Giobbio di Lazzate, che gestirà un'area dove l'espansione dei volumi risulta importante e strategica.
read more..

Accordo Linde Material Handling Italia e Volandia

02/01/2017

Con questa partnership il Parco e Museo del Volo potrà utilizzare a titolo gratuito gli innovativi strumenti della Casa tedesca, a partire dai carrelli elevatori.
read more..

AEFI sigla un agreement internazionale con IELA

02/01/2017

L'Associazione Esposizioni e Fiere Italiane collaborerà con l'Associazione mondiale dei professionisti della logistica per il settore fieristico.
read more..