home » Approfondimenti » EMERGENZA COVID19, AL VIA I CERTIFICATI DI FORZA MAGGIORE RILASCIATI DALLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE

EMERGENZA COVID19, AL VIA I CERTIFICATI DI FORZA MAGGIORE RILASCIATI DALLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE

Una delle svariate problematiche di carattere giuridico sin da subito emersa a livello internazionale al momento dello scoppio dell’epidemia covid19 riguarda la rilevanza di tale circostanza come causa di esonero da responsabilità per inadempimento o ritardo nell’adempimento delle obbligazioni contrattuali.

Il tema è regolato, a livello di norma generali dagli artt. 1218, 1256, 1463 e 1464 cod. civ.; tali norme non forniscono una definizione di “forza maggiore”, ma in breve prevedono che il debitore sia esonerato da responsabilità quando l’adempimento sia reso impossibile da cause a lui non imputabili (e cioè eventi straordinari, imprevedibili ed inevitabili). 

Da un punto di vista probatorio, è onere del debitore, al quale il creditore abbia contestato l’inadempimento, fornire la prova dell'impossibilità sopravvenuta di adempiere derivante da causa a lui non imputabile. 

L’art. 91 Decreto-Legge 17.03.2020 n. 18 (art. 91) dispone che “il rispetto delle misure di contenimento di cui al presente Decreto è sempre considerato ai fini dell’esclusione, ai sensi e per gli effetti degli artt. 1218 e 1223 cod. civ., della responsabilità del debitore”. 

A questo riguardo, sono opportune alcune precisazioni: 
a) il legislatore ha limitato la rilevanza quale “forza maggiore” ex art. 1218 c.c. al solo “rispetto delle misure di contenimento”, e non all’evento epidemico nel suo complesso; 
b) tali restrizioni non costituiscono automaticamente ipotesi ex lege di forza maggiore, ma vanno comunque “valutate” dal giudice
c) deve comunque esservi un nesso di causalità tra rispetto delle prescrizioni e mancato adempimento 2 

Il ministero dello Sviluppo Economico ha assegnato alle Camere di Commercio italiane – che già hanno diverse competenze in materia di certificazioni per l'estero – il compito di rilasciare alle imprese che ne fanno richiesta una attestazione camerale, che certifichi le dichiarazioni delle stesse imprese in merito alla sussistenza di cause di forza maggiore per emergenza covid19. 

Le Camere di Commercio possono attestare di aver ricevuto dall'impresa richiedente una dichiarazione in cui, facendo riferimento alle restrizioni disposte dalle Autorità di governo, l’impresa stessa afferma di non aver potuto, a motivo di tali restrizioni, assolvere (o assolvere nei tempi contrattualmente previsti) agli obblighi contrattuali precedentemente assunti per motivi imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale. 

La decisione del MISE fa seguito alla richiesta di Confindustria di favorire, in linea con le prassi seguite in altri ordinamenti stranieri, compresi alcuni Stati membri dell’UE (es. Austria), il rilascio di certificati di forza maggiore da parte delle Camere di Commercio. 

Unioncamere provvederà a diffondere presso le Camere di commercio uno schema di dichiarazione in lingua inglese da utilizzare per tale finalità; per il momento le singole Camere di Commercio si stanno muovendo autonomamente ad esempio la Camera di Commercio di Brescia e quella di Lecco, Cuneo e Parma hanno attivato delle piattaforme on-line per il servizio. 

Di seguito il link della camera di Commercio di Parma che ha predisposto in lingua inglese e italiana l’attestazione che verrà rilasciata http://www.pr.camcom.it/news-eventi/attestazioni-della-camera-di-commercio-sulla-sussistenza-di-cause-di-forza-maggior-per-emergenza-covid-19. 

E’ necessario però evidenziare che (per lo meno a giudicare dai modelli che fino ad ora si sono potuti esaminare) che i suddetti certificati emessi dalle Camere di Commercio, contengono un “disclaimer” nel senso che (come peraltro ovvio) la Camera di Commercio non ha potuto verificare la veridicità delle informazioni fornite dall’azienda richiedente. 

Il valore probatorio di tali certificazioni non deve quindi essere sopravvalutato e permane l’esigenza, in ogni caso, di raccogliere e conservare le prove pertinenti che possono includere restrizioni di viaggio, ordini di quarantena, operazioni locali o restrizioni di produzione, linee guida e manuali di funzionamento ad hoc, disponibilità di manodopera alternativa. 


Avv. Marco Lenti
Studio Legale Mordiglia
Genova Via XX Settembre, 14/17 - Tel. 010 586841  
Milano Via Agnello, 6/1 - Tel. 02 36576390  
Venezia San Polo 720 - Tel. 041 2412865 

15/04/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

BUONE VACANZE, nonostante tutto!

31/07/2020

Il 2020 ci ha riservato tante sorprese e sfide, ma l'estate piena ci invita a "staccare" dai tanti problemi e dalle difficoltà che stiamo affrontando.
read more..

L'assemblea pubblica annuale di Confetra sarà digitale

31/07/2020

Si terrà il 23 settembre e avrà per tema “Connessi o disconnessi? Il commercio globale, la logistica, l’industria, il lavoro: L’Italia e le sfide del mondo post covid”.
read more..

Beni anti covid-19, franchigia prorogata fino al 31 ottobre

31/07/2020

La Determinazione Direttoriale 28 luglio 2020 dell'Agenzia delle Dogane concede la possibilità di importare tali beni in esenzione da dazio ed Iva
read more..

Nuovo sviluppo a Colleferro per Scannell Properties

31/07/2020

A poche settimane dall’annuncio di un polo vicino all’aeroporto di Bologna, la società espande la sua presenza anche nel Centro-Sud con due immobili.
read more..
più letti

GVA Redilco advisor di Carlyle Real Estate a Siziano (PV)

03/02/2020

La società ha completato con successo la negoziazione di un importante accordo di locazione per un magazzino di 22mila mq e 23 baie di carico; ospiterà il centro di stoccaggio e distribuzione di una primaria azienda del settore alimentare.
read more..

GIC acquisirà portafoglio di immobili logistici pan-europei

20/12/2019

Il fondo sovrano di Singapore ha siglato un accordo per un corrispettivo netto di circa 950 milioni di euro, prevedendo il potenziamento della sua controllata piattaforma logistica P3.
read more..

ANAMA VALUTA LO STATO DI SALUTE DELLE INFASTRUTTURE DEL CARGO AEREO NAZIONALE

27/05/2019

Lo ha fatto con l'interessante studio “Il trasporto aereo merci in Italia: efficacia ed efficienza rispetto ai principali competitor europei”, realizzato in collaborazione con Ernst & Young, con anche lo scopo di raccogliere dati su Malpensa e Fiumicino.
read more..

Number1 coinvolta ne ”I 100 luoghi di industria 4.0”

02/12/2019

Il progetto - un roadshow ideato dalle associazioni degli Industriali del Veneto coordinate da Confindustria e con il contributo di Unioncamere del Veneto - ha toccato la struttura di Isla Rizza del 3PL.
read more..