home » Le notizie di oggi » Imprese e sindacati chiedono normalizzazione

Imprese e sindacati chiedono normalizzazione

ABI - Coldiretti - Confagricoltura – Confapi - Confindustria - Legacoop - Rete Imprese Italia (Confesercenti, Casartigiani, CNA, Confartigianato Imprese, Confcommercio-Imprese per l’Italia) – Cgil – Cisl – Uil Comunicato hanno diramato un comunicato congiunto nel tentativo di contenere le conseguenze sul tessuto produttivo dell'emergenza coronavirus. Gli estensori del comunicato richiamano alla necessità di evitare la diffusione di un'immagine e una percezione che, soprattutto nei confronti dei partner internazionali, rischia di danneggiare durevolmente il nostro made in Italy e il turismo.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO CONGIUNTO:

Il nostro Paese sta in questi giorni affrontando una situazione di forte criticità a causa della diffusione del coronavirus. Ciò impone a noi parti sociali, al Governo, alle Regioni, a tutte le autorità e agli esponenti della società civile di lavorare insieme, mettendo a fattor comune gli sforzi e agendo in maniera coordinata per consentire al nostro Paese di superare questa fase in maniera rapida ed efficace. Nei giorni scorsi sono state tempestivamente assunte diverse misure per contenere il rischio sanitario a beneficio di tutti i cittadini. Gli esperti e le organizzazioni internazionali, a partire dall'OMS, ci hanno rassicurato sui rischi del virus e sulle corrette prassi per gestire questa situazione, che tutti noi siamo chiamati a rispettare. Dopo i primi giorni di emergenza, è ora importante valutare con equilibrio la situazione per procedere a una rapida normalizzazione, consentendo di riavviare tutte le attività ora bloccate e mettere in condizione le imprese e i lavoratori di tutti i territori di lavorare in modo proficuo e sicuro a beneficio del Paese, evitando di diffondere sui mezzi di informazione una immagine e una percezione, soprattutto nei confronti dei partner internazionali, che rischia di danneggiare durevolmente il nostro Made in Italy e il turismo. Oltre alle misure urgenti che il Governo ha adottato, o si appresta ad adottare, di necessario sostegno alle imprese e al reddito dei lavoratori, questo è il momento per costruire un grande piano di rilancio degli investimenti nel Paese che contempli misure forti e straordinarie per riportare il lavoro e la nostra economia su un percorso di crescita stabile e duratura. Un ruolo importante dovrà essere svolto anche dalle Istituzioni europee, per creare le migliori condizioni per un rilancio economico dell'Italia nell’interesse della stessa Unione europea. 

28/02/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

”Delivering on Circularity”: DHL e le economie circolari

25/01/2022

Nel libro bianco dell'operatore emerge, fra l'altro, come industria della moda e dell'elettronica di consumo siano i settori con impatto e opportunità più significative in chiave sostenibile, ma determinante è il comportamento dei consumatori.
read more..

Franco Maria Rondini nuovo direttore generale di Kalypso

25/01/2022

Da oltre 40 anni nel mondo dello shipping presso diverse realtà e in diverse location, Rondini guiderà la nuova compagnia di navigazione di proprietà di Rif Line.
read more..

Trasporto container, arriva l'indicatore di Kuehne+Nagel

25/01/2022

Mostra il tempo di attesa cumulativo teu in giorni nei porti di Prince Rupert, Vancouver/Seattle, Oakland, Los Angeles/Long Beach, New York, Savannah, Hong Kong area, Shanghai/Ningbo e Rotterdam/Anversa.
read more..

Trieste primo porto ferroviario d'Italia

25/01/2022

Nel 2021 i treni manovrati nello scalo sono stati 9.304 (+15,13%); registrato anche un record sul singolo mese di dicembre per Adriafer, con 783 treni manovrati, la miglior performance storica, considerando la serie dei singoli mesi di dicembre.
read more..
più letti

Adsp del Mare Adriatico Orientale apre a Budapest

08/09/2021

Segue al recente investimento da parte di Adria Port per la realizzazione di un terminal multipurpose nella zona Noghere su un’area di 32 ettari e un investimento di 100 mln di euro.
read more..

Immobili logistici in Europa, sempre più difficile costruirli

12/07/2021

E' quanto emerge da un'indagine di Prologis, che individua tra i fattori di maggior cirticità la scarsità di terreni e i costi sempre più elevati di sostituzione.
read more..

Pronto il Rapporto Italian Maritime Economy di SRM

25/06/2021

Verrà presentato in versione webinar il prossimo 7 luglio, dalle ore 11,00 alle 13,00; tra gli interventi anche quelli del ministro DI Maio e del presidente Gros-Pietro.
read more..

Conclusa la 3a edizione del progetto formativo di The Logistics Challenge

04/06/2021

L’iniziativa di Adecco e Assologistica Cultura e Formazione nata per far dialogare aziende e scuole ha coinvolto istituti tecnici a indirizzo logistico di Caserta, Novara e Piacenza e i partner Ceva Logistics, Logistica Uno e Youlog.
read more..