home » Dal mercato » COOP punta sul pallet pooling in partnership con CHEP

COOP punta sul pallet pooling in partnership con CHEP

COOP Italia, consorzio delle cooperative di consumatori che gestiscono la più grande catena di supermercati in Italia, intende aumentare il numero di fornitori di prodotti a marca del distributore che utilizzano pallet gestiti tramite servizio di pooling, approfittando delle relative soluzioni e dei vantaggi per l’intera supply chain


 

Theo Ricoveri, Logistics Development and Supply Chain Manager di COOP Italia, ha dichiarato: “Al momento stiamo sviluppando un programma con il supporto di CHEP, specialista delle soluzioni di supply chain, con l’obiettivo di aumentare l’utilizzo del pallet pooling da parte dei nostri fornitori di prodotti a marchio Coop. Il sistema di pooling di CHEP ha portato numerosi benefici in tutta la filiera”.


 

L’obiettivo del servizio di pallet pooling consiste nell’ottimizzare e nel semplificare l’intero processo logistico. Garantisce una maggiore efficienza della supply chain, risparmi in ogni sua fase e attrezzature sempre di buona qualità, che agevolano la movimentazione, migliorano la protezione dei prodotti e riducono i rischi per i lavoratori.  Seguendo questo programma, ci aspettiamo che la quantità complessiva di pallet CHEP nella nostra rete si rafforzerà e consoliderà sensibilmente nei prossimi anni.


 



Efficienza e sostenibilità sono priorità assolute sia per COOP Italia che per CHEP. Gli sforzi congiunti di entrambe le aziende a favore della sostenibilità, soprattutto in termini di trasporto collaborativo, hanno consentito a Coop e CHEP di ottenere il Premio logistico dell’anno 2017. Una delle diverse iniziative lanciate dal consorzio italiano è il miglioramento dei processi di comunicazione tra le diverse cooperative. Ciò contribuisce a coinvolgere un maggior numero di responsabili nell’individuare opportunità di crescita dell’efficienza e di riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti COOP, puntando ad aumentare la sostenibilità delle sue attività. 


 

Nell’ottica di valorizzare i prodotti italiani, il distributore italiano ha recentemente lanciato COOP Italian Food, una società posseduta per il 100% da COOP Italia, per esportare prodotti a marchio COOP. 

 

Per Theo Ricoveri “CHEP ha un ruolo molto importante nella gestione logistica di questa operazione, consentendo di superare l’interscambio di pallet bianchi per le consegne all’estero e riducendo la complessità di questa gestione. CHEP collabora con noi per aiutarci a gestire meglio le nostre attività grazie alla sua rete globale e all’eccellenza del suo servizio clienti.”


 

COOP è stata fondata nel 1947 come Consorzio delle Cooperative di consumatori, a Milano, per acquistare prodotti alimentari per le cooperative consociate. Oggi COOP Italia ha sede a Bologna, contratta i prezzi e gestisce oltre 15.000 (grocery e dairies) prodotti alimentari e non, di cui ca. 2.000 a marchio privato. È la più grande catena italiana nel mercato dei beni di largo consumo, con un fatturato di ca.13 miliardi di Euro. La collaborazione tra CHEP e il consorzio italiano è iniziata nel 2009 e si fonda su valori condivisi da entrambe le aziende sostenibilità’, efficienza ed innovazione.

 

03/07/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Emergenza covid-19: 65 mila euro da Consorzio Zai

06/04/2020

Così divisi: 30 mila euro a favore del Banco Alimentare del Veneto, 30 mila alla Fondazione della Comunità Veronese #AiutiAMO Verona e 5 mila euro alla Società Cooperativa Salute e Territorio.
read more..

Nuovo servizio a/r di Mercitalia Padova -Bari-Catania

06/04/2020

Nella prima fase, per l’emergenza covid-19, trasporta merce essenziale (food & beverage, medicali, carta, plastica), per poi puntare su merceologie ora ferme.
read more..

Partiti i treni cargo Adriafer sulla linea transaplina

06/04/2020

La vecchia linea asburgica torna operativa e rappresenta un polmone alternativo per il porto di Trieste.
read more..

EXPORT EXTRA-UE, LIEVE CRESCITA A FEBBRAIO

06/04/2020

Secondo l'Istat le nostre esportazioni sarebbero aumentate dello 0,6%, mentre una marcata contrazione si è registrata per le importazioni (-6,6%); il timido incremento su base mensile è dovuto principalmente ai beni strumentali (+4,5%).
read more..
più letti

Nuovo dipartimento AsstrA per il Vecchio Continente

27/02/2019

Per il rafforzamento della posizione e l'ulteriore sviluppo dei trasporti sul territorio europeo, l'organizzazoine ha creato il dipartimento “Europa occidentale.
read more..

Interporto Bologna: bilancio 2018 in forte espansione

15/05/2019

Registrato un risultato economico pari a 23,1 milioni di euro di ricavi e un utile al netto delle imposte di 853.888,00 euro (+31%).
read more..

Trasportounito contro le nuove disposizioni per l'ART

12/04/2019

Le imprese di autotrasporto (oltre i 5 milioni di turnover) che hanno effettuato servizi in porti, scali ferroviari, aeroporti e interporti, devono versare 0,6 per mille del fatturato all'Authority. L'associazione ricorrerà in sede legale.
read more..

CASO BREXIT, quali gli effetti del suo esito sulla nostra economia?

16/01/2019

Le imprese esportatrici italiane (ed europee) rischiano di vedere ridotti i volumi di beni rivolti al mercato britannico; in ballo ci sono circa 23 miliardi di euro. E' quanto rileva il Centro studi di Confindustria.
read more..