home » Approfondimenti » TRASPORTO INTERMODALE: LETTERA APERTA ALLE ISTITUZIONI ITALIANE ED EUROPEE DA ENTI E ASSOCIAZIONI DEL SETTORE

TRASPORTO INTERMODALE: LETTERA APERTA ALLE ISTITUZIONI ITALIANE ED EUROPEE DA ENTI E ASSOCIAZIONI DEL SETTORE

La crisi coronavirus ha pesanti ripercussioni sulle filiere logistiche italiane ed europee. Oggi l’Italia è in prima linea, con restrizioni imposte dal governo in data 8/9.3.2020 che non limitano direttamente il trasporto merci, ma tuttavia hanno effetti notevoli sulla logistica e sull’economia. Proprio in queste ore, inoltre, ulteriori azioni potrebbero essere intraprese per la tutela della salute pubblica in Italia e altri paesi europei. Particolare attenzione merita proprio la dimensione europea, considerando l’interdipendenza industriale delle aziende del nostro continente e la rapida estensione dell’epidemia in molti Paesi. L’economia italiana è strettamente connessa ai mercati del centro-nord Europa. Se i flussi di merce non funzionano, si rischia il collasso dell’intera economia.

 

In questo contesto, il trasporto ferroviario, sia intermodale che convenzionale, riveste un ruolo strategico, in quanto movimenta grandi quantità di merce su lunghe distanze, con percorsi fissi e monitorabili, e con utilizzo del personale limitato e facilmente controllabile

dal punto di vista sanitario oltre ad un ben saputo minor impatto ambientale per tonnellata trasportata.

 

L’intermodalità in cifre

In Italia il volume di merci trasportate su ferrovia ammonta a 97 milioni di tonnellate annue, di cui 60 milioni con la tipologiadel trasporto intermodale 

strada/rotaia. 

Particolarmente rilevante è la quota internazionale, 

con 62 milioni di tonnellate inimport/export. 

La merceologia riguarda sia l’approvvigionamento dei privati 

(medicinali, carburanti, derrate alimentari) che la produzione industriale (materie prime, semilavorati).

 

Un sistema sicuro

Il trasporto intermodale ferroviario utilizza la modalità ferroviaria per le lunghe distanze e quella stradale per la distribuzione finale.

Si tratta di un sistema chiuso, facilmente controllabile, tracciabile e regolabile facente perno su un numero limitato di centriintermodali. 

Sin dall’inizio dell’emergenza coronavirus, 

i vari attori della catena logistica hanno adottato una serie di misureper tutelare la salute 

e la sicurezza delle persone coinvolte 

nei processi produttivi, recependo e spesso anticipando le indicazioni delle autorità.

Oggi le aziende leader del settore logistico stanno trasferendo 

molte merci su ferrovia per diminuire la mobilità di persone (autisti) attraverso l’Europa. Questo avviene specialmente nel corridoio nord-sud per il traffico da/per l’Italia. Si consideri che sul trasporto ferroviario un equipaggio treno (massimo 2 persone) movimenta 40 semirimorchi, mentre un terminal intermodale che gestisce giornalmente 20 coppie di treni utilizza 60 ferrovieri per muovere merce che altrimenti mobiliterebbe 800 autisti.

 

Gestione intermodale “contactless”

Le misure adottate dagli attori del trasporto intermodale permettono di essere ottemperanti nei confronti delle nuove norme. Vi è una relativa certezza che le occasioni di contagio siano veramente ridotte al minimo.

