Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Le notizie di oggi » ”Pacchetto mobilità”, luci e ombre secondo AsstrA

”Pacchetto mobilità”, luci e ombre secondo AsstrA

Il trasporto automobilistico europeo è sulla soglia dei grandi cambiamenti. Il "Pacchetto mobilità", le multe per il riposo nelle cabine dei camion e la mancanza di conducenti professionisti creano nuove condizioni per il mercato dei trasporti. Quali conseguenze porteranno questi cambiamenti? Arthur Antonin, Spagna country manager di AsstrA, racconta dell'attuale situazione nel mercato di trasporti su strada.


Arthur Antonin, Spagna country manager di AsstrA


La notizia più discussa nell’ambito del trasporto su strada è quella sul "Pacchetto mobilità". Qual è lo scopo principale della sua implementazione? Antonin: Il “Pacchetto mobilità” della Commissione europea è una serie di iniziative riguardanti la gestione del trasporto stradale commerciale nell'Unione europea. Rappresenta il più grande cambiamento nelle normative sul trasporto stradale dell'UE e copre molti aspetti delle attività del settore. Ad esempio, in Spagna, la maggior parte delle spedizioni di esportazione nel 2018 è stata effettuata dai vettori lituani, rumeni o bulgari che non hanno un ufficio di rappresentanza in questo paese. Il "Pacchetto mobilità" limiterà la concorrenza, uniformerà le tariffe e aprirà il mercato ai vettori locali. La situazione è simile in tutta l'Europa. Secondo l'International Road Transport Union (IRU), il "Pacchetto mobilità" è stato adottato per risolvere una serie di problemi e sostenere lo sviluppo del trasporto stradale all'interno della regione europea. La standardizzazione e la semplificazione delle norme mirano a garantire una concorrenza leale, migliorare i valori ambientali ed implementare l'innovazione per tutti gli Stati membri dell'UE.


Il fatto che i vettori richiedono il rispetto della legislazione UE, prevedendo un periodo di riposo di 45 ore al di fuori del camion, comporterà i cambiamenti significativi? Antonin: Molto probabilmente, sì. In molti paesi europei, come Germania, Francia o Austria, sono state effettuate multe per inosservanza delle regole di riposo da parte di conducenti all'esterno della cabina del camion. In Spagna, ad esempio, il divieto di un periodo di riposo di 45 ore all'interno della cabina del camion è entrato in vigore solo quest'anno . Secondo le nuove norme, il regolare riposo settimanale non può essere effettuato all'interno del veicolo. Lo scopo della legge è migliorare le condizioni di lavoro dei conducenti e combattere le pratiche commerciali sleali e le violazioni nel settore dei trasporti.



E per quanto riguarda l’età media dei conducenti? Essa potrebbe mettere in discussione le prospettive a lungo termine di questo tipo di trasporto? Antonin: Devo ammettere che la situazione non sembra ottimista. Secondo le previsioni della German Association for freight forwarding and logistics (DSLV), due terzi dei conducenti andranno in pensione nei prossimi 15-20 anni. L'età media dei conducenti in Europa è sconfortante. Secondo i media britannici, la carenza di conducenti aumenta a un tasso di 50 persone al giorno, mentre l'età media dei professionisti è di 55 anni. In Spagna, la situazione non è migliore. Secondo le informazioni della Direzione generale del traffico, il 70% dei conducenti ha più di 50 anni. L'Associazione tedesca di logistica e spedizionieri riferisce che in Germania solo un terzo dei conducenti di camion è composto da persone di età inferiore ai 45 anni. La Polonia ha bisogno di 100.000 conducenti. L'ufficio del lavoro olandese nel suo rapporto informa che il tasso di crescita medio della carenza di conducenti è del 35% all'anno.Le ragioni principali di questa situazione sono le condizioni di lavoro difficili e l'alto costo di permessi. A causa della situazione attuale, vi è una significativa migrazione di conducenti tra i paesi. Il trasporto automobilistico europeo sta tracciando una nuova rotta.

 

13/06/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Viadotti autostradali, il Mit sta preparando vademecum per i concessionari

17/06/2019

Il documento - elaborato con l'ausilio di esperti delle Università di Trento, Roma La Sapienza, Federico II Napoli, Politecnico di Torino e Università di Chieti - conterrà indicazioni omogenee sui criteri per la sicurezza di ponti e cavalcavie.
read more..

A settembre a Torino gli Stati Generali Mondo del Lavoro

17/06/2019

L'edizione 2019 dell'evento è focalizzata su innovazione, sviluppo e sostenibilità, le tre componenti attorno a cui sta ruotando il sistema produttivo del capoluogo piemontese.
read more..

Il porto di Triste sigla accordo con Ferrovie Lusemburghesi

17/06/2019

Obiettivo, consolidare gli scambi col polo logistico lussemburghese di Bettembourg, una delle più grandi piattaforme ferroviarie europee.
read more..

Il gruppo Orsero si aggiudica il 75% di Fruttital Cagliari

17/06/2019

Il corrispettivo è stato pattuito in 5,1 milioni di euro e la società specializzata nella distribuzione all'ingrosso di ortofrutta nel territorio sardo diverrà l'hub in Sardegna del gruppo.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..