home » In primo piano » Uso dei droni nuova frontiera di trasporto e sicurezza

Uso dei droni nuova frontiera di trasporto e sicurezza

Il supporto dei droni come nuova frontiera volta al miglioramento di servizi commerciali, industriali e al monitoraggio delle infrastrutture critiche, a tutela della sicurezza e della crescita. Se ne è discusso nel convegno L’impiego dei velivoli a pilotaggio remoto in ambito civile, organizzato in modalità web dall’Università degli Studi di Roma La Sapienza e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) con il patrocinio di ENAV ed ENAC. A moderare l’incontro la presidente di RFI Anna Masutti. Per il Gruppo FS presenti anche l’amministratrice delegata di RFI Vera Fiorani e il responsabile ricerca e sviluppo di RFI Eugenio Fedeli. All’evento hanno partecipato anche importanti aziende come LeonardoTernaTelespazio Oliver Wyman.

 


Fiorani ha ricordato il ruolo della componente aerea dedicata all’alimentazione elettrica legata alla ferrovia, e di come RFI abbia avuto modo di sperimentare l’uso dei droni nel monitoraggio per la sicurezza della propria infrastruttura. “Gestiamo circa 16mila chilometri di linee ferroviarie, che sono fortemente ancorate a terra", ha spiegato Fiorani, indicando che RFI ha già sperimentato la possibilità di “innalzarsi” da terra, dove è collocata l’infrastruttura ferroviaria, per raggiungere la parte aerea della stessa (rappresentata dal sistema elettrico) posta a circa 4 metri e mezzo da terra. “Abbiamo utilizzato lo spazio al di sopra dei corridoi ferroviari per utilizzare questi mezzi a pilotaggio remoto e abbiamo risolto così il problema, utilizzando i nostri spazi", ha sottolineato l’AD. Sull’utilizzo di questa tecnologia in volo nell’ambito ferroviario è intervento anche il manager RFI Eugenio Fedeli, che ha illustrato come le sperimentazioni in tale ambito, iniziate già dal 2013, abbiano dato seguito principalmente al supporto per verifiche e ispezioni periodiche di opere come viadotti, ponti e sottovia presenti lungo le linee, oltre che per attività di security riferite ad asset strategici o aree sensibili dell'infrastruttura.

 

 


Tra i benefici di questi mezzi c’è quello di poter impiegare i droni in zone impervie o raggiungibili in maniera difficoltosa per motivi di origine naturale o antropica, al fine di poter soddisfare le esigenze in occasione di controlli di tipologia prettamente visiva o per interventi programmati nel processo manutentivo sugli stati conservativi delle strutture e dei loro rivestimenti. A partire dal 2013, RFI ha avviato una prima campagna sperimentale, terminata nel 2016, per l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto (APR) come ausilio alle ispezioni di ponti e viadotti ferroviari, che ha consentito il controllo di otto opere per un totale di 36 campate, e una seconda sperimentazione, ancora in corso, per verifiche su cento opere distribuite su tutto il territorio nazionale. Le opere oggetto di indagine e i dati che le riguardano vengono debitamente classificati insieme alle eventuali tipologie di anomalie, mentre sono in corso sviluppi del software di gestione e catalogazione automatica dei difetti riscontrati. Grazie ad algoritmi dedicati e a meccanismi di intelligenza artificiale si potrà quindi intervenire ancora più tempestivamente sul tipo di criticità riscontrata.

 


Nel 2019 RFI ha concluso con successo un progetto di innovazione, sperimentazione e ricerca in collaborazione con l’Università di Siena sulla realizzazione di un aeroporto mobile completamente automatizzato dedicato a droni, dove poter svolgere operazioni come la ricarica del mezzo o la programmazione degli itinerari destinati ad attività di security da realizzare, ad esempio, su tecnologie dell’Alta Velocità, magazzini materiali, o nell’ambito delle sottostazioni per l’alimentazione delle linee elettriche. Il progetto è stato oggetto di brevetto sia italiano che europeo del Gruppo FS.

05/04/2021, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Nuovo progetto speculativo per Logistics Capital Partners

12/04/2021

Il sito di 28,3 ettari è situato a Cremona, adiacente alla A21, a soli 20 minuti di auto dallo svincolo A1 di Piacenza ed è collegato a Milano - 75 km a nord-ovest - e a Brescia - 50 km a nord-est.
read more..

CEVA Logistics aderisce all'European Supply Chain Day

12/04/2021

Per il 6° anno consecutivo il 3PL rinnova la partecipazione all'evento che rappresenta un’opportunità unica per studenti appassionati di logistica di conoscere questa professione.
read more..

Al via nuovo collegamento ferroviario Vado Gateway-Terminal Piacenza Intermodale

12/04/2021

I servizi da/per l'infrastruttura ligure salgono così complessivaente a quattro (oltre a Piacenza sono già attivi quelli per Milano, Padova e Rubiera) per un totale di 10-12 coppie di treni settimanali incrementabili a seconda delle esigenze del mercato.
read more..

Nuovo collegamento aereo per Tel Aviv di Poste Air Cargo

12/04/2021

Il volo verso la metropoli israeliana è programmato su base settimanale con partenza il sabato dall’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino.
read more..
più letti

GEODIS e Delta Drone lanciano ”GEODIS Countbot”

19/05/2020

La soluzione combina un robot, un albero telescopico che può raggiungere fino a 10 metri e un drone; consente di eseguire e controllare in tempi ridotti l'inventario.
read more..

Con l'IoT il gruppo AsstrA ottimizza i processi aziendali

11/03/2020

L'obiettivo è di utilizzare razionalmente le risorse naturali ed economiche, fornendo ai clienti tariffe competitive su percorsi e tracciati ottimali.
read more..

CGIA DI MESTRE E I COSTI, INSOSTENIBILI, DELLA BUROCRAZIA NOSTRANA

23/04/2020

L'Associazione Artigiani e Piccole Imprese ricorda come l'inefficienza della Pubblica Amministrazione gravi sulle aziende italiane per oltre 57 miliardi di euro l'anno e indica alcune praticabili soluzioni per abbattere questo primato negativo.
read more..

Ritenute e compensazioni in appalti e subappalti per il contrasto della somministrazione illecita di manodopera: la conversione in legge

07/01/2020

Con la legge di conversione del Decreto Legge n. 124 del 26.10.2019, in corso di pubblicazione, è ora definito il quadro normativo in tema di responsabilità solidale nell’outsourcing. Articolo a cura dell'avv. Piergiorgio Bonacossa.
read more..