home » L'intervista » Alessio Totaro, partnter dello Studio Legale RP Legal & Tax

Alessio Totaro, partnter dello Studio Legale RP Legal & Tax

Il mondo della logistica sta cambiando sotto molti punti di vista, non solo quindi negli aspetti operativi e organizzativi, ma anche per quel che concerne la componente contrattualistica.

Soprattutto nuovi accordi fra aziende del settore si affacciano e impongono in maniera sempre più decisa. Ne abbiamo parlato con l’avv. Alessio Totaro, partner dello Studio Legale RP Legal & Tax.

 

 

Quali sono, a parer suo, gli accordi interaziendali che si stanno imponendo in ambito logistico?

Totaro: Senza dubbio crescono interesse e attenzione verso gli accordi di reti di imprese e le joint venture.

 

 

Partiamo dalla rete di imprese: uniti è meglio? Oppure qualcosa non va nell’applicazione pratica di tale tipo di accordo?

Totaro: Si tratta di un eccellente modello giuridico, presente da anni sul mercato, che si è purtroppo scontrato con il timore generato dall’idea che la rete di imprese comporti essenzialmente la necessità di mettere in comune i propri clienti con partner fino a ieri potenziali competitor. Siamo in realtà presenza di un contratto molto più complesso ed articolato, che consente principalmente ai partecipanti di mettere a fattor comune attività e risorse per migliorare il funzionamento aziendale e rafforzare la competitività degli aderenti alla rete, realizzando obiettivi spesso ritenuti troppo ambiziosi per la singola azienda. La condivisione dei clienti non è indispensabile e, se presente nell’accordo di rete, può essere sviluppata mediante meccanismi di tutela che sterilizzano i timori degli imprenditori. In logistica ci sono esempi di successo di tali tipologie di aggregazione, inizialmente frutto di imposizione da parte della committenza che aveva interesse ad avere un singolo interlocutore che aggregasse la moltitudine di piccoli fornitori. Il problema fondamentale è a mio avviso legato alle dinamiche di gestione e governance della rete. Gli imprenditori devono comprendere che la rete è qualcosa di diverso ed in alcuni casi superiore rispetto alle loro aziende. Un ‘ombrello’ al di sotto del quale le loro società continuano ad operare. Per tale ragione, la rete deve essere gestita da soggetti terzi, professionali, estranei agli imprenditori delle aziende aderenti e che abbiano a cuore principalmente lo sviluppo delle attività di rete. Poi il vantaggio per le singole società aderenti verrà di seguito ed automaticamente.



I punti deboli li abbiamo capiti, ma quali sono i vantaggi di tali reti?

Totaro: Per la logistica e il trasporto l’aggregazione ha l’indubbio vantaggio di aumentare immediatamente la forza commerciale delle singole aziende, migliorandone lo sfruttamento della capacità produttive, riducendo i costi operativi, aumentando i coefficienti di riempimento dei mezzi e soprattutto aumentando la qualità percepita del servizio. Il contratto di rete legittima peraltro la co-datorialità, permettendo una flessibilità del lavoro che nella logistica e nel trasporto è diventata oggi vitale.

 

 

E veniamo alla joint venture…

Totaro: A mio avviso è uno degli scenari che dovranno prendere più piede in futuro. Si tratta essenzialmente di accordi associativi tra imprese che partono dalla condivisione di obiettivi commerciali ben precisi e che, grazie al percorso necessario per raggiungere tali obiettivi insieme, permettono agli imprenditori di studiarsi a vicenda per capire se si può essere migliori e più competitivi insieme. Taluni accordi prevedono già che, al raggiungimento di determinati risultati positivi e predeterminati, le due aziende debbano fare un passo ulteriore verso la creazione di un nuovo organismo unitario, più grande e solido. In questo modo si creano le basi per avere aziende più strutturate, solide e competitive con tutti i benefici già visti per le reti di imprese, ma con l’ulteriore vantaggio di una gestione ed una visione unitaria.

 

Ornella Giola

26/10/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Dalla fusione di CTA e CTL nasce Good Truck

06/05/2021

Le due coop bolognesi hanno dato vita a un gruppo con oltre 680 dipendenti e soci e un fatturato di oltre 90 milioni di euro; ha sede ad Anzola dell’Emilia (Bologna) e 7 magazzini distaccati tra Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia.
read more..

Siglato importante accordo UIR - Enel Logistics

06/05/2021

Le due realità daranno vita a una rete di depositi doganali nelle aree non utilizzate di alcune centrali elettriche sul territorio italiano, secondo logiche circolari.
read more..

Autotrasporto, contributo ART sospeso per l'anno 2021

06/05/2021

La Commissione Bilancio e Finanze del Senato, che sta discutendo il Decreto Sostegni, ha approvato un emendamento al testo del decreto, che esonera le imprese del settore dalla contribuzione, causa gli effetti della pandemia.
read more..

Freight Leaders Council e TTS Italia siglano accordo

04/05/2021

Firmato un protocollo di intesa che ha dato il via a una collaborazione a lungo termine nell’area della trasformazione digitale della logistica, diffondendo cultura dell’innovazione nel settore.
read more..
più letti

Pedaggi autostradali, stop agli aumenti delle tariffe 2020

02/01/2020

Sono stati differiti dal decreto milleproroghe gli incrementi tariffari per la quasi totalità della rete autostradale nazionale.
read more..

Mercitalia Intermodal apre servizio tra Friuli e Piemonte

02/01/2020

Il collegamento ferroviario sarà operativo dal 13 gennaio fra l’Interporto di Cervignano del Friuli (Udine) e l’Interporto di Torino Orbassano.
read more..

Altri limiti settoriali dall'Austria al traffico pesante in transito

07/01/2020

Il divieto è stato esteso a nuove tipologie di merci, ovvero carta e cartone, prodotti a base d'oli minerali fluidi, cemento, calce e gesso, tubi e profilati cavi e anche cereali.
read more..

Ritenute e compensazioni in appalti e subappalti per il contrasto della somministrazione illecita di manodopera: la conversione in legge

07/01/2020

Con la legge di conversione del Decreto Legge n. 124 del 26.10.2019, in corso di pubblicazione, è ora definito il quadro normativo in tema di responsabilità solidale nell’outsourcing. Articolo a cura dell'avv. Piergiorgio Bonacossa.
read more..