Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Le notizie di oggi » Visintin viene riconfermato, per acclamazione, alla guida dell’Associazione spedizionieri del Porto di Trieste e Friuli Venezia Giulia

Visintin viene riconfermato, per acclamazione, alla guida dell’Associazione spedizionieri del Porto di Trieste e Friuli Venezia Giulia

Visintin sarà affiancato dai due Vicepresidenti Marino Marini (Korman Italia SpA) e Paolo Nassimbeni (Samer & Co. Shipping SpA). Il Consiglio direttivo è composto da Borruso Giacomo (Inter-porto di Trieste SpA), Castelnovo Roberto (Rail Cargo Carrier ItalySrl), D’AcuntoAnto-nio (B.F.B. Snc), Flegar Paolo (Korman Italia SpA), Lorenzoni Gianfranco (Doganalista), Luchesi Franca (Santandrea Srl), Nielsen Jens Peder (Samer Seaports & TerminalsSrl), Parisi Matteo (Francesco Parisi SpA), Zerbini Fabrizio (Trieste Marine Terminal SpA). 


Ecco l’analisi della situazione del sistema logistico regionale F.V.G. e alcune priorità delle linee programmatiche che Visintin ha delineato e sulle quali l’Assemblea degli spedizionieri e terminalisti regionali ha espresso unanime condivisione. Mentre Il presidente D’Agostino sta lavorando per la creazione di piattaforme commerciali per la vendita sull’immenso mercato cinese di prodotti italiani, soprattutto del Nord Est, il sistema produttivo deve guardare oltre la saracinesca del proprio magazzino e consegnare la merce sulla soglia dei clienti di tutto il mondo, creando valore e occupazione dal trasporto dei propri prodotti. 


Gli Spedizionieri vogliono sostenere le imprese del Nord-est nel processo di riappropriazione della propria catena logistica, utilizzando possibilmente le strutture portuali e interportuali del Friuli Venezia Giulia.Tutte le associazioni imprenditoriali, sindacali e gran parte dei rappresentanti politici regionali sono ormai persuasi che il regime di porto franco sia uno dei principali strumenti per la creazione di lavoro e di reddito; due ministri dell’attuale governo hanno sostenuto recentemente la necessità che tutti gli apparati dello Stato prendano atto in maniera inequivocabile dell’extraterritorialità doganale del Porto franco internazionale di Trieste. 


E’ ora che il Governo italiano agisca conseguentemente, comunicando all’Unione Europea che il Porto franco di Trieste non è una zona franca comunitaria al pari di molte altre, ma un territorio extradoganale, così come stabilito da norme di diritto pubblico internazionale. I benefici doganali e fiscali del porto franco non hanno mai smesso di essere utilizzati e, visto l’impossibilità finora riscontrata di avviare lavorazioni industriali in porto franco dopo che il decreto interministeriale del 2017 le aveva previste, dobbiamo ritenere che ASPT-ASTRA F.V.G.dal 1994 a oggi l’esistenza del porto franco sia stata sostanzialmente simulata dallo Stato italiano. 


Ora che tale decreto ne ha chiarito la sua piena sussistenza, assistiamo invece a una dissimulazione del porto franco, che ostacola il pieno sviluppo dell’unica attuale possibilità per l’Italia di creare valore aggiunto con traffici di merci non generati dal suo debole mercato interno. Sta ora all’intelligenza politica di chi rappresenta  le  Istituzioni  saperci  ascoltare    e comprendere il valore per l’intero Paese dell’asset competitivo di cui disponiamo.

09/12/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

A TREVISO IL SECONDO CONVEGNO DELL’OSSERVATORIO “GINO MARCHET”

16/01/2020

Si terrà giovedì 30 gennaio 2020, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso Best Western Premier BHR Treviso Hotel, in via Postumia Castellana, a Quinto di Treviso.
read more..

Ellen MacArthur Foundation mette a punto Circulytics

16/01/2020

Si tratta di uno strumento di misurazione della circolarità, ottenuto grazie al contributo di varie aziende, tra cui Brambles, supply chain leader.
read more..

ANITA contro i divieti imposti dall'Austria al Brennero

16/01/2020

L'Associazione ha dato mandato al presidente Baumgartner di continuare l’azione di pressing sui Commissari UE ai trasporti e al mercato interno.
read more..

Nuovo immobile avviato da Prologis a Brembate (BG)

16/01/2020

L’edificio cross dock per il cliente Pe.Tra è vicino al casello Capriate della A4 Milano-Venezia; sarà consegnato in autunno e disporrà di tecnologie per il controllo remoto dei parametri energetici.
read more..
più letti

Rinnovato impegno di GEFCO nella Responsabilità d'impresa

24/06/2019

Nel 2018 il gruppo ha perseguito il miglioramento delle proprie pratiche di sviluppo sostenibile in tutte le aree di attività.
read more..

Sara Armella unico relatore italiano alla WCO Conference

24/10/2019

La relazione dell'avvocato, intevenuto al meeting a Skopje, ha toccato anche il tema delle conseguenze giuridiche ed economiche dei dazi di Trump che mettono in discussione norme e prassi consolidate.
read more..

Nasce a Milano ”BrighNet | Hub for Ideas”

21/02/2019

E' un network in cui il confronto sui temi di management aiuta a interpretare il presente per guidare il futuro. Appuntamento a Milano il 23 febbraio.
read more..

Prima metà del 2019 molto positiva per BAOLI

24/06/2019

Nel corso del Dealer Meeting della società sono stati presentati i dati dei primi 5 mesi, che evidenziano una crescita degli ordini rispetto allo stesso periodo 2018, anno con vendite da record.
read more..