home » In primo piano » In AsstrA alla logistica del fashion hanno dedicato un dipartimento ad hoc

In AsstrA alla logistica del fashion hanno dedicato un dipartimento ad hoc

Ogni paese ha il suo biglietto da visita fashion, un marchio associato a questa particolare regione. Non è un segreto che la "patria" del brand e i suoi luoghi di produzione possono essere distanti centinaia e migliaia di chilometri tra loro. Il mercato dei siti di outsourcing in Cina, India, Pakistan e Vietnam produce l'85% di tutta la linea di prodotti di marchi mondiali.Su come collegare tutte le fasi della produzione di abbigliamento, e perché la logistica per l'industria tessile non è affatto un compito facile, abbiamo parlato con il responsabile del dipartimento AsstrA Beauty and Fashion Logistics Fedor Pakush.


Il responsabile del dipartimento AsstrA Beauty and Fashion Logistics Fedor Pakush


Quali caratteristiche si possono distinguere nella logistica per il segmento fashion? In che modo influiscono sul prezzo per il consumatore finale? Pakush: Il fattore principale è, ovviamente, il tempo. I tempi di consegna sono la prima regola di base nella logistica dell'abbigliamento. Immaginate la seguente situazione: un grande mass market crea una nuova collezione di vestiti, merceria e accessori, stipula i contratti con i retailer di tutto il mondo, progetta e lancia le campagne pubblicitarie, probabilmente annuncia anche l'apertura di nuovi negozi di marchio ed ... è in ritardo con la consegna per una settimana. 7 giorni non sono tanti, vero? Ma questi sono sette giorni del disuso degli spazi dei magazzini, sette giorni dell’affitto di spazi commerciali, per non parlare di cattiva reputazione e dei consumatori delusi del ritardo. Perciò, una pianificazione precisa e un controllo in ogni fase della consegna sono i requisiti di base che devono essere rispettati da tutti i partecipanti della catena. Per garantire l'arrivo puntuale di un'auto per lo scarico AsstrA, ad esempio, assegna due conducenti a un'auto. Ciò consente non solo di ridurre la dipendenza del trasporto dal fattore umano, ma anche di risparmiare fino al 50% del tempo.


Oltre al tempo quale altro fattore gioca un ruolo determinante nella logistica del fashion?Pakush: Il secondo fattore importante che deve essere tenuto in mente sia dal mittente sia dal fornitore di servizi di trasporto e logistica è la stagionalità. Tradizionalmente, per il lancio delle collezioni primavera/estate, autunno/inverno sul mercato si nota un aumento della domanda e, di conseguenza, una carenza di veicoli. Questo è il motivo per cui per i grandi produttori una ricerca anticipata di partner logistici e prenotazione degli spazi carico è un "must do". Sperare di "salire nell'ultima carrozza" e trovare un numero sufficiente di auto durante l'alta stagione senza prenotazione è un piano molto rischioso e raramente appagante. Tuttavia, nell'industria della moda contemporanea è apparso un concetto di ultra fast fashion, cioè quando le collezioni non si limitano ai periodi autunno-inverno e primavera-estate, ma cambiano più spesso, catturando all’istante le ultime tendenze e adattandosi a loro. In questo caso, ai clienti di AsstrA vengono proposte le soluzioni di consegna express, trasporto con i treni ad alta velocità dalla Cina o trasporto aereo. Naturalmente, queste opzioni richiedono un investimento maggiore rispetto al trasporto marittimo o ferroviario standard, ma in questo consiste l'essenza del concetto di "trend". Il consumatore finale è disposto a pagare in più per qualcosa ma solo se riceve un'offerta unica e la riceve prima degli altri.




E poi cosa occorre ancora? Pakush: La terza regola di base è la sicurezza. Abbigliamento, merceria, accessori sono i beni di alta liquidità, quindi il rischio di furto è piuttosto alto. In AsstrA, la sicurezza viene raggiunta attraverso uno schema preciso che comprende solo le strade comprovate, stazioni di servizio e parcheggi custoditi. Ogni nuovo percorso è accuratamente studiato.


Cosa dovrebbero prendere in considerazione i clienti quando scelgono un appaltatore? Pakush: La maggior parte dei produttori mondiali lavora oggi su un sistema di appalti, cioè la compagnia logistica viene selezionata sulla base competitiva. Nelle condizioni del concorso, i clienti prescrivono tutte le condizioni obbligatorie. Esse possono variare a seconda della direzione del trasporto o del regolamento interno del cliente. Ma le cose essenziali, ripeto, sono la tempistica, la sicurezza, la presenza di servizi aggiuntivi. I requisiti "extra" sono veicolo specializzato con le grucce, l’etichettatura, la preparazione in pre-vendita di merci.


