Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Dal mercato » Simpool lancia il pallet in plastica riciclata al 100%

Simpool lancia il pallet in plastica riciclata al 100%

GreenyPack nasce dall’impegno etico e dalla partnership tra due realtà chiave dell’economia circolare del Nord Italia: Simpool, startup innovativa che offre innovazione e consulenze strategiche per la logistica abbinata agli imballaggi terziari, e Tregenplast, azienda attiva nel recupero ecologico e nella rigenerazione di rifiuti plastici. 

 

 

GreenyPack è una linea di pallet in plastica rigenerata al 100%, disponibile in diversi formati e allestimenti, prodotto e commercializzato in esclusiva da queste due società; è in materiale ottenuto interamente dal recupero dei poliaccoppiati (Tetra Pak, imballaggi per alimenti e prodotti dolciari ecc. spesso composti da carta, polietilene e alluminio). I pallet GreenyPack provengono interamente dal recupero e dalla trasformazione degli scarti di lavorazione e dalle plastiche post-consumo, e al termine del loro ciclo di vita nei flussi logistici, possono essere a loro volta riciclati e destinati ad altri utilizzi. 

 

I pallet GreenyPack provengono interamente dal recupero e dalla trasformazione degli scarti di lavorazione e dalle plastiche post-consumo


 

Del recupero se ne occupa Tregenplast, situata a Cassina De’ Pecchi, alle porte di Milano e al centro di una zona ricca di aziende produttive. Collaborando attivamente con le imprese del Nord e del resto d’Italia, l'azienda si inserisce al termine del ciclo di produzione e commercializzazione dei prodotti plastici, per il recupero ecologico e la riduzione dei costi di smaltimento. Dopo un’attenta cernitura, la plastica subisce varie fasi di processo e viene trasformata in un granulo di elevata qualità adatto alle lavorazioni di stampaggio ed estrusione dei pallet GreenyPack, in formati differenti, adatti e adattabili alle specifiche esigenze di ogni tipologia di cliente. 



“Ipotizzare che lo scarto di lavorazione di un prodotto possa diventare la piattaforma su cui quello stesso prodotto viaggia è sensazionale. Il ciclo si chiude, con il rifiuto che attraverso il riciclo diventa materia prima secondaria - sottolinea Angelo Mancuso, AD di Simpool. “Le caratteristiche e i vantaggi di adottare la plastica rigenerata sono molteplici e confermano l’impegno etico e sociale condiviso da Simpool e Tregenplast.” conferma Maurizio DiCataldo, direttore commerciale di Tregenplast. 



La plastica subisce varie fasi di processo e viene trasformata in un granulo di elevata qualità 



GreenyPack, disponibile in diversi formati e soluzioni, è ecologico perché è ottenuto dalla raccolta, selezione e rigenerazione dei poliaccoppiati, un materiale da imballaggio che può essere costituito da più strati - polietilene, carta e alluminio - che anziché essere inviato in discarica o all’incenerimento come generalmente accade, subisce un processo di trasformazione per ottenere granuli adatti alla produzione di nuovi imballaggi. E' igienico: mantiene il massimo livello di integrità igienica in ogni condizione. Non è attaccabile da batteri né muffe né insetti; è lavabile, resiste all’acqua e all’umidità. Robusto e leggero: resiste agli urti e non si scheggia. Ha una portata massima dinamica elevata e resistenza comprovata alla flessione, nonostante abbia un peso minore del pallet EPAL. E' pure economico: le fasi di rigenerazione della plastica non incidono sul costo del bancale che si mantiene pressoché equiparabile a un tradizionale pallet in legno. La robustezza e la leggerezza permettono di ridurre le spese di riparazione oltre che di trasporto, gestione dei resi e del magazzino. E' modulare, facilmente riparabile e riassemblabile, essendo composto da componenti separabili. E' infinito, avendo un ciclo di vita potenzialmente eterno. Una volta terminato l’utilizzo nella supply chain, può essere triturato e trasformato in nuovi pallet o altri prodotti in plastica riciclata. E' innestabile e impilabile in modo da salvare spazio all’interno del magazzino. E' export free: GreenyPack non necessita né del trattamento di fumigazione, né dei trattamenti aggiuntivi per l’esportazione, né della burocrazia correlata. Infine è unico e intelligente: oltre che con il proprio logo, GreenyPack è personalizzabile secondo le proprie esigenze e allocando, al riparo da urti e graffi, etichette, codici variabili, sistema RFID ecc. e tutte le possibilità offerte dall’IOT. 




Innumerevoli sono le qualità del GreenyPack, compreso il fatto che ha un ciclo di vita praticamente infinito 

 


La prima società a credere nel progetto di una logistica “green” è stata Bayer Italia che ha rivoluzionato l’intera rete di distribuzione dei suoi prodotti verso farmacie, ospedali e case di cura all’insegna della sostenibilità. Bayer ha sostituito l’intero polmone operativo di pallet EPAL con il GreenPallet Bayer 2.0 in plastica 100% riciclata da poliaccoppiati, 100% riutilizzabile e 100% recuperabile a fine vita. Una soluzione più ecologica, più duratura, più performante e più economica che conferma quanto l’attenzione per l’ambiente sia fondamentale nelle strategie di business delle grandi imprese.

09/12/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

A TREVISO IL SECONDO CONVEGNO DELL’OSSERVATORIO “GINO MARCHET”

16/01/2020

Si terrà giovedì 30 gennaio 2020, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso Best Western Premier BHR Treviso Hotel, in via Postumia Castellana, a Quinto di Treviso.
read more..

Ellen MacArthur Foundation mette a punto Circulytics

16/01/2020

Si tratta di uno strumento di misurazione della circolarità, ottenuto grazie al contributo di varie aziende, tra cui Brambles, supply chain leader.
read more..

ANITA contro i divieti imposti dall'Austria al Brennero

16/01/2020

L'Associazione ha dato mandato al presidente Baumgartner di continuare l’azione di pressing sui Commissari UE ai trasporti e al mercato interno.
read more..

Nuovo immobile avviato da Prologis a Brembate (BG)

16/01/2020

L’edificio cross dock per il cliente Pe.Tra è vicino al casello Capriate della A4 Milano-Venezia; sarà consegnato in autunno e disporrà di tecnologie per il controllo remoto dei parametri energetici.
read more..
più letti

Rinnovato impegno di GEFCO nella Responsabilità d'impresa

24/06/2019

Nel 2018 il gruppo ha perseguito il miglioramento delle proprie pratiche di sviluppo sostenibile in tutte le aree di attività.
read more..

Sara Armella unico relatore italiano alla WCO Conference

24/10/2019

La relazione dell'avvocato, intevenuto al meeting a Skopje, ha toccato anche il tema delle conseguenze giuridiche ed economiche dei dazi di Trump che mettono in discussione norme e prassi consolidate.
read more..

Nasce a Milano ”BrighNet | Hub for Ideas”

21/02/2019

E' un network in cui il confronto sui temi di management aiuta a interpretare il presente per guidare il futuro. Appuntamento a Milano il 23 febbraio.
read more..

Prima metà del 2019 molto positiva per BAOLI

24/06/2019

Nel corso del Dealer Meeting della società sono stati presentati i dati dei primi 5 mesi, che evidenziano una crescita degli ordini rispetto allo stesso periodo 2018, anno con vendite da record.
read more..