home » Le notizie di oggi » Bilancio positivo per Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry

Bilancio positivo per Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry

L'evento si conferma l’appuntamento annuale di riferimento per il confronto e la collaborazione trilaterale tra mondo della produzione, mondo logistico e mondo politico-amministrativo. Con oltre 1300 operatori professionali registrati, la platea del centro congressi dell’associazione degli industriali ha seguito con unanime approvazione lo svolgersi di una manifestazione unica in Italia che può vantare la presenza di un comitato promotore composto da Confetra, ALSEA e The International Propellers Club.

 

La logistica è ormai un pilastro strategico dell’economia e della politica di un Paese ed è uno dei punti di controllo di tutti i settori cruciali per la società: territorio, lavoro, sostenibilità, competenze, formazione.


L’Italia nel mondo post-globale deve affrontare sfide impegnative in questo campo, per proseguire nel proprio sviluppo ma anche per conservare le posizioni conquistate a caro prezzo. L’ascesa commerciale della Cina, la concorrenza dei porti del Nordafrica, la necessità di investimenti tecnologici e infrastrutturali mirati, l’arrivo di elementi “techno-disruptive” dell’assetto logistico-economico, come l’automazione, la blockchain e l’intelligenza artificiale impongono la collaborazione e il coordinamento di tutti gli attori, pubblici e privati. E i partecipanti alla manifestazione di Milano hanno raccolto l’appello. 

 

“Siamo molto soddisfatti della due giorni di Milano: partecipanti in ulteriore crescita, 100 relatori, 10 sessioni e workshop tematici. Shipping Forwarding & Logistics meet Industry può divenire sempre più il laboratorio nazionale del dialogo tra logistica e manifattura, il luogo dove poter irrobustire le relazioni tra i due Sistemi Confederali, Confindustria e Confetra. Speriamo che le Istituzioni sappiano cogliere i numerosi spunti e le tante proposte discusse nei vari panel dell'Evento", dichiara Guido Nicolini, presidente di Confetra.

 

“Stiamo vivendo una fase di riposizionamento dello scacchiere mondiale in cui, come sempre, la logistica e i trasporti sono decisivi – conferma Betty Schiavonipresidente di ALSEA. Guardate la Cina con la Nuova Via della Seta, la Germania, che accompagna l’export con le sue corazzate logistiche, solo per fare i due esempi più noti. In questo contesto la nostra politica deve avere chiaro il ruolo strategico che rivestono i trasporti e la logistica. Noi siamo consapevoli di questo ruolo e lo stesso lo è l’industria, visto che anche il Presidente della Commissione Trasporti di Assolombarda, Castaldo, lo ha riconfermato nel suo intervento. Insieme stiamo lavorando a livello milanese per fare proposte alla politica per sviluppare la logistica e i trasporti ed ho colto con grande piacere l’analoga proposta che il Presidente Castaldo ha fatto a Confetra sul piano nazionale. La nostra Confederazione ha accolto l’invito e quindi speriamo che nei prossimi mesi si possa lavorare in questa direzione”.

 

“La quarta edizione di Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry è stata la più completa a mia esperienza, con un parterre di relatori impressionante, che hanno superato il centinaio – conclude Riccardo Fuochi, presidente del Propeller Club Port of Milan. I focus su geopolitica e logistica, sul binomio competitività e competizione, sulla sostenibilità e sulle strategie infrastrutturali sono di estrema attualità. Le sessioni verticali hanno affrontato tematiche di grande rilievo pratico per le aziende, dalle soluzioni logistiche per le PMI a quelle per i prodotti di alta qualità/alto valore intrinseco e alle evoluzioni del traporto a temperatura controllata per gli alimentari. Grande successo per la sessione sulla cyberlogistica e sulla logistica connessa, mentre è stato significativo il focus della conferenza sull’automazione, che ha approfondito il problema della formazione.”

 

Le presentazioni tenute durante le conferenze dsaranno disponibili qui: www.shippingmeetsindustry.it


04/02/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Emergenza covid-19: 65 mila euro da Consorzio Zai

06/04/2020

Così divisi: 30 mila euro a favore del Banco Alimentare del Veneto, 30 mila alla Fondazione della Comunità Veronese #AiutiAMO Verona e 5 mila euro alla Società Cooperativa Salute e Territorio.
read more..

Nuovo servizio a/r di Mercitalia Padova -Bari-Catania

06/04/2020

Nella prima fase, per l’emergenza covid-19, trasporta merce essenziale (food & beverage, medicali, carta, plastica), per poi puntare su merceologie ora ferme.
read more..

Partiti i treni cargo Adriafer sulla linea transaplina

06/04/2020

La vecchia linea asburgica torna operativa e rappresenta un polmone alternativo per il porto di Trieste.
read more..

EXPORT EXTRA-UE, LIEVE CRESCITA A FEBBRAIO

06/04/2020

Secondo l'Istat le nostre esportazioni sarebbero aumentate dello 0,6%, mentre una marcata contrazione si è registrata per le importazioni (-6,6%); il timido incremento su base mensile è dovuto principalmente ai beni strumentali (+4,5%).
read more..
più letti

Nuovo dipartimento AsstrA per il Vecchio Continente

27/02/2019

Per il rafforzamento della posizione e l'ulteriore sviluppo dei trasporti sul territorio europeo, l'organizzazoine ha creato il dipartimento “Europa occidentale.
read more..

Interporto Bologna: bilancio 2018 in forte espansione

15/05/2019

Registrato un risultato economico pari a 23,1 milioni di euro di ricavi e un utile al netto delle imposte di 853.888,00 euro (+31%).
read more..

Trasportounito contro le nuove disposizioni per l'ART

12/04/2019

Le imprese di autotrasporto (oltre i 5 milioni di turnover) che hanno effettuato servizi in porti, scali ferroviari, aeroporti e interporti, devono versare 0,6 per mille del fatturato all'Authority. L'associazione ricorrerà in sede legale.
read more..

CASO BREXIT, quali gli effetti del suo esito sulla nostra economia?

16/01/2019

Le imprese esportatrici italiane (ed europee) rischiano di vedere ridotti i volumi di beni rivolti al mercato britannico; in ballo ci sono circa 23 miliardi di euro. E' quanto rileva il Centro studi di Confindustria.
read more..