home » Le notizie di oggi » Consorzio ZAI ripercorre la sua ormai lunga storia in un libro

Consorzio ZAI ripercorre la sua ormai lunga storia in un libro

In occasione del settantesimo anno della sua istituzione, il Consorzio ZAI in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona ha promosso uno studio approfondito sulla sua storia, con l’obiettivo di far conoscere ad un pubblico vasto, non necessariamente specialistico la nascita, l’evoluzione e la realtà attuale del Consorzio nelle sue diverse attività.


L’istituzione è radicata da decenni nella città e il suo ruolo è stato fondamentale per lo sviluppo agricolo, industriale e commerciale di Verona, ma la consapevolezza della sua funzione in ambito non specialistico appare limitata a livello locale, mentre è diffusa tra gli addetti ai lavori a livello internazionale. Si è quindi pensato di realizzare un libro che colmasse una lacuna storiografica e ripercorresse la storia del Consorzio ZAI nel suo lungo percorso cercando di cogliere alcuni elementi di continuità con la storia della città e del territorio.


Il volume dal titolo: “Un territorio in crescita. Il consorzio ZAI e lo sviluppo di Verona 1948-2018” si propone, quindi, di illustrare con rigore scientifico-metodologico e linguaggio divulgativo il ruolo svolto dal Consorzio ZAI nello sviluppo agro-industriale e logistico-infrastrutturale di Verona. Il testo offre al lettore almeno tre prospettive di analisi: quella storico-economica e quella architettonico-urbanistica si intrecciano nei primi capitoli, mentre le ultime parti si concentrano sugli aspetti più tecnici – geografici, logistici e industriali – che segnano la realtà della città e del Consorzio nella contemporaneità.


Il libro è accompagnato da un corredo fotografico che, per certi versi, può costituire un’ulteriore chiave di lettura; le immagini infatti non sono un semplice complemento iconografico, ma attraverso le didascalie vogliono offrire al lettore una sintesi più immediata di quanto il testo approfondisce e rendere in maniera vivida i cambiamenti vissuti dal territorio veronese.


I primi contributi in cui si articola il volume intendono evidenziare come l’importanza di nodo infrastrutturale e la vocazione manifatturiera di Verona abbiano visto diversi momenti di crescita significativa o di rilancio; per questo il volume prende l’avvio dal momento di massimo sviluppo della città nel Cinquecento, quando Verona poteva annoverarsi tra le prime 20 realtà urbane d’Europa, le più rilevanti per numero di abitanti e per attività manifatturiere e commerciali. L’Ottocento segna una nuova fase di crescita infrastrutturale per la città come polo di snodo tra le linee ferroviarie della Venezia-Milano e del Brennero e all’avvio del processo di industrializzazione promosso dal sindaco Giulio Camuzzoni.



Viene, quindi, ripercorsa la storia del Consorzio ZAI dalla sua istituzione nel 1948, su iniziativa di Comune, Provincia e Camera di Commercio con lo scopo di guidare lo sviluppo industriale della città, attraverso una lettura storico-aziendale capace di dare conto anche dei complessi rapporti politici e sociali che contrassegnano la storia della città e della provincia veronese.

Gli effetti che le decisioni prese in sede di pianificazione economica hanno avuto sul territorio urbano, sul volto della città (le strade, gli edifici pubblici, le imprese) sono quindi oggetto di specifica analisi. Lo studio dei piani regolatori e delle tipologie architettoniche degli edifici industriali si rivela un elemento imprescindibile per capire la portata dei fenomeni di trasformazione che hanno coinvolto Verona dagli anni Cinquanta ad oggi. Ulteriori interventi negli anni Settanta, Ottanta del secolo scorso si collocano nel quadro del dibattito economico-politico sullo sviluppo di Verona e della sua provincia in seguito al potenziamento del trasporto su ruota e alla perdita di importanza dei Magazzini generali.


Le iniziative rivolte a mantenere la centralità logistica di Verona (tracciato e intersezione autostradale e aeroporto) portano all’avvio dello studio, della progettazione e della realizzazione del Quadrante Europa con l’esigenza di creare una struttura intermodale. Parallelamente continua l’espansione industriale di Verona e della sua Provincia con le nuove aree di sviluppo della Bassona e della Marangona. Inoltre, un quadro di respiro nazionale inserisce la condizione di Verona in un più ampio quadro sul presente, le tendenze e l’evoluzione dell’industria in Italia 


L’ultima parte del volume si incentra in particolare sull’attualità dell’Interporto Quadrante Europa analizzato sia nella sua funzione strategica nell’ambito delle politiche territoriali e nel ruolo logistico di Verona tra attualità e nuove prospettive. L’ottica più tecnica ha consentito di individuare da un lato alcune traiettorie di sviluppo per il futuro e dall’altro le sfide che la comunità veronese dovrà affrontare nei prossimi anni.

 

30/10/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

In buona tenuta alcuni traffici per Trieste nei primi 10 mesi

27/11/2020

In cima alla lista e in controtendenza sui dati generali, il segmento ro-ro cresce del +3%; +2% anche per i contanier. Il volume complessivo però segna una perdita del -12%.
read more..

Assegnati i Quality Award Italy 2019 di ANAMA

27/11/2020

Quest’anno le premiazioni sono avvenute di fronte ad una platea virtuale che ha raggiunto quota 400 collegati: una conferma del successo di un evento diventato ormai l’incontro annuale per spedizionieri aerei e operatori partner.
read more..

AsstrA espandere ancora le sue capacità 4PL in Polonia

27/11/2020

L'operatore ha aperto qui il proprio magazzino nell'aprile del 2020 per garantire che partner e clienti ricevano servizi di livello mondiale con trasparenza e senza intermediari.
read more..

Vaccino Covid-19: un position paper al parlamento di nove associazioni

27/11/2020

Il documento, intitolato “Focus vaccini – La sfida logistica” e destinato al commissario straordinario Domenico Arcuri, è stato presentato nel corso di una recente audizione parlamentare alla IX Commissione Trasporti.
read more..
più letti

Traffico merci Tirrenia da record da/per la Sicilia

07/01/2019

La compagnia registra una crescita di oltre il 35%, pari a un incremento di più di 500mila metri lineari nel totale trasportato da e per l'isola.
read more..

Soluzioni Toshiba per rendere smart i processi della logistica

07/01/2019

Edge computing leggero e smart glass proposti dalla Casa nipponica migliorano produttività e qualità del nostro settore.
read more..

Polo Mercitalia dà vita a Mercitalia Maintenance

07/01/2019

La neonata società è specializzata nella manutenzione e revisione di carri ferroviari destinati al traffico merci.
read more..

Successo dei carrelli elevatori elettrici CAT a 48 Volt

07/01/2019

Elevata manovrabilità e design ergonomico sono alcune delle caratteristiche più apprezzate di queste macchine innovative.
read more..