home » Approfondimenti » Brexit, i legislatori britannici lavorano per soddisfare le aspettative e affrontare i controlli alle frontiere

Brexit, i legislatori britannici lavorano per soddisfare le aspettative e affrontare i controlli alle frontiere

L'inizio dell'anno non è stato favorevole per l'economia britannica, che è stata colpita contemporaneamente dalle restrizioni del coronavirus e dall'uscita del Regno Unito dall'Unione europea.

 

Nell'aprile di quest'anno, il Regno Unito ha dovuto affrontare la più grande recessione economica degli ultimi 20 anni. Lo ha riferito apertamente Jonathan Atou, uno specialista in statistica economica dell'Office for National Statistics. In che modo il governo ripristinerà l'economia gravemente indebolita? In che modo la situazione attuale influirà sul turismo e sui trasporti?

 

Il 4 luglio 2020, il governo del Regno Unito è passato alla fase successiva delle restrizioni limitative e ha consentito la riapertura di alcune strutture alberghiere e di intrattenimento. Le misure di quarantena allentate sono state principalmente legate all'apertura di pub e bar, hotel e altri tipi di alloggi.

 

Dal 10 luglio, gli inglesi possono anche viaggiare liberamente verso paesi con bassi livelli di contagio. Venerdì 3 luglio, il primo ministro ha annunciato l'elenco dei paesi con cui il Regno Unito ha creato "ponti aerei". Pertanto, dopo il ritorno dalle vacanze, i residenti nel Regno Unito non saranno soggetti alla quarantena obbligatoria, che era stata imposta all'inizio di giugno. Secondo il quotidiano britannico "The Guardian", l'elenco comprende 27 paesi europei, 32 stati al di fuori dell'Europa e 14 territori britannici all'estero. L'elenco non include gli Stati Uniti, la Russia, il Sud America, l'Africa e la maggior parte dei paesi asiatici. Dell’Europa, non figurano ancora nell'elenco Svezia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Bulgaria e Romania.

 

Mancano meno di sei mesi alla fine del periodo di transizione nelle relazioni tra Regno Unito e UE. In aggiunta ai compiti di rafforzamento del settore turistico indebolito dopo la pandemia, il governo si sta concentrando su questioni relative al controllo delle frontiere dei flussi di merci dall'Unione europea.

 

“A partire dall’anno nuovo, sono previsti controlli completi alle frontiere per le merci importate dall'UE. Il primo ministro Boris Johnson ha confermato che il Regno Unito non prolungherà il periodo transitorio stabilito conformemente all'accordo sulla secessione dall'Unione. Ciò significa che il termine scadrà il 31 dicembre 2020, indipendentemente dall'esito dei negoziati. Allo stesso tempo, il governo britannico ha stabilito che solo l'introduzione graduale dei controlli alle frontiere può salvare l'economia, anche senza l'onere delle conseguenze del coronavirus. Sia gli imprenditori che l'industria della logistica hanno chiesto di risolvere questo problema", dice Malgorzata Matwiejuk, capo dell'unità Koroszczyn presso AsstrA-Associated Traffic AG.


 

I termini per la futura cooperazione tra le isole britanniche e l'Unione europea sono attualmente in discussione. La Gran Bretagna intende concludere un accordo di libero scambio. I termini concordati durante i negoziati saranno noti alla fine dell'anno. Michael Gove, capo del governo di Boris Johnson, ha dichiarato che lo stato non sarà in grado di far fronte all'introduzione di controlli di frontiera completi mentre combatte il coronavirus allo stesso tempo. Pertanto, il Regno Unito ha deciso di introdurre gradualmente procedure doganali.

I controlli alle frontiere saranno introdotti in 3 fasi:

- Dal 1° gennaio 2021, le sigarette e l'alcool saranno soggetti a controllo. Per merci come abbigliamento o elettronica saranno previste procedure doganali di base.

- Dal 1° aprile 2021, l'importazione di prodotti animali e vegetali richiederà una notifica preventiva delle autorità doganali e la fornitura di documenti veterinari.

- Dal 1° luglio 2021 sarà messo in atto un sistema di controllo di frontiera completo. Le dichiarazioni doganali dovranno essere preparate utilizzando le aliquote tariffarie appropriate. Sarà inoltre necessario presentare dichiarazioni di sicurezza nel trasporto internazionale di merci.

 

"Un'ulteriore comodità durante l'importazione di merci è la possibilità di pagare dazi doganali in un secondo momento. La Gran Bretagna sarà al di fuori dell'Unione doganale e del mercato unico dell'UE e il governo sta adottando misure per garantire che l'economia britannica avverta la transizione verso una "nuova realtà" nel modo più leggero possibile", commenta Matwiejuk.

 

 testo a cura di asstraitalia.com

21/07/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Futuro all'insegna di smart ports e greeen ports per gli scali dell'associazione NAPA

20/05/2022

E' quanto hanno ribadito i rappresentanti dei porti di Trieste e Monfalcone, Ravenna, Koper (Capodistria) e Rijeka (Fiume) coordinati da quelli di Venezia e Chioggia nel corso degli European Maritime Days tenutisi a Ravenna.
read more..

Scania, Gruber Logistics ed Electrolux; partnership sostenibile

20/05/2022

Un passo importante è stato compiuto attraverso l'acquisizione di 350 camion da parte di Gruber Logistics: garantiscono una riduzione dei consumi del 10% e potranno utilizzare ogni tipologia di biodiesel.
read more..

Interporto Bologna scommette su una logistica etica

20/05/2022

Lo fa dando vita al progetto InTerLab finanziato da un bando regionale e in collaborazione con con MISTER Smart Innovation, Clust-ER Innovate e Due Torri Spa.
read more..

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..
più letti

Nuovo magazzino brasiliano per Ceva Logistics

11/04/2022

Si trova a Jundiai (San Paolo) e propone un nuovo standard di warehousing sostenibile in America Latina (LATAM); il 3PL punta a farne il centro regionale di eccellenza.
read more..

Aiuto ”logistico” di Kuehne+Nagel all'Ucraina

16/03/2022

Il gruppo ha stanziato 10 milioni di franchi svizzeri, fornendo servizi gratuiti alle organizzazioni umanitarie per trasporto e deposito di beni di prima necessità fino all'estate 2022.
read more..

Venezia, partita l'operatività del terminal Carbones Italia

23/02/2022

Di proprietà del gruppo viennese Carbones Holding è dotato di 4 binari interni che garantiscono 3000 metri lineari; delle 5 pese in dotazione, 2 sono dedicate alla modalità ferroviaria.
read more..

Anita contro le nuove restrizioni dell'Austria

02/02/2022

Inaccettabile per l'Associazione i divieti di circolazione per i veicoli pesanti nelle giornate di sabato, dalle 7,00 alle 15,00, nel periodo tra il 5 febbraio e il 5 marzo.
read more..