home » Le notizie di oggi » Alpla (imballaggi in plastica) adotta i principi Design for Recyclying

Alpla (imballaggi in plastica) adotta i principi Design for Recyclying

Alpla, leader nella produzione di imballaggi in plastica innovativi, ha fatto suoi i principi del Design for Recyclying, buone prassi che si dimostrano di importanza fondamentale per riuscire a raggiungere gli obiettivi di circolarità e quindi sostenibilità degli imballaggi. In sostanza, sulla base delle specifiche funzionali ed estetiche concordate con il cliente, già a partire dalle primissime fasi di design e progettazione tecnica Alpla è in grado di individuare le migliori soluzioni per assicurare che il packaging, sia esso un flacone, una boccetta o una bottiglia, sia non solo conforme alle specifiche del cliente, ma anche quanto più sostenibile e riciclabile possibile.

 

 

Lo scopo fondamentale del riciclo è quello di dare una seconda vita ai prodotti, sotto forma di oggetti o di nuovi imballaggi. Perché questo sia possibile è necessario che gli imballaggi siano concepiti in modo tale da risultare idonei allo scopo. Diventa così necessario prima di tutto lo studio accurato in fase di progettazione delle confezioni, al fine di garantire l’effettiva possibilità di riciclo del packaging e favorire quindi il suo riutilizzo in ottica circolare. Da qui l’importanza del concetto di Design for Recyclying.

 

 

Cosa succede una volta che vaschette, bottiglie o flaconi vengono differenziati? Quali sono le potenzialità di una seconda vita di questi oggetti all’interno di una economia circolare? Non tutti sanno che dal recupero e dal riciclo di bottiglie e flaconi possono prendere vita shopper, carrelli per la spesa, cassette per la frutta e gli ortaggi, componenti per veicoli, tubi idraulici e addirittura accessori di bigiotteria e oggetti di design, accessori e complementi d’arredo.

 

 

Il riciclo genera dunque valore, stimolando l’economia e prevenendo l’abbandono dei rifiuti nell’ambiente. Non solo. Gestendo i materiali plastici all’interno di un circuito chiuso, è possibile ottenere grandi risultati in termini di sostenibilità. Nel caso del PET riciclato (o rPET ovvero materiale che deriva dal riciclo di bottiglie di plastica post-consumo) è ad esempio possibile ridurre le emissioni di gas serra finanche al 90% rispetto ai processi che utilizzano il PET vergine. È questa la scelta che, ad esempio, ha compiuto PepsiCo, la quale si è impegnata a eliminare tutta la plastica vergine dalle proprie bottiglie a marchio Pepsi vendute in 9 mercati europei entro il 2022, sostituendola con la plastica riciclata dal recupero degli imballaggi post consumo (rPET) sull’intera gamma delle sue bevande. L’azienda stima che il passaggio al 100% rPET per queste bevande eliminerà oltre 70.000 tonnellate all’anno di plastica vergine a base di combustibili fossili e ridurrà le emissioni di carbonio per bottiglia di circa il 40%.

 


Quale leader mondiale nel settore degli imballaggi in plastica, Alpla ambisce a svolgere un ruolo attivo per sostenere l’affermazione di un’economia circolare efficiente nel comparto dell’imballaggio, che si sta sempre più focalizzando su materiali innovativi a basso impatto ambientale, tecnologie produttive sempre più green e manufacturing practices di sostenibilità. Ben si comprende dunque il ruolo svolto dal Design for Recyclying, nell’ambito del quale l’imballaggio completo deve essere progettato in modo da permettere un elevato grado di raccolta, successivo smistamento e rilavorazione. I principali criteri di progettazione devono tenere conto non solo dei materiali, ma anche degli additivi, dei colori e dell’inchiostro di stampa, nonché dei piccoli componenti che fanno eventualmente parte dell’imballaggio, i quali, in un’ottica olistica di sostenibilità, devono essere compatibili con il percorso circolare che porterà il package verso la sua seconda vita.