 

 

Attore

Caratteristiche

Misure adottate

Impresa ferroviaria

Un solo equipaggio di macchinisti movimenta il carico di 40 camion attraverso tutta l’Europa

Dotazione dei macchinisti di dispositivi individuali di protezione sanitaria

Disinfezione delle cabine e dei macchinari

Gestione    “contactless”   della    turnazione    di macchinisti sui lunghi percorsi

Terminal intermodale

Sono ubicati in prossimità dei caselli autostradali

Si accede attraverso gate guardianati (spesso gestiti in via informatica) da personale in area protetta (garitta chiusa)

L’autista lascia l’unità di carico nelle aree indicate. Spesso ritira un’unità di carico in arrivo ed esce dal terminal

L’operatore del terminal interviene con una gru senza entrare in contatto con l’autista; scarica e carica il treno senza avere contatti (salvo i collegamenti radio) con l’ufficio operativo

Il treno viene movimentato con squadre di manovra autonome che lo posizionano sui binari operativi; il convoglio viene poi portato sui binari di raccordo e quindi inizia il suo viaggio in linea

Dotazione di personale e clienti (autisti) di dispositivi individuali di protezione sanitaria

Riorganizzazione dei processi di check- in/check- out con distanziamento sociale e conversione telematica

Largo ricorso a smart working e teleconferencing

Riorganizzazione o chiusura di spazi comuni come mense, spogliatoi, sale pausa

Regolari interventi di disinfezione

Sospensione dei lavori non strettamente necessari svolti da ditte esterne, come lavori d’ampliamento

In fase di valutazione: termoscan ad ogni inizio turno su indicazione del medico aziendale

Auto- trasportatori

Gli autisti effettuano la consegna e il ritiro delle unità di carico presso il terminal

Effettuano viaggi di first/last mile in un raggio che solitamente non eccede i 50/70 km attorno al terminal, più compatibile con le caratteristiche geografiche e tecniche del trasporto intermodale

Dotazione di dispositivi individuali di protezione sanitaria

Costante richiamo al rispetto delle regole igieniche e comportamentali

Espletamento delle pratiche amministrative allo sportello in modalità “contactless”

Movimentazione stradale all’interno del terminal senza contatto con il personale terminalistico

 

Trasporto intermodale ferroviario: salvaguardare la logistica ai tempi del coronavirus

Se il trasporto intermodale ferroviario è vitale per l’economia e gli approvvigionamenti, esso va appoggiato e garantito e, ove possibile, potenziato con aiuti e misure specifiche che possono essere sintetizzati come segue:

1.     Comunicazione chiara e trasparente a livello istituzionale, evitando allarmismi controproducenti, con forte richiamo al ruolo strategico del trasporto intermodale in questa emergenza sanitaria

2.     I terminal intermodali rappresentano l’anello di congiunzione indispensabile per il funzionamento del trasporto intermodale erichiedono un’attenzione 

particolare così come tutti i servizi su gomma di presa e consegna delle unità di carico (primo ed ultimo miglio)

3.     Salvaguardia del trasporto intermodale attraverso interventi e processi coordinati con le Protezioni Civili e le Regioni coinvolte, ma coordinando tali azioni a livello centrale per avere uniformità di procedure d’azione. Sarebbe utile definire,attraverso 

l’intervento o il presenziamento della Protezione Civile, la funzionalità delle misure di sicurezza e la continuità dellavoro

4.     Eventuali blocchi del trasporto ferroviario sarebbero controproducenti dal punto di vista della sanità pubblica e perciò vanno assolutamente evitati

5.     I servizi saranno gestiti secondo procedure di sicurezza volte ad evitare i rischi di contagio attraverso il contenimento delnumero dei contatti tra le persone 

e la definizione di specifiche modalità in accordo con le disposizioni sanitarie in vigore senza che ricorrano 

le condizioni per attivare le prescrizioni della quarantena

6.     Digitalizzazione e semplificazione amministrativa, compresa la velocizzazione dei processi di autorizzazione dei corridoi ferroviari doganali

7.     Prevedere azioni di sostegno alle aziende operanti nella catena del trasporto usando procedure con sistemi amministrativi collaudati (vedi Marebonus o Ferrobonus), erogati però pro tempore sui nuovi trasporti effettuati in questa fase di emergenza, senza complicati criteri di proporzionalità

8.     Prevedere azioni di sostegno per il costo del lavoro nelle aziende che dovessero ridurre l’attività per un calo significativo dei volumi (cassa integrazione in deroga)

9.     Differimento dei pagamenti previsti per mancanza liquidità

10.  Differimento di un mese per tutti gli adempimenti amministrativi verso la pubblica amministrazione

11.  Iper-ammoramento: agevolare gli investimenti e i beni strumentali interconnessi rientranti nel Piano Industria 4.0 con gli aiuti previsti nel piano di iper-ammortamento.