Come rispondete a queste richieste "speciali"? Pakush: Proprio le richieste non standard e quelle complesse da parte dei clienti dell'industria tessile  hanno dato vita alla creazione di un dipartimento specializzato AsstrA Fashion and Beauty Logistics (AFBL) quattro anni fa. All’interno del progetto, il team di AsstrA ha raccolto e analizzato l'esperienza di progetti realizzati per l'industria della moda e dei cosmetici. Sulla base di questa esperienza, sono stati formati gli standard di lavoro del dipartimento ed è stato creato un pacchetto di servizi di base e quelli aggiuntivi. Il fatto che l'approccio progettuale funziona diventa particolarmente evidente quando si realizzano le richieste complesse. Per esempio, recentemente AsstrA ha effettuato una consegna di un lotto di scarpe dall'India. L'AFBL aveva il compito di raccogliere le merci in un magazzino di consolidamento in India da cinque stabilimenti in diverse regioni. Dopo bisognava effettuare un controllo di qualità, caricare, preparare le pratiche di documentazione e consegnare le merci in Europa. Poi in Europa, eseguire l'etichettatura obbligatoria, e quindi distribuire le scarpe, anche in Russia, il che ha richiesto gli ulteriori sdoganamenti. Il successo di molti progetti e l’esperienza accumulata non significa che adesso si può "dormire sugli allori". L'industria della moda è un mercato movimentato, flessibile e spesso imprevedibile, e deve essere costantemente monitorato. Così oggi, i marchi europei che collaborano con il mercato russo, si sono trovati di fronte a una nuova sfida: l'obbligo di etichettatura delle scarpe nella Federazione Russa dal 1 ° giugno 2019. Stiamo già sviluppando un servizio adatto a questo cambiamento: stiamo creando una rete di magazzini in Europa, che fornirà il servizio della marcatura di merci, la preparazione di documenti e l'ulteriore spedizione nella Federazione Russa.


asstraitalia@asstraitalia.com

30/05/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Gli industriali tedeschi a Confindustria ”Ripartiamo”

09/04/2020

In due missive indirizzate al presidente Boccia e alla DG Panucci, la BDI e le tre principali associazioni dell'industria meccanica (VDMA) rivolgono un appello a riprendere gradualmente l’attività delle imprese.
read more..

GEFCO impegnato nell'evitare l’interruzione della produzione

09/04/2020

Il 3PL ha trasportato in Francia 750 tonn di pezzi di ricambio e mascherine dalla Cina, utilizzando 8 voli charter e stoccando parte dei materiali nei magazzini degli aeroporti locali.
read more..

Il mega-Antonov 124-100M-150 è decollato da Palermo

09/04/2020

L'aereo, proveniente da Bucarest, è partito alla volta dell'Australia, caricando prodotti tecnologici siciliani, con anche un trasporto eccezionale di 25 tonnellate per Sydney
read more..

SMART WORKING, PRO E CONTRO SECONDO ASSTRA

08/04/2020

Secondo i risultati del centro di ricerca Superjob, oggi il 22% delle aziende assume regolarmente i remote worker, i quali godono di numerosi vantaggi, ma anche di innegabili svantaggi. Sentiamo il parere di alcuni manager del gruppo AsstrA.
read more..
più letti

Professioni logistiche 4.0 e legalità nei contratti di appalto secondo Andrea Gentile

21/11/2019

Ecco il testo integrale dell’intervento del presidente di Assologistica intervenuto a Milano alla presentazione dei risultati della Ricerca 2019 dell’Osservatorio promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano.
read more..

CONTRACT LOGISTICS: LA CRESCITA CONTINUA, LIEVE, MA CONTINUA

21/11/2019

Nel '18 il fatturato è di 84 miliardi di euro (+0,7%) consolidando il trend positivo degli ultimi 5 anni; le previsioni '19 rivelano un lieve aumento in termini assoluti del turnover (84,5% mld). Lo rileva la Ricerca 2019 dell'Osservatorio G. Marchet.
read more..

Nuovi progetti immobiliari in Italia per P3 Logistic Parks

20/11/2019

Il nostro Paese rappresenta un mercato molto significativo per il gruppo specializzato in investimenti a lungo termine, sviluppo, acquisizione e gestione di immobili ad uso logistico. Tra le tante novità anche l'acquisizione di un'area ad Ardea (Roma).
read more..

Partito il progetto ”Smart Glasses at BLG”

20/11/2019

L'operatore lo ha implementato presso il logistic center Bremen, attivando flussi di lavoro attorno alle istruzioni di ri-confezionamento e la visualizzazione nei display virtuali degli occhiali stessi.
read more..