home » In primo piano » Basta attacchi agli armatori italiani, lo chiede Confitarma

Basta attacchi agli armatori italiani, lo chiede Confitarma

Nelle ultime settimane, la diffusione strumentale di notizie sul tema dei marittimi comunitari ed extracomunitari imbarcati sulle navi di bandiera italiana ha trovato ampio spazio sui media nazionali dando luogo a un’informazione di parte e scorretta che, travisando la reale situazione, denigra gravemente e offende l’intera categoria degli armatori italiani. 


Quel Registro internazionale che crea occupazione
Dal 1998, con l’istituzione del Registro internazionale, la flotta mercantile italiana è più che raddoppiata e con essa è raddoppiato il numero dei marittimi imbarcati che oggi sono più di 60.000, in prevalenza italiani/comunitari. Il Registro Internazionale Italiano è un successo della politica marittima italiana che, attraverso la flessibilità, crea occupazione. 


Contratti internazionali per i marittimi non comunitari
Inoltre, per quanto riguarda i marittimi extracomunitari imbarcati sulle navi italiane, i contratti di lavoro che vengono applicati sono regolati a livello internazionale e riconosciuti dall’ordinamento italiano. Pertanto, Confitarma replicherà nelle sedi opportune agli attacchi diffamatori e si riserva, nel caso vengano ripetute tali azioni offensive, di ricorrere a tutti gli strumenti più idonei per tutelare l’immagine della categoria che rappresenta. Per evitare ulteriori strumentalizzazioni, Confitarma chiederà a tutte le forze politiche e ai media nazionali un confronto diretto al fine di approfondire il ruolo e il valore del settore marittimo in Italia e illustrare, numeri alla mano, i risultati ottenuti negli ultimi venti anni grazie alla Legge n.30 del 1998.

29/03/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Porto di Venezia: si riattiva il traffico automotive

28/05/2020

Dopo lo stop per l'emergenza pandemica è giunto nel terminal di Fusina un convoglio ferroviario carico di 240 automobili provenienti dalla Romania.
read more..

Il futuro delle consegne in città? Digitali e green

28/05/2020

E' quanto sostenuto da Massimo Marciani, presidente del Freight Leaders Council, durante la presentazione del rapporto “MobilitAria 2020”.
read more..

Bocconi e Plug and Play per B4i - Bocconi for innovation

28/05/2020

E' pronta la seconda ‘Bocconi for Innovation Startup Call’ dal 3 giugno fino al 19 luglio 2020: per le startup selezionate 30 mila euro e un percorso di accelerazione di quattro mesi.
read more..

Webinar sugli effetti della pandemia nel largo consumo

28/05/2020

Lo organizza martedì 9 giugno GS1 Italy e sarà l'occasione per presentare i risultati di una ricerca realizzata con la collaborazione di LIUC Università Cattaneo e Politecnico di Milano.
read more..
più letti

Presentazione a Trieste dei risultati di ”SECNET”

27/03/2019

Il progetto di cooperazione istituzionale transfrontaliera per il rafforzamento della security portuale è co-finanziato dal programma Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020.
read more..

Importante ordine di carrelli agli ioni di litio per Linde

02/02/2019

Un numero cospiquo di macchine della Casa tedesca e dotati di questa tecnologia verrà impiegato da BLG Logistics.
read more..

AsstrA-Associated Traffic partecipa alla Breakbulk Americas di Houston

21/11/2019

L'evento è l'ultimo delle quattro mostre (Middle East, Asia, Europe, America) dedicate a successi e tendenze mondiali nel campo della project logistics.
read more..

Torna a Roma il Forum Mercintreno (Nona edizione)

25/10/2019

Dal 2009 è luogo di confronto per i stakeholders del settore, si svolgerà il 30 ottobre prossimo presso la sede del CNEL.
read more..