Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » In primo piano » DLgs 81, vantaggi nascosti di una corretta applicazione

DLgs 81, vantaggi nascosti di una corretta applicazione

Il Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 impone ai datori di lavoro una serie di obblighi in tema di sicurezza dei dipendenti. L’obiettivo? Realizzare un’analisi accurata ed esaustiva, individuare misure di tutela e redigere il DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) come documento conclusivo e obbligatorio per ogni azienda. In dettaglio, il report è volto a presentare una valutazione di tutti i rischi a cui è soggetto il personale, indicare le procedure da seguire in caso di pericolo e pianificare un programma di interventi volti alla riduzione dell’indice di rischio nelle diverse aree all’interno degli stabilimenti industriali, esplicitando le misure di prevenzione e i dispositivi di protezione ritenuti opportuni per migliorare, nel tempo, il livello di sicurezza. 

 

Ne parliamo con Marco Chiarini, general manager di Stommpy, azienda specializzata nella produzione di sistemi di protezione antiurto per uso industriale. “Il D. Lgs. 81 ha permesso di aggiornare e integrare, sulla base dell’esperienza maturata nel corso degli anni, i contenuti del D. Lgs. 626/94 ora abrogato e di tutte le precedenti normative in materia - esordisce Chiarini. Il rispetto delle prescrizioni costituisce un obbligo non solo etico e morale, ma anche giuridico. L’inosservanza comporta, infatti, importanti conseguenze sia, dal punto di vista amministrativo che penale, che prevedono una sanzione da 2.500 € a 6.400 € o l’arresto fino a 8 mesi.”


 

MARCO CHIARINI


Gli obblighi di legge introdotti in questi ultimi anni per disciplinare la materia vengono a volte interpretati più come adempimenti burocratici che come azioni efficaci per incrementare realmente i livelli di sicurezza in azienda. CHIARINI: Adottare concretamente un piano a favore della sicurezza, garantisce rilevanti effetti positivi su molteplici parametri di gestione dei processi, oltre a benefici economici non trascurabili. Per dimostrarlo Stommpy da sempre promotrice della sicurezza in ambito industriale, ha condotto una ricerca su un campione di quaranta clienti, nell’arco di tre anni, dove il piano di valutazione dei rischi ha previsto, tra i diversi provvedimenti, anche l’installazione di protezioni antiurto nelle aree di movimentazione delle merci. Le aziende oggetto di studio operano in diversi settori merceologici (alimentare, farmaceutico, automotive e logistico) con una catena del valore integrata dalla produzione, alla logistica.”

 

In che cosa consiste la campagna di sicurezza che lei ha ideato, la Valutazione dei rischi nella movimentazione dei carrelli adibiti al trasporto delle merci? CHIARINI: Si tratta di un progetto che ha coinvolto principalmente la figura dell’RSPP, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione aziendale, ma è stato oggetto d’attenzione anche per i titolari, facility manager e responsabili della manutenzione. Nel processo di valutazione dei rischi abbiamo analizzato con i clienti i percorsi dei mezzi, concentrandoci sui seguenti parametri: gli spazi disponibili per la manovra dei carrelli; la velocità di percorrenza;  i pesi e gli ingombri dei carichi trasportati; la condivisione dei percorsi dei carrelli con pedoni in movimento; l’adiacenza dei percorsi a postazioni di lavoro prive di protezione; la rilevanza economica e strategica delle infrastrutture quali: macchinari, quadri elettrici, scaffalature, porte o pareti presenti in prossimità dei percorsi, per il corretto svolgimento dei processi aziendali. Dai rilevamenti è emerso come lo stato operativo esistente generasse, in molteplici punti, potenziali rischi sia per il personale che per gli impianti.

 


Quali sono state le misure che avete suggerito di attuare? CHIARINI: Al fine di ridurre e/o eliminare le eventuali collisioni, abbiamo suggerito, ove possibile, di ampliare l’area di manovra dei carrelli, a favore di una maggiore visibilità nei punti di incrocio. Abbiamo, inoltre, proposto di modificare la disposizione di scaffalature e nastri trasportatori, delimitare le aree di parcheggio merci e i percorsi pedonali. Nella maggiore parte dei casi, in assenza di spazio, si è intervenuti installando dei sistemi di protezione antiurto Stommpy allo scopo di preservare le infrastrutture esistenti e tutelare, allo stesso tempo, i lavoratori. È fondamentale che la protezione antiurto sia idonea all’ambiente di lavoro in cui verrà installata, definita attraverso il calcolo preliminare dell’energia di impatto che il carrello può generare. A partire da questo risultato si può selezionare la protezione antiurto capace di contenerla e dissiparla nel pavimento senza danneggiarlo, altrimenti oltre a generare dei costi imprevisti al cliente, non si potrebbe garantire la resistenza della protezione antiurto agli urti successivi.

 


RISULTATI DELLA RICERCA

Al termine dei tre anni di test, i dati raccolti dal campione coinvolto nell’indagine hanno messo in evidenza risultati positivi, catalogati nelle voci sotto indicate.


      Riduzione delle spese per riparazione delle infrastrutture a causa delle collisioni con carrelli (pareti e colonne; stipiti e tamponi porta; ripiani e montanti di scaffalature; pavimentazione quando presenti sistemi di protezione antiurto tradizionali con fissaggi a tasselli; sostituzione delle protezioni antiurto con fissaggi standard a tasselli quando irreparabili). Il 72% dei clienti ha registrato un’eliminazione totale di queste spese; il 28% ha ottenuto una riduzione significativa di queste spese.


      Aumento dell’efficienza operativa: il 65% dei clienti ha registrato un’apprezzabile diminuzione dei tempi di manovra dei carrellisti; il 35% non ha registrato alcun miglioramento dei tempi di manovra.


      Risparmio sul premio INAIL(mod. OT24) per effetto della riduzione del coefficiente di rischio aziendale: il 76% dei clienti ha ottenuto un risparmio sul premio INAIL; il 24% dei clienti non ha ottenuto alcun risparmio sul premio INAIL, per cause indipendenti dall’applicazione del piano di valutazione dei rischi nella movimentazione dei carrelli in azienda; nessuna Azienda ha ottenuto un aumento del premio INAIL, per effetto dell’applicazione del piano di valutazione dei rischi nella movimentazione dei carrelli in azienda.

 

Riduzione degli infortuni a persone causati dalla collisione dei carrelli contro infrastrutture e/o persone: il 94% dei clienti ne ha registrato una completa eliminazione e il 6% ha avuto almeno un infortunio.

 


14/01/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

AsstrA-Associated Traffic e i (tanti) vantaggi della rotaia

18/04/2019

Il vice direttore operativo per il trasporto ferroviario del gruppo, Andrey Sulla, spiega perché il trasporto ferroviario è una valida alternativa alla strada.
read more..

Gruppo FS, il cda delibera prestiti obbligazionari

17/04/2019

Si tratta di un importo complessivo massimo di 1 miliardo e 750 milioni di euro; i proventi destinati anche all'acquisto di nuove locomotive per il traffico merci.
read more..

Kuehne + Nagel lancia la soluzione online KN Pledge

17/04/2019

Propone lead time garantito per il trasporto marittimo in container, coprendo tutte le combinazioni di consegna, da port-to-port a door-to-door.
read more..

A Mestre il primo gioco di ruolo sulle catene logistiche

17/04/2019

E' GIO.CA.LO – acronimo di GIOco della CAtena LOgistica - creato per formare i professionisti della logistica portuale e per permettere agli insegnanti di valutare la competenza degli studenti.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..