 

 

Un ottimo esempio di come l’economia circolare possa funzionare bene se tutti, lungo la catena del valore, agiscono insieme, è quello che coinvolge l’azienda slovena Donat, che opera nel settore delle acque minerali. All’insegna dello slogan “green to green”, in collaborazione con Alpla, Donat ha sostituito completamente l’imballaggio in PET e vetro con bottiglie green al 100% in rPET, raggiungendo una riduzione delle emissioni di carbonio fino al 90%. La decisione di Donat di non usare bottiglie in PET vergine o in vetro si traduce anche in un risparmio annuo di circa un milione e mezzo di litri di acqua potabile, di circa 98.000 kWh di elettricità e di 12.000 kg di detersivo.

 

 

Sulla base di una intensa attività di ricerca e sviluppo del packaging, Nivea, in collaborazione con Alpla, ha ideato un nuovo flacone e un nuovo tappo per la crema per il corpo della linea Naturally Good. Tappo e flacone sono stati infatti progettati per utilizzare il 50% in meno di plastica rispetto a una confezione tradizionale. Il flacone è particolarmente sottile e può essere “strizzato” e arrotolato come se fosse un tubetto di dentifricio.

 

13/04/2022, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Sindacati e Alsea siglano accordo per il welfare nei settori logistica, trasporto merci e spedizione

08/02/2023

Condivisa la necessità di offrire a lavoratori e imprese la possibilità di trasformare il premio di risultato, già previsto nell’accordo, in misure di welfare (comporta benefici fiscali e contributivi per lavoratori e datori di lavoro).
read more..

BCube nomina Luigi Bonzano AD e Umberto Bonzano consigliere delegato

08/02/2023

La nuova governance ha l’obiettivo di gestire la complessità aziendale tramite la definizione di regole, sistemi, processi, e rapporti societari che contribuiscano a una gestione efficiente dell’impresa.
read more..

Al via il 1° treno intermodale di Lugo Terminal SpA

06/02/2023

Il nuovo collegamento intensifica il traffico dalla Puglia verso Nord, in particolare Lombardia e Piemonte, creando un canale di comunicazione coi gateway di Benelux, Germania, Inghilterra, Grecia e Turchia.
read more..

Due nuovi uffici a Istanbul e Izmir per Gruber Logistics

06/02/2023

Le attività che il 3PL implementerà saranno traffici in import ed export dalla Turchia con un ampio raggio di servizi di trasporto che vanno dai carichi completi, parziali e groupage, ai trasporti eccezionali e air & ocean.
read more..
più letti

Brexit un anno dopo: l’impatto dei nuovi controlli doganali 2022

03/01/2022

Ecco quali sono costi e opportunità per chi opera commercialmente oltre Manica dopo la fine del periodo transitorio, tra falsi miti e un vocabolario da rivedere nella logistica verso il Regno Unito.
read more..

Evento di Intesa Sanpaolo sulle opportunità di ZES e ZLS

04/11/2022

Il convegno, in programma online martedì 8 novembre (ore 10,30) vedrà la partecipazione di commissari ZES, associazioni di categoria, autorità di sistema portuale, imprese e armatori.
read more..

Il commercio internazionale protagonista dell'assemblea pubblica di Alsea

10/10/2022

Nel corso dell'evento presentati i risultati di un'indagine condotta su oltre 700 imprese per comprendere le scelte di localizzazione delle attività̀ produttive e delle forniture delle aziende italiane e le motivazioni sottostanti le loro scelte.
read more..

Frozen logistics: venduti da K23 due immobili in Emilia R.

20/10/2022

Coprono una superficie complessiva di circa 12.000 metri quadri e sono già in uso sia ad Adriatica Logistics che al servizio di aziende produttrici del food&beverage e operatori della GDO. Si trovano adiacenti all'autostrada A4 e occupano circa 12mila mq.
read more..