home » Le notizie di oggi » Guida connessa e automatizzata (CAD), gli impatti secondo IRU

Guida connessa e automatizzata (CAD), gli impatti secondo IRU

Un recente rapporto di IRU (International Road Transport Union) illustra i risultati di uno studio condotto sulle possibili implicazioni occupazionali della guida connessa e automatizzata (CAD). IRU l'ha realizzato per conto della Direzione generale per la ricerca e l’innovazione (DG RTD) della Commissione europea su posti di lavoro, occupazione, competenze e conoscenze.


Lo studio si poneva due obiettivi: l’analisi e la valutazione degli impatti a breve, medio e lungo termine del CAD su posti di lavoro, occupazione, competenze e conoscenze, nonché consentire all’Unione Europea di agire tempestivamente per la salvaguardia e il miglioramento degli effetti positivi e la prevenzione o la mitigazione degli effetti negativi del CAD su posti di lavoro e occupazione.

 

Lo studio delinea quattro scenari per esplorare diverse condizioni per l’adozione della guida autonoma e la composizione del parco macchine fino al 2050.

Scenario 1: Veloce, privato, senza restrizioni e parzialmente distribuito (Assorbimento massimo);

Scenario 2: Veloce, privato, limitato e parzialmente distribuito (Assorbimento intermedio);

Scenario 3: Moderato, condiviso, ristretto e con distribuzione limitata (Assorbimento moderato);

Scenario 4: Lento, condiviso, limitato e a distribuzione limitata (Basso assorbimento).

 

Per avere una visione completa degli impatti sull’occupazione delle tecnologie CAD, è necessario considerare gli effetti indiretti, cioè gli effetti secondari. La transizione verso il trasporto automatizzato accelera il rinnovo della flotta, puntando su veicoli di maggior valore e su investimenti in infrastrutture e impianti. Questo non riguarda solo i settori manifatturiero e dei servizi, ma aumenta anche la domanda aggregata nell’economia nel suo complesso, che indirettamente guida l’occupazione.

 

Una maggiore crescita economica può anche facilitare la transizione verso nuovi requisiti di competenze e aiutare a migliorare alcune delle conseguenze negative dell’introduzione del CAD (perdite di posti di lavoro). Dato che un’economia prospera aumenta la potenziale creazione di entrate del governo, i governi saranno in una posizione migliore per rispondere alle sfide che vengono con il CAD. L’aumento delle entrate potrebbe essere usato per il sostegno agli investimenti, gli sforzi di riqualificazione per i lavoratori licenziati, o i sussidi di disoccupazione.

 

Il tasso di crescita annuale medio del PIL per l’UE negli anni dal 2020 al 2050 è dell’1,25%. L’adozione del CAD cambia leggermente lo sviluppo del PIL rispetto allo scenario di base. Nello scenario 1, il tasso medio annuo di crescita del PIL dell’UE tra il 2020 e il 2050 è dell’1,29%. Per gli altri scenari, l’impatto del CAD è positivo, ma meno pronunciato che nello scenario 1. L’aumento della domanda di veicoli automatizzati e i necessari investimenti in impianti di produzione e infrastrutture stimolano l’economia. Sia gli investimenti che il consumo dei trasporti sono più alti nello scenario 1, con una rapida adozione del CAD e un focus sul trasporto privato di passeggeri. Gli scenari 2 e 3 mostrano uno sviluppo simile del PIL, ma diversi fattori trainanti. Lo scenario 2 dimostra una maggiore importanza del consumo dei trasporti a causa di una rapida e privata adozione del CAD. Nello scenario 3, il CAD ha un impatto positivo sul PIL a causa degli investimenti richiesti per i servizi di condivisione. Questi spingono il PIL soprattutto dopo il 2040 e compensano il minor numero di veicoli venduti. Lo scenario 4 mostra un profilo simile, anche se ritardato nel tempo.

 

L’aumento del PIL e i suoi effetti indiretti positivi sull’occupazione possono compensare parzialmente la perdita di occupazione nei servizi di trasporto. Tuttavia, non è sufficiente a compensare completamente le grandi perdite di posti di lavoro. L’introduzione del CAD diminuisce l’occupazione totale in tutti gli scenari rispetto alla linea di base nel 2050.


