Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Approfondimenti » TRA BITCOIN E LOGISTICA ... C'È DI MEZZO LA BLOCKCHAIN

TRA BITCOIN E LOGISTICA ... C'È DI MEZZO LA BLOCKCHAIN

“Quando il dito indica la luna lo stolto guarda il dito”. Ricordate questo proverbio cinese? Ebbene qualcosa di simile a quanto stigmatizzato dall'antica saggezza asiatica sta accadendo in merito a un tema sempre più dibattuto sui media, quello delle criptovalute (bitcoin in primis, ovvero il “dito”) – su cui si sprecano approfondimenti e commenti - e della loro infrastruttura tecnologica, la blockchain, che consente l'utilizzo di tali valute elettroniche (ovvero “la luna” del nostro proverbio). Tutto questo per dire che la vera rivoluzione, anche per il nostro settore, è dunque rappresentata dalla blockchain (catena di blocchi), il cui ruolo strategico è testimoniato dal fatto che il fatturato connesso a tale tecnologia è destinato – secondo alcuni analisti - ad aumentare dai 2,5 miliardi di dollari del 2016 ai quasi 20 miliardi di qui al 2025. 


Da Wikipedia si legge che la blockchain “è una base di dati distribuita, introdotta dalla valuta bitcoin che mantiene in modo continuo una lista crescente di record, i quali fanno riferimento a record precedenti presenti nella lista stessa ed è resistente a manomissioni. La prima e più conosciuta applicazione della tecnologia blockchain è la visione pubblica delle transazioni per i bitcoin, che è stata ispirazione per altre criptovalute e progetti di database distribuiti”. In pratica la blockchain consiste in un database che sfrutta la tecnologia peer-to-peer e che funziona come un libro contabile in cui sono registrate tutte le transazioni fatte in bitcoin dal 2009 a oggi. Il sistema è all’apparenza quanto di più democratico possa esistere, dal momento che può fare a meno del benestare delle banche per effettuare una transazione. 



La blockchain funziona come un libro contabile in cui sono registrate 
tutte le transazioni fatte in bitcoin dal 2009 a oggi


Questa tecnologia, estrapolata dal contesto in cui si è sviluppata (effettuazione delle transazioni in bitcoin, il famoso “dito”) può essere utilizzata in tutti gli ambiti in cui è necessaria una relazione tra più attori: grazie ad essa ogni transazione è sorvegliata da una rete di nodi che ne garantiscono la correttezza e possono mantenerne l’anonimato. La caratteristica fondamentale della blockchain consiste quindi nella condivisione di un dato tra attori che hanno l’autorizzazione ad accedere a quel dato, evitando duplicazioni. La logistica, con il suo supporto essenziale alle attività di import-export delle nostre imprese, può essere considerata uno dei campi di applicazione elettivi della blockchain. 


Ogni attività di trasferimento di beni da un produttore a un compratore (attività core dei logistici) prevede la presenza di numerosi documenti (fatture, ordini, bolle doganali, ecc.) che accompagnano fisicamente la merce, cui spetta il compito di assicurarne veridicità e suo avvenuto passaggio di proprietà dal produttore a chi la acquista. In questa attività di trasferimento sono quindi implicati più attori, compresi l’operatore logistico, la società di autotrasporto o di navigazione, gli uffici doganali e così via. Con la blockchain si ha un notevole smaltimento delle attività burocratiche, in quanto uno stesso documento può essere reso immediatamente disponibile a tutti gli attori della filiera, in maniera immutabile, digitale e sicura



Uno stesso documento può essere reso immediatamente disponibile 
a tutti gli attori della filiera, in maniera immutabile, digitale e sicura


Non si ha a disposizione unicamente un documento in formato digitale, ma tale documento viene messo a disposizione in contemporanea a più soggetti, senza che vi possa essere manomissione durante il processo. Da una digitalizzazione “punto a punto” (come accade attualmente) si passa così a una molteplicità di punti, che automaticamente riconoscono e accettano il documento digitale. Ma questa tecnologia è sicura? Per hackerarla bisognerebbe influenzare più anelli della catena, in quanto un anello ha solo un pezzo criptato della transazione; per centrare l'obiettivo bisognerebbe attaccare tutti gli anelli. 


La logistica, assieme al food, alla moda e al settore manifatturiero, è – come detto - uno degli ambiti elettivi di questa tecnologia. Secondo gli esperti la rivoluzione sarà completa quando blockchain e internet degli oggetti (IoT, internet of things) dialogheranno fra loro, riuscendo a fare piazza pulita di fenomeni quali per esempio la contraffazione dei capi d'abbigliamento o quell'Italian sound che tanto minaccia il cibo made in Italy. Nel concreto IoT traccerà, ad esempio, un capo di abbigliamento e la blockchain garantirà veridicità ed efficienza della parte amministrativa, con quindi un controllo completo della supply chain. 

Fin qui qualche spunto di riflessione, ma per un approfondimento rimandiamo a http://bit.ly/2njX6KJ 


Di ANNA MORI

11/12/2017, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Hypermotion, tutto sul futuro della mobilità alla Fiera di Francoforte (26-28 novembre 2019)

15/11/2019

La manifestazione riunisce fornitori e utenti che stabiliscono nuovi standard per la mobilità e la logistica di domani; nel corso della tre giorni è previsto anche un ricco e accattivante programma di conferenze e incontri di approfondimento.
read more..

”Italian Port Days” tra i buoni esempi dell’Agenda 2030 AIVP

15/11/2019

L’iniziativa, promossa da Assoporti e portata avanti da quasi tutte le realtà portuali italiane, è considerata un buon modello di promozione della cultura portuale a livello internazionale.
read more..

Brivio & Viganò forma i suoi driver con corsi su misura

15/11/2019

Il progetto coniuga l’acquisto del top di gamma Mercedes-Benz Actros alla formazione del personale viaggiante in tema di guida predittiva e di sistemi ausiliari alla guida.
read more..

Hörmann propone nuovi e ultra-sicuri dissuasori

15/11/2019

I modelli elettromeccanici possono essere sollevati e abbassati automaticamente; innalzati fungono da barriera di protezione per il transito non autorizzato; rientrati nel terreno lasciano via libera ai mezzi autorizzati.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..