Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Import / Export » Export italiano su del +7,4% nel 2017, con un volume d'affari di 448 miliardi di euro

Export italiano su del +7,4% nel 2017, con un volume d'affari di 448 miliardi di euro

Nel 2017 l’export italiano è cresciuto del +7,4% raggiungendo un volume di 448 miliardi di euro e un saldo positivo di oltre 47 miliardi di euro. Questo è quanto sostenuto dal Rapporto ICE 2017-2018 “L’Italia nell’economia internazionale” e dall’ Annuario statistico ISTAT-ICE “Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2018”, la cui presentazione è avvenuta lo scorso 12 luglio presso il palazzo Mezzanotte di Milano (sede della Borsa italiana). 


Italia nona nella classifica mondiale dei principali Paesi esportatori 
Il nostro Paese si colloca al nono posto nella classifica dei principali esportatori, appena dopo Corea del Sud e Paesi Bassi, sebbene la quota di mercato dell’Italia nell’export mondiale di merci abbia registrato una tiene perdita, scendendo dal 2,95% a 2,92%. Dall’annuario emerge che queste dinamiche hanno determinato una riduzione dell’avanzo commerciale (2,2 miliardi in meno rispetto al 2016) che nel 2017 ha raggiunto i 47,4 miliardi di euro. Tolti i prodotti energetici, l’attivo commerciale è stato pari a 81 miliardi di euro, con un forte aumento rispetto al 2016 (+4,5 miliardi). 


A chi piacciono di più i prodotti del made in Italy
I nostri prodotti vendono bene soprattutto nei mercati extra UE con risultati eccellenti in Cina (22%), Brasile (19%), Russia (19%), Sud Africa (16%) e Stati Uniti (10%). In Europa invece il made in Italy ha avuto molto successo in Irlanda (34%), Slovenia (13%), Portogallo (13%), Polonia (12%), Repubblica Ceca (11%) e Spagna (10%). Va rilevato però che nel 2017 Germania e Francia si sono confermate i principali mercati di sbocco dei nostri prodotti, con quote, rispettivamente, del 12,5% e del 10,3% sul totale delle esportazioni italiane. Gli States occupano saldamente il terzo posto tra i Paesi partner, con una quota del 9%, seguiti da Spagna (5,2%) e Gran Bretagna (5,2%). 


I settori che hanno trainato il nostro export nel 2017
Assai positivi i dati raggiunti da farmaceutica (+16%) seguita dalla metallurgia (+9,9%) e dai prodotti chimici (+9%). Tra i principali settori tradizionali del made in Italy, cresce ancora molto l’alimentare (+7,5%) mentre la moda ha ottenuto risultati più contenuti (tra i settori più performanti quelli di articoli in pelle a +5,9% e di articoli di abbigliamento a +4,7%). 


Gli interventi istituzionali a favore del made in Italy
Con il 2017 si è chiuso il primo triennio del piano straordinario per la promozione del made in Italy. Tra gli interventi pianificati la realizzazione di iniziative promozionali a sostegno di determinati settori; valorizzazione delle principali manifestazioni fieristiche italiane; campagne per rafforzare la presenza dei prodotti italiani nella GDO e per sostenere il loro accesso alle piattaforme di vendite online; azioni di formazione e strumenti (voucher per il temporary export management) per accrescere le competenze delle PMI nel loro progetto di espansione all'estero; campagne di comunicazione per promuovere l’immagine del made in Italy sui mercati esteri. I risultati ottenuti? L’88% delle imprese che hanno partecipato alle attività di formazione e informazione ha avviato nuovi progetti di sviluppo internazionale. Il valore medio in termini di ricavi generati dall’investimento di 1 euro in attività di promozione è pari a circa 3 euro con punte di 14/15 euro nella GDO e di 4/5 euro per i progetti di potenziamento delle fiere. 



16/07/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

VACANZE FELICI DALLO STAFF DI EUROMERCI

31/07/2018

Ci ritroviamo a settembre, con tantissimi appuntamenti (convegni, corsi, premiazioni, seminari, workshop) che ci attendono. E anche tante tante notizia di attualità e approfondimenti.
read more..

FS dirama i CV dei nuovi manager ai vertici aziendali

30/07/2018

Si tratta di Gianluigi Vittorio Castelli (presidente FS Italiane) e Gianfranco Battisti (amministratore delegato).
read more..

E' tempo di una legge contro le false cooperative

27/07/2018

E' quanto ha promesso Di Maio alla recente assemblea nazionale dell'Alleanza delle Cooperative; il vice-premier ha parlato anche della creazione di un fondo su misura per le imprese che puntano sull'innovazione tecnologica.
read more..

Confetra incontra a Roma il ministro Danilo Toninelli

26/07/2018

Scopo del meeting invitare il capo del dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla prossima assemblea della confederazione.
read more..
più letti

Inventory Optimization Value Matrix 2017, ToolsGroup al top

08/05/2017

Nell'analisi pubblicata da Nucleus Research la società si conferma tra i leader per il terzo anno consecutivo, grazie alla pianificazione avanzata delle scorte.
read more..

Progetto Campus, formazione secondo Hörmann Italia

28/07/2017

Una vera e propria Hörmann Academy, quella messa in piedi dall’azienda che da oltre 10 anni si rivolge ai propri partner proponendo un formazione continua e specializzante presso la sede di Lavis.
read more..

LPR elimina i chilometri a vuoto grazie a una speciale collaborazione con U Log

24/11/2017

A seguito di una dettagliata analisi dei rispettivi sistemi di trasporto, le due aziende hanno riscontrato che molti dei loro flussi di trasporto erano sovrapposti; li hanno allora messi in comune, togliendo dalla strada 70 camion.
read more..

L'industria 4.0 protagonista al 2° Manufactoring Forum

13/02/2018

L'evento si tiene il 12 e 13 marzo nella sede del Gruppo 24 Ore, a Milano; tanti i temi in discussione per apprendere a come ripensare la catena del valore nell'era digitale.
read more..