home » Le notizie di oggi » ”Pacchetto mobilità”, luci e ombre secondo AsstrA

”Pacchetto mobilità”, luci e ombre secondo AsstrA

Il trasporto automobilistico europeo è sulla soglia dei grandi cambiamenti. Il "Pacchetto mobilità", le multe per il riposo nelle cabine dei camion e la mancanza di conducenti professionisti creano nuove condizioni per il mercato dei trasporti. Quali conseguenze porteranno questi cambiamenti? Arthur Antonin, Spagna country manager di AsstrA, racconta dell'attuale situazione nel mercato di trasporti su strada.


Arthur Antonin, Spagna country manager di AsstrA


La notizia più discussa nell’ambito del trasporto su strada è quella sul "Pacchetto mobilità". Qual è lo scopo principale della sua implementazione? Antonin: Il “Pacchetto mobilità” della Commissione europea è una serie di iniziative riguardanti la gestione del trasporto stradale commerciale nell'Unione europea. Rappresenta il più grande cambiamento nelle normative sul trasporto stradale dell'UE e copre molti aspetti delle attività del settore. Ad esempio, in Spagna, la maggior parte delle spedizioni di esportazione nel 2018 è stata effettuata dai vettori lituani, rumeni o bulgari che non hanno un ufficio di rappresentanza in questo paese. Il "Pacchetto mobilità" limiterà la concorrenza, uniformerà le tariffe e aprirà il mercato ai vettori locali. La situazione è simile in tutta l'Europa. Secondo l'International Road Transport Union (IRU), il "Pacchetto mobilità" è stato adottato per risolvere una serie di problemi e sostenere lo sviluppo del trasporto stradale all'interno della regione europea. La standardizzazione e la semplificazione delle norme mirano a garantire una concorrenza leale, migliorare i valori ambientali ed implementare l'innovazione per tutti gli Stati membri dell'UE.


Il fatto che i vettori richiedono il rispetto della legislazione UE, prevedendo un periodo di riposo di 45 ore al di fuori del camion, comporterà i cambiamenti significativi? Antonin: Molto probabilmente, sì. In molti paesi europei, come Germania, Francia o Austria, sono state effettuate multe per inosservanza delle regole di riposo da parte di conducenti all'esterno della cabina del camion. In Spagna, ad esempio, il divieto di un periodo di riposo di 45 ore all'interno della cabina del camion è entrato in vigore solo quest'anno . Secondo le nuove norme, il regolare riposo settimanale non può essere effettuato all'interno del veicolo. Lo scopo della legge è migliorare le condizioni di lavoro dei conducenti e combattere le pratiche commerciali sleali e le violazioni nel settore dei trasporti.



E per quanto riguarda l’età media dei conducenti? Essa potrebbe mettere in discussione le prospettive a lungo termine di questo tipo di trasporto? Antonin: Devo ammettere che la situazione non sembra ottimista. Secondo le previsioni della German Association for freight forwarding and logistics (DSLV), due terzi dei conducenti andranno in pensione nei prossimi 15-20 anni. L'età media dei conducenti in Europa è sconfortante. Secondo i media britannici, la carenza di conducenti aumenta a un tasso di 50 persone al giorno, mentre l'età media dei professionisti è di 55 anni. In Spagna, la situazione non è migliore. Secondo le informazioni della Direzione generale del traffico, il 70% dei conducenti ha più di 50 anni. L'Associazione tedesca di logistica e spedizionieri riferisce che in Germania solo un terzo dei conducenti di camion è composto da persone di età inferiore ai 45 anni. La Polonia ha bisogno di 100.000 conducenti. L'ufficio del lavoro olandese nel suo rapporto informa che il tasso di crescita medio della carenza di conducenti è del 35% all'anno.Le ragioni principali di questa situazione sono le condizioni di lavoro difficili e l'alto costo di permessi. A causa della situazione attuale, vi è una significativa migrazione di conducenti tra i paesi. Il trasporto automobilistico europeo sta tracciando una nuova rotta.

 

13/06/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Porto di Venezia: si riattiva il traffico automotive

28/05/2020

Dopo lo stop per l'emergenza pandemica è giunto nel terminal di Fusina un convoglio ferroviario carico di 240 automobili provenienti dalla Romania.
read more..

Il futuro delle consegne in città? Digitali e green

28/05/2020

E' quanto sostenuto da Massimo Marciani, presidente del Freight Leaders Council, durante la presentazione del rapporto “MobilitAria 2020”.
read more..

Bocconi e Plug and Play per B4i - Bocconi for innovation

28/05/2020

E' pronta la seconda ‘Bocconi for Innovation Startup Call’ dal 3 giugno fino al 19 luglio 2020: per le startup selezionate 30 mila euro e un percorso di accelerazione di quattro mesi.
read more..

Webinar sugli effetti della pandemia nel largo consumo

28/05/2020

Lo organizza martedì 9 giugno GS1 Italy e sarà l'occasione per presentare i risultati di una ricerca realizzata con la collaborazione di LIUC Università Cattaneo e Politecnico di Milano.
read more..
più letti

Traffico merci Tirrenia da record da/per la Sicilia

07/01/2019

La compagnia registra una crescita di oltre il 35%, pari a un incremento di più di 500mila metri lineari nel totale trasportato da e per l'isola.
read more..

Soluzioni Toshiba per rendere smart i processi della logistica

07/01/2019

Edge computing leggero e smart glass proposti dalla Casa nipponica migliorano produttività e qualità del nostro settore.
read more..

Polo Mercitalia dà vita a Mercitalia Maintenance

07/01/2019

La neonata società è specializzata nella manutenzione e revisione di carri ferroviari destinati al traffico merci.
read more..

Successo dei carrelli elevatori elettrici CAT a 48 Volt

07/01/2019

Elevata manovrabilità e design ergonomico sono alcune delle caratteristiche più apprezzate di queste macchine innovative.
read more..