 

I due modelli economici utilizzati, ASTRA (ASsessment of TRAnsport strategies model) e NEMESIS (New Econometric Model for Environment and Strategies Implementation for Sustainable Development), concordano sul fatto che l’occupazione totale si sviluppa negativamente a causa dell’introduzione del CAD. nel caso in cui il CAD arriva presto e senza restrizioni sul mercato, l’impatto negativo sull’occupazione totale è più grave perché si perdono più posti di lavoro nei servizi di trasporto. Entrambi i modelli mostrano simili effetti aggregati sull’occupazione, ma rispondono in modo diverso ai rispettivi driver economici. ASTRA risponde più forte sull’effetto di produttività degli investimenti nel CAD. Gli sviluppi in NEMESIS sono guidati dalla diminuzione dei costi di trasporto del CAD che migliora la competitività e le esportazioni.

 

Il trasporto su strada è un settore cruciale per l’economia europea, non solo per la connettività che fornisce a persone e merci, ma anche per l’occupazione che crea in tutta l’UE. Nel 2020 circa 4,5 milioni di persone risultano impiegate nel trasporto merci su strada e 2,1 milioni nel suo equivalente per i passeggeri in tutta l’UE. L’introduzione del CAD ha un profondo impatto sulla domanda di posti di lavoro nel settore del trasporto stradale, specialmente nel trasporto merci.

 

Allo stesso tempo, si può notare un cambiamento nella domanda di posti di lavoro, che offre opportunità per altre categorie di lavoro legate al trasporto stradale. Inoltre, come risultato della diffusione del CAD, saranno creati posti di lavoro nell’industria delle costruzioni e ulteriori posti di lavoro sono generati nell’industria manifatturiera, in particolare nei settori dell’elettronica, dei computer e dell’IT che sviluppano e producono la tecnologia CAD. 

 

Oltre a questi cambiamenti del mercato del lavoro, risultano ulteriori cambiamenti sociali, legati per esempio alle competenze richieste, all’equilibrio di genere, alla distribuzione anagrafica e ai livelli di reddito. 

05/02/2021, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Partita la collaborazione tra TELT e Rail Baltica

30/06/2022

La partnership tra i promotori delle nuove connessioni ferroviarie europee è stata siglata ai Connecting Europe Days, l’appuntamento della Commissione Ue che da dieci anni si confronta su presente e futuro delle reti TEN-T.
read more..

driveMybox sigla accordo strategico con Go.Trans

30/06/2022

La nuova nata del gruppo Contship Italia che fa leva sulla tecnologia digitale per portare efficienza e trasparenza nella gestione del trasporto container integrerà il business della società fondata da Franco Gobbi.
read more..

Friulia entra nel capitale della softwarehouse Infoera

30/06/2022

La società finanziaria della Regione Friuli-Venezia Giulia ha acquisito una partecipazione pari al 20%. Le restanti quote sono così ripartite: a Circle il 51% e a Catone Investimenti il 29%.
read more..

La figura della Logistica entra nel Codice civile

30/06/2022

Soddisfazione da parte di Assologistica per il compimento di un percorso avviato dall’Associazione sei anni fa. La novità legislativa consentirà uno sviluppo armonico e regolamentato delle attività logistiche nel nostro Paese.
read more..
più letti

Autorità regolazione trasporti sigla accordo con le Dogane

18/01/2021

Viene avviato un percorso condiviso e una sinergia strategica per una più efficace azione di ART e Agenzia delle Dogana e dei Monopoli in ambiti attinenti alle rispettive sfere di attività e di interesse comune.
read more..

Fabrizio Airoldi nuovo amministratore delegato GEODIS Italia

15/03/2021

E' parte dello staff dell'operatore dal 2006 e ora sarà a capo delle attività di Freight Forwarding e Contract Logistics in Italia; succede a Francesco Cazzaniga.
read more..

Presentata la prima relazione annuale dell'Agenzia ANSFISA

30/04/2021

L'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture stradali e autostradali - istituita all'indomani del crollo del ponte Morandi - ha tracciato il quadro della situazione delle nostre strade e ferrovie.
read more..

PMI Restart Academy, un appuntamento per la ripartenza economica

31/01/2021

L’evento, organizzato da Top Partners e MSC Crociere, pone al centro le PMI con il fine di ottimizzare il processo di transizione verso un’economia digitale, agile e sostenibile, presentando soluzioni e strumenti per cogliere opportunità concrete.
read more..