home » Le notizie di oggi » Ecco come va la logistica in Svizzera nel dopo il covid

Ecco come va la logistica in Svizzera nel dopo il covid

La Svizzera ha gestito efficacemente la recente situazione di pandemia. Da metà maggio, il numero di nuovi contagi è stato ridotto al minimo. Il governo svizzero ha iniziato a rimuovere gradualmente le misure di emergenza imposte. Dal punto di vista economico, tuttavia, la pandemia ha inferto un duro colpo.

Il PIL del paese a maggio 2020 è diminuito del 5% rispetto a maggio 2019. L'andamento della disoccupazione è più preoccupante. Secondo le previsioni della Scuola tecnica superiore dell'Università di Zurigo (Eidgenössische Technische Hochschule Zürich), l'indice di globalizzazione (KOF) indica un'occupazione inferiore del 20% per il secondo trimestre 2020. Questo dato è addirittura inferiore rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009.

Il governo ha istituito programmi di sostegno mirati per le imprese. 20,2 miliardi di franchi svizzeri sono stati assegnati per aiutare le aziende a compensare i salari dei loro dipendenti persi a causa di operatività limitata.

Vladislav Lagun, country manager della Regione Svizzera presso AsstrA, parla delle attuali condizioni di mercato dei servizi logistici svizzeri.


Vladislav Lagun


Nel mercato di oggi, quali servizi hanno guadagnato popolarità?

Le esportazioni svizzere di beni e servizi sono diminuite del 10-12% rispetto all’anno scorso. Ciò ha portato ad un rispettivo calo della domanda di trasporto merci. Tuttavia, gli indicatori del settore stanno gradualmente tornando ai livelli di pre-quarantena. Vi è una crescente domanda di corrieri e servizi postali, quindi le aziende di questo settore hanno assunto più personale per elaborare i pacchi all’apice della diffusione del virus.


Quanto è stato visibile il ritiro di attori deboli dal mercato della logistica?

Nel mercato dei servizi di trasporto e logistica, non ci sono state le notizie sulle società che hanno fallito. Allo stesso tempo, leader di mercato come Kühne & Nagel e Hupac hanno registrato cali percentuali a due cifre nelle vendite. Per quanto riguarda i produttori di beni e servizi, le bancarotte sono in realtà in calo del 32% rispetto a maggio 2019. Sfortunatamente, nei prossimi mesi è prevista un'ondata di fallimenti. Queste società in crisi saranno probabilmente quelle che avevano una situazione finanziaria sfavorevole anche prima della crisi.


E riguardo ai prezzi sul mercato svizzero?

In aprile-maggio, i prezzi sono scesi del 7%. Poiché i flussi di merci aumenteranno nell'immediato futuro, prevediamo un recupero di prezzi. Questa aspettativa è confermata da cifre intermedie per giugno.


AsstrA sta preparando un piano di emergenza aziendale anti-crisi in caso di una seconda ondata di contagi?

Sì, abbiamo in atto un piano in caso di una seconda ondata di contagi del COVID-19. Innanzitutto, per la sicurezza degli impiegati, verrà nuovamente introdotta la politica di lavoro da remoto. Inoltre, i processi di vendita verranno modificati per enfatizzare le procedure di qualificazione per i clienti TNK. Riprenderanno i briefing giornalieri tramite le videochiamate per il personale dell'ufficio. Noi crediamo che ci saranno interruzioni minime nelle attività quotidiane.


È possibile che i dipendenti passino a lavorare da remoto su base permanente?

No, non nel nostro ufficio di Zurigo. Passare alle operazioni puramente da remoto sarebbe un limite significativo per la nostra sede, dove le visite di persona ad aziende e fabbriche per motivi di sicurezza sono estremamente importanti. Il gruppo aziendale AsstrA sta aumentando la nostra quota del mercato svizzero dei servizi di trasporto e le comunicazioni di persona con clienti e partner sono un fattore chiave di successo. È possibile che le aziende decideranno di far lavorare da remoto una parte del loro personale. Ad esempio, secondo un sondaggio Deloitte, il 41% dei dipendenti svizzeri considera il lavoro da remoto più produttivo del lavoro in ufficio. In ogni caso, il team di vendita di AsstrA ha tenuto 7 incontri personali con i clienti nelle ultime 3 settimane per discutere i piani per i prossimi mesi.

07/07/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Nuova linea Gts Rail sulla tratta Brindisi-Jesi-Bologna

17/01/2022

Inizialmente avrà frequenza settimanale, per salire da marzo a 3 coppie di treni a settimana; possibilità di acquistare il servizio door to door, utilizzando la flotta di 3.000 container 45’ del gruppo.
read more..

Cargo aereo, a novembre '21 crescita rallentata

17/01/2022

Secondo la IATA le interruzioni della catena di approvvigionamento e i vincoli di capacità hanno avuto un impatto negativo sulla domanda, nonostante sussistano condizioni economiche favorevoli per il settore.
read more..

Nuova connessione Interporto Bologna-Zeebrugge Cobelfret

17/01/2022

Il treno è gestito come MTO da Hupac e trazionato da Mercitalia Rail; circola 3 volte a settimana ed è dedicato principalmente al trasporto di semirimorchi fino a P400.
read more..

Trasporti eccezionali, Gruber L. testa carburanti alternativi

17/01/2022

A seguito di una prima fase di test, oggi sono in funzione mezzi a metano liquido impegnati nei servizi Germania-Regno Unito con partenza da Kreuztal dove il 3Pl ha una delle sue sedi principali.
read more..
più letti

Contributo ART, chiarimento importante dall'Autorità

02/03/2021

L'obbligo del pagamento sussiste solo per quegli operatori che impiegano mezzi di capacità di carico superiore a 26 mila chilogrammi e fatturato sotto i 3 milioni di euro annui.
read more..

Una nuova nave a noleggio a Cagliari per il Gruppo Grendi

16/02/2021

E' la Wedelsborg (180 m, 20 kn, 2.550 ml, battente bandiera italiana) che ha preso il posto della Severine (150 m, 17 kn, 1.700 ml di portata) nella tratta Cagliari-Marina di Carrara con una copertura di 5 volte a settimana.
read more..

Interporto Bologna rinnova l'impianto ferroviario

04/06/2021

Partiti i lavori di rifacimento dell'asfalto nel piazzale del terminal container; e visto l'incremento dei volumi è stato acquistato un nuovo reach stacker per gestire il traffico marittimo e combinato.
read more..

Pubblicato il ”Revisiting Pandemic Resilience” di DHL

19/05/2021

Il documento fa luce su ciò che il settore ha imparato dalla corsa contro covid-19 per essere meglio preparato a gestire le emergenze sanitarie in futuro.
read more..