home » Le notizie di oggi » IUNGO aiuta le società tedesche che aprono in Italia

IUNGO aiuta le società tedesche che aprono in Italia

Oltre il 70% delle aziende tedesche ha avviato o sta valutando la ricerca di nuovi fornitori e quasi il 45% è alla ricerca di nuove sedi produttive: è quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Camera di commercio italo-germanica che tratteggia uno scenario in cui il Belpaese si rivelerebbe la destinazione preferita per le nuove catene produttive delle imprese tedesche.


 

Pandemia da covid e contromisure, guerra in Ucraina, carenza di materie prime e caro bollette, infatti, stanno ridisegnando l’intero quadro geoeconomico europeo, minato dal rallentamento dei flussi di cassa e dall’aumento dei prezzi: l’Italia è pronta ad accogliere le aziende germaniche? Chi agevolerà il loro processo di rilocalizzazione? Come?

 


Con l’obiettivo di facilitare la ricerca di nuovi fornitori in Italia per l’industria tedesca, Iungo (www.iungo.com), piattaforma di supply chain collaboration in cloud nata nel 2001 come spin-off della facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, spiega come la tecnologia in cloud può semplificare il suo riassetto.

 


"Sempre più clienti ci danno conferma di questo trend di rilocalizzazione. Molti di loro, infatti, evidenziano la necessità di dover iniziare a dialogare con capo-filiera tedeschi. La possibilità di accedere a un piattaforma di supplier collaboration già ampiamente utilizzata dalle aziende italiane, attraverso una tecnologia scalabile, è la soluzione ideale per entrare in un mercato strutturalmente molto diverso da quello tedesco. A mio avviso sono principalmente due gli elementi da considerare sotto questo punto di vista: la dimensione delle aziende e la grande flessibilità che sono in grado di esprimere. Iungo, a questo proposito, può essere considerato lo strumento di armonizzazione del “rigore” tedesco e della “flessibilità” italiana. ” - dichiara Luca Mongiorgi, responsabile marketing di Iungo.


 

Alle imprese tedesche occorrerà, più di ogni altra cosa, una valutazione a monte oggettiva dei fornitori per consentire ai loro uffici acquisti una selezione di partner alternativi qualificati che offrano condizioni economiche favorevoli e in grado di prevenire i disagi al quale l’attuale contesto storico ci ha abituati tra pianificazioni interrotte e mancate consegne.

 


Una piattaforma digitale di supply chain management in cloud permetterebbe alle aziende tedesche di dar seguito a un interscambio commerciale tra Italia e Germania che nel primo trimestre del 2022 si aggirava intorno ai 85,9 miliardi di euro, registrando un aumento del 23,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

 


Come? Anche di fronte a eventi imprevedibili, questo tipo di tecnologia è in grado di ingaggiare nuovi fornitori alternativi che possano subentrare in tempi brevi - senza costi aggiuntivi, formazione e installazione di alcun software - e nel rispetto del lead time di consegna finale. Questo grazie alla visibilità completa di un parco fornitori ampio e qualificato, precedentemente misurato e monitorabile in tempo reale.


 

All’avvio di una nuova gara di acquisto, ad esempio, il buyer tedesco potrà selezionare e includere solo i fornitori qualificati secondo i propri standard produttivi, garantendo così che l’assegnazione della gara al fornitore vincente avvenga nella maniera più efficace possibile: questo metodo permette di evitare perdite di tempo date da eventuali verifiche ulteriori sullo stato di qualifica del fornitore scelto e della disponibilità della documentazione obbligatoria fornita e soprattutto aggiornata in tempo reale. - chiarisce Mongiorgi Il cloud permette infatti di avere evidenza in tempo reale di tutte le interazioni con i fornitori su ogni transazione/processo gestito. Si possono monitorare anche le negoziazioni in corso, gli ordini di acquisto e intervenire tempestivamente per prevenire problematiche quali: eventuali ritardi di consegna, mancata disponibilità da parte del fornitore sulla quantità parziale e/o totale del materiale richiesto/ordinato, mancata compilazione da parte del fornitore di una richiesta di offerta entro i termini di scadenza previsti dalla gara di acquisto, mancato feedback su un ordine richiesto”.

 

Le imprese tedesche che adotteranno una piattaforma di supply chain collaboration in cloud, come quella ideata da Iungo, saranno in grado di ricostruire il proprio processo produttivo senza discontinuità.




 

 

Luca Mongiorgi, responsabile marketing di Iungo



 

Chi è Iungo


Nata nel 2001 come spin-off della facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia da un’idea di Andrea Tinti, CEO & founder classe 1972, la società ha ideato una piattaforma per l’ottimizzazione della supply chain collaboration e dei processi aziendali correlati grazie a un’innovativa tecnologia in cloud adottata, tra gli altri, da Ima Group, Datalogic, Luxottica. Dopo essere stata indicata da Gartner come leader di un nuovo trend di mercato e inserita nella classifica FT 1000 – Europe’s Fastest Growing Companies 2020, ha vinto il premio Cribis Prime Company 2020 e 2021. Iungo ha sede a Modena e a Milano.


25/01/2023, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

BCube nomina Luigi Bonzano AD e Umberto Bonzano consigliere delegato

08/02/2023

La nuova governance ha l’obiettivo di gestire la complessità aziendale tramite la definizione di regole, sistemi, processi, e rapporti societari che contribuiscano a una gestione efficiente dell’impresa.
read more..

Al via il 1° treno intermodale di Lugo Terminal SpA

06/02/2023

Il nuovo collegamento intensifica il traffico dalla Puglia verso Nord, in particolare Lombardia e Piemonte, creando un canale di comunicazione coi gateway di Benelux, Germania, Inghilterra, Grecia e Turchia.
read more..

Due nuovi uffici a Istanbul e Izmir per Gruber Logistics

06/02/2023

Le attività che il 3PL implementerà saranno traffici in import ed export dalla Turchia con un ampio raggio di servizi di trasporto che vanno dai carichi completi, parziali e groupage, ai trasporti eccezionali e air & ocean.
read more..

Il gruppo Columbus primo 3PL carbon neutral in Italia

06/02/2023

L'obiettivo della carbon neutrality è stato raggiunto grazie a una straordinaria attenzione alla riduzione dell’impatto ambientale generato da tutti processi e al ritiro di crediti di carbonio da progetti di compensazione certificati Verra.
read more..
più letti

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..

Nuovo sorter nei magazzini bergamaschi di Bracchi

20/04/2022

Il macchinario è capace di lavorare più di 500 colli all’ora nei depositi di Fare Gera D’Adda (Bergamo) ed è capace di lavorare più di 500 colli all’ora, dimezzando i tempi di scarico container.
read more..

Logistics Capital Partners premiata al MIPIM 2022

21/03/2022

Lo sviluppatore di immobili per logistica si aggiudica l’ambito premio ai MIPIM Awards 2022 con il progetto “LCP Trecate”, nella categoria Best Industrial&Logistics Development.
read more..

Inaugurata nuova sede per la filiale di Cuneo di FERCAM

20/02/2022

Il nuovo impianto si estende su una superficie di circa 2.000 mq, con 26 ribalte di carico; per gli addetti amministrativi a disposizione 368 mq tra uffici, sale riunioni e servizi.
read more..