home » Approfondimenti » RIPARTE IL LAVORO SUL POSITION PAPER CARGO AEREO

RIPARTE IL LAVORO SUL POSITION PAPER CARGO AEREO

Sotto la direzione di Costantino Fiorillo, direttore generale per gli aeroporti e il trasporto aereo del MIMS, sono ripartiti i lavori sul Position Paper Cargo Aereo, documento frutto di un dialogo tra Ministero e tutti i soggetti, pubblici e privati, che operano nel settore del trasporto aereo delle merci, iniziato nel 2016 e che oggi riceve un nuovo impulso. 

 


L’obiettivo di tutti gli intervenuti (amministrazioni pubbliche e associazioni di imprese) è quello di arrivare in tempi rapidi alla sua piena attuazione. Sono tre, in particolare, i punti sottolineati da ANAMA (associazione aderente a Confetra e Fedespedi) su cui intervenire ed evidenziati dal Position Paper Cargo Aereo:

  • piena attivazione dello Sportello Unico Doganale dei Controlli (SuDoCo);
  • digitalizzazione di documenti e procedure
  • aggiornamento infrastrutturale degli aeroporti individuati come strategici per il cargo aereo, con l’ammodernamento delle cargo city.


  • Il presidente di ANAMA, Alessandro Albertini, ha così commentato l’incontro: “Innanzitutto desidero ringraziare il Ministro Giovannini e il Direttore Costantino Fiorillo, per avere accolto il nostro invito a riaprire questo importante Tavolo, ormai fermo da qualche anno. Si tratta di un importante riconoscimento da parte del Governo rispetto alla strategicità del settore cargo per il Paese. In questi anni alcuni passi avanti sono stati fatti grazie all’impegno dei ‘singoli’. Tuttavia, per affrontare le sfide che l’oggi ci impone, occorre lavorare come ‘Sistema-Paese’, per evitare che quanto fatto venga disperso. Dobbiamo sfruttare questo mutato contesto, trasformando la crisi in opportunità, per aumentare la competitività delle nostre merci: non dimentichiamo che per via aerea viene movimentato oltre il 25%, in valore, dell’export italiano extra UE. Il percorso delineato dal Dott. Fiorillo dimostra la volontà di porre sulla logistica e sul trasporto aereo la giusta attenzione, come succede in tutti i Paesi Europei”.

     


    Come rivelato dal Secondo Studio dell’Osservatorio Cargo Aereo, realizzato dal Cluster Cargo Aereo e da ANAMA in collaborazione con TRT, l’Italia è tra i primi dieci esportatori al mondo, grazie alla vendita sui mercati internazionali di prodotti che si caratterizzano per la loro qualità e l’elevato valore aggiunto, come il farmaceutico (che nell’ultimo anno ha ovviamente aumentato la sua valenza economica e strategica), la meccanica fine e il Made in Italy. Lo studio ha evidenziato, inoltre, un potenziale ancora inespresso per il comparto aereo, anche a causa dei tempi più lunghi di attraversamento delle merci nei nostri scali dovuti a infrastrutture non adeguate e ad un eccesso di burocrazia, che invece risulta essere ridotta all’essenziale in altri scali Europei. Non a caso il sistema aeroportuale italiano movimentasolo il 7% del cargo aereo europeo, contro il 30% della Germania, seguita da Francia e Olanda

     


    Albertini ha, dunque, concluso ricordando che Nonostante l’Italia negli ultimi anni abbia migliorato le proprie performance, raggiungendo il 5° posto a livello europeo, il 30% delle nostre merci ancora utilizza aeroporti di altri Paesi europei. Dobbiamo investire in infrastrutture aeroportuali adeguate, nello Sportello Unico Doganale e dei Controlli, (SuDoCo) per ridurre i tempi di attraversamento delle merci negli aeroporti e di arrivo nel mercato di destinazione, e infine, ultima ma non meno importante, nella completa digitalizzazione delle procedure, per consentire a pubblico e privato di collaborare in maniera efficacie e veloce. Con l’attuazione del Position Paper Cargo Aereo vogliamo colmare questo gap competitivo e incrementare le potenzialità di crescita di questo importante comparto per l’economia italiana e la sua principale risorsa, il Made in Italy”.

     

    18/04/2021, © Euromerci - riproduzione riservata

    lascia il tuo commento
    Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

    visualizza la versione PDF

    social share
    più recenti

    Monaco di Baviera, torna dal 9 al 12 maggio transport logistic

    08/02/2023

    La fiera leader mondiale per logistica, mobilità, IT e gestione della supply chain mostrerà come stanno evolvendo atteggiamenti e modelli di business, con la sostenibilità "uber alles".
    read more..

    Sindacati e Alsea siglano accordo per il welfare nei settori logistica, trasporto merci e spedizione

    08/02/2023

    Condivisa la necessità di offrire a lavoratori e imprese la possibilità di trasformare il premio di risultato, già previsto nell’accordo, in misure di welfare (comporta benefici fiscali e contributivi per lavoratori e datori di lavoro).
    read more..

    BCube nomina Luigi Bonzano AD e Umberto Bonzano consigliere delegato

    08/02/2023

    La nuova governance ha l’obiettivo di gestire la complessità aziendale tramite la definizione di regole, sistemi, processi, e rapporti societari che contribuiscano a una gestione efficiente dell’impresa.
    read more..

    Al via il 1° treno intermodale di Lugo Terminal SpA

    06/02/2023

    Il nuovo collegamento intensifica il traffico dalla Puglia verso Nord, in particolare Lombardia e Piemonte, creando un canale di comunicazione coi gateway di Benelux, Germania, Inghilterra, Grecia e Turchia.
    read more..
    più letti

    Al via oggi a FieraMilano Rho Intralogistica Italia 2022

    03/05/2022

    Fino al 6 maggio nel corso della fiera della logistica interna i maggiori player sono pronti a confrontarsi tra loro e con gli end user sulle maggiori novità e tendenze del settore.
    read more..

    Trieste e Monfalcone tornano alla fiera Fruit Logistica con soluzioni innovative

    04/04/2022

    Alla manifestazione berlinese leader per il commercio e la logistica dei prodotti ortofrutticoli freschi l’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Orientale presenta il progetto Prosecco Fresh Hub, vero e proprio polo del fresco.
    read more..

    Sanzioni UE nella crisi Russia-Ucraina: l'allarme della logistica

    01/03/2022

    Tre sono i pilastri delle misure di ritorsione che incombono sulle supply chains, mettendo in profonda crisi le catene di approvvigionamento tra l’Europa e la Russia. Scopriamoli assieme alle misure di salvaguardia da adottare.
    read more..

    Siglato accordo tra Mims, Capitanerie di porto e porti

    10/02/2022

    Obiettivo, mettere a fattor comune dati e informazioni, nonché specifiche esperienze o problematiche interpretative/applicative di norme, direttive o linee di indirizzo.
    read more..