Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Import / Export » Migliora il clima di fiducia dell’industria alimentare, trainato dalle buone performance dell'export

Migliora il clima di fiducia dell’industria alimentare, trainato dalle buone performance dell'export

È una tendenza in miglioramento quella che emerge dal nuovo rapporto AgrOsserva relativo al terzo trimestre 2017, pubblicato dall’Ismea (www.ismea.it). Un segnale colto anche dagli operatori del settore: nel terzo trimestre l’indice Ismea di clima di fiducia dell’industria alimentare aumenta sia rispetto al trimestre precedente, sia rispetto allo stesso dell’anno precedente e anche lo stesso accade per l’indice di clima di fiducia delle aziende agricole in miglioramento sia rispetto al trimestre precedente che allo stesso periodo del 2016. 


Export agroalimentare su complessivamente del 6,5%
Nei primi otto mesi del 2017 le esportazioni nazionali di prodotti agroalimentari hanno complessivamente superato i 26 miliardi di euro, in aumento del 6,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. La variazione è frutto di +7,2% delle esportazioni dell’industria alimentare (82% dell’export agroalimentare) e di +3,4% dell’agricoltura. Le importazioni agroalimentari, nello stesso periodo, sono aumentate del 5,5%. Queste dinamiche hanno determinato quasi 3,4 miliardi di euro di deficit. Le esportazioni sono aumentate per quasi tutti i principali comparti, a eccezione degli oli e grassi (-2,3%), delle foraggere (-3,7%) e degli ortaggi freschi e trasformati i cui flussi sono allo stesso livello dello stesso periodo del 2016. 


L'export crescere maggiormente nei Paesi extra-Ue
La crescita è stata più rilevante per i flussi diretti ai Paesi terzi (+9,8%) rispetto alla Ue (+4,8%), che comunque rappresenta il 65% del valore complessivo. Tra i Paesi membri gli aumenti maggiori della media sono a carico di Spagna (+11,1%) e Francia (+6,8%) mentre tra quelli extra-Ue gli aumenti sono registrati in Giappone (+36,7%), anche grazie all'accordo di partenariato economico di inizio luglio, USA (+6,7%) e Australia (+6,5%). Si segnala inoltre la ripresa dell’economia della Russia, che ha dato impulso anche alle esportazioni agroalimentari italiane dirette verso Mosca, aumentate del 34% nei primi otto mesi del 2017, malgrado il permanere dell’embargo su ortofrutta fresca, carni e formaggi.


La domanda interna, dopo anni di stagnazione, è tornata a salire
Il comparto fa registrare un +1,3% per quel che concerne la spesa delle famiglie per i prodotti alimentari nei primi nove mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016. Il 2017 è stato segnato tuttavia da anomalie meteorologiche, che hanno influito negativamente sulla produzione di valore del settore primario, quello più esposto: secondo le ultime informazioni disponibili, il terzo trimestre dovrebbe comunque vedere un’attenuazione del calo fatto registrare nel secondo trimestre dal valore aggiunto agricolo (-2,5%). 


In aumento il numero di imprese agricole condotte da giovani
A fronte della stabilità del numero d’imprese agricole, prosegue l’espansione di quelle giovanili che, a settembre 2017, sono aumentate del 5,8% su base annua e hanno sfiorato le 53,5 mila unità (7% del totale delle imprese del settore primario). Anche per quanto riguarda l’occupazione nel settore agricolo, secondo i dati disponibili, relativi al secondo trimestre, si evidenzia una crescita del 2,2% in confronto allo stesso trimestre dell’anno scorso. A livello industriale, cresce la produzione del 2,6% su base annua nei primi nove mesi, continuano ad aumentare le imprese (+0,5% la variazione annua in ognuno dei tre trimestri) e aumenta il credito erogato al settore (+2,1% su base annua), portando lo stock di giugno 2017 a 32,4 miliardi di euro, in un contesto generale di flessione del credito alle imprese. 

22/11/2017, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Viadotti autostradali, il Mit sta preparando vademecum per i concessionari

17/06/2019

Il documento - elaborato con l'ausilio di esperti delle Università di Trento, Roma La Sapienza, Federico II Napoli, Politecnico di Torino e Università di Chieti - conterrà indicazioni omogenee sui criteri per la sicurezza di ponti e cavalcavie.
read more..

A settembre a Torino gli Stati Generali Mondo del Lavoro

17/06/2019

L'edizione 2019 dell'evento è focalizzata su innovazione, sviluppo e sostenibilità, le tre componenti attorno a cui sta ruotando il sistema produttivo del capoluogo piemontese.
read more..

Il porto di Triste sigla accordo con Ferrovie Lusemburghesi

17/06/2019

Obiettivo, consolidare gli scambi col polo logistico lussemburghese di Bettembourg, una delle più grandi piattaforme ferroviarie europee.
read more..

Il gruppo Orsero si aggiudica il 75% di Fruttital Cagliari

17/06/2019

Il corrispettivo è stato pattuito in 5,1 milioni di euro e la società specializzata nella distribuzione all'ingrosso di ortofrutta nel territorio sardo diverrà l'hub in Sardegna del gruppo.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..