 

Ricordiamo che il fenomeno coronavirus attualmente risulta 
particolarmente critico in Italia, ma è in espansione in tutta Europa. Per tutelare l’economia italiana ed europea, è indispensabile agire in maniera veloce, snella, pragmatica. Ogni minaccia porta con se delle opportunità ed è quindi giunto il momento di spingere con determinazione verso un modello di trasporto sostenibile, sicuro e resiliente come quello intermodale.

Noi restiamo a disposizione per superare, insieme, questo momento critico.

A firma di direttori e/o presidenti delle seguenti associazioni:
ANITA - Associazione Nazionale Imprese Trasporti Automobilistici 
ASSOFERR - Associazione Operatori Ferroviari e Intermodali ASSOLOGISTICA
FERCARGO FERCARGO MANOVRA FERCARGO ROTABILI FERCARGO TERMINAL
SOS LOGISTICA - Associazione per la Logistica Sostenibile UIR - Unione Interporti Riuniti

ESC - European Shippers’ Council, Bruxelles
ERFA - European Rail Freight Association, Bruxelles
NEE - Netzwerk Europäischer Eisenbahnen (NEE) e.V, Berlin
UIRR - International Union for Road-Rail Combined Transport, Bruxelles

12/03/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Petizione a Conte: credito a tasso zero a tutte le PMI

03/04/2020

Ls propone Mino Giachino per la difesa delle nostre piccole medie impresa nazionali, comprese quelle dei trasporti e della logistica. Ecco il link per la sottoscrizione.
read more..

Smart working, nel gruppo AsstrA è una realtà dal 2008

02/04/2020

Durante l'attuale emergenza i primi a utilizzare l’home office sono stati i dipendenti dell'ufficio di Shanghai, seguiti a febbraio da quelli di Bergamo, Varsavia, Vilnius e Praga.
read more..

Interporto Pordenone è pienamento operativo

02/04/2020

La struttura registra una crescita per il terminal ferroviario, vista la crisi derivante dalla chiusura delle frontiere, in particolare Austria e Slovenia.
read more..

DOPO CORONAVIRUS, CHE FARE? ENGEL & VÖLKERS COMMERCIAL LO HA CHIESTO A 7MILA OPERATORI

02/04/2020

Nonostante le innegabili difficoltà del momento, tutti concordano sulla necessità di attrezzarsi per ripensare i processi e trovare nuove soluzioni per fronteggiare la situazione; tra i più ottimisti gli appartenenti al settore della logistica.
read more..
più letti

”Italian Port Days” tra i buoni esempi dell’Agenda 2030 AIVP

15/11/2019

L’iniziativa, promossa da Assoporti e portata avanti da quasi tutte le realtà portuali italiane, è considerata un buon modello di promozione della cultura portuale a livello internazionale.
read more..

Hypermotion, tutto sul futuro della mobilità alla Fiera di Francoforte (26-28 novembre 2019)

15/11/2019

La manifestazione riunisce fornitori e utenti che stabiliscono nuovi standard per la mobilità e la logistica di domani; nel corso della tre giorni è previsto anche un ricco e accattivante programma di conferenze e incontri di approfondimento.
read more..

Torino, Future Mobility Expoforum scalda i motori

15/11/2019

Scopo dell'evento, in programma il 18 e 19 novembre al Lingotto, è raccontare la mobilità del futuro e mettere in contatto tutti gli operatori della filiera.
read more..

La Logistica incontra la Scuola: il progetto di orientamento scolastico di Gi Group Divisione Logistics

12/11/2019

Previsto un ciclo di incontri che vedrà la rete di consulenti di selezione Gi Group tenere sessioni di orientamento presso Istituti Superiori e Università nelle regioni a maggiore vocazione logistica lungo tutto l’anno scolastico 2019/2020.
read more..