home » L'intervista » A colloquio con Cataldo Baratta, AD di ROS Italia

A colloquio con Cataldo Baratta, AD di ROS Italia

ROS Italia, che è detentore in Italia del brevetto che Ros International conferisce alle varie filiali in tutta Europa e nel mondo, è un’azienda autonoma accomunata alle altre ROS europee. Nel 2004 la società ha brevettato un particolare sistema per riparare a freddo i montanti delle scaffalature industriali, senza il bisogno di smontare gli stessi, con notevoli saving da differenti punti di vista. Abbiamo intervistato Cataldo Baratta, AD della divisione Italia.


Può illustrare la vostra mission aziendale? BARATTA: Al primo posto poniamo sempre la soddisfazione del cliente. Riteniamo che un approccio comune alla soluzione del problema, affidabilità, fiducia e responsabilità costituiscano la base di una collaborazione di successo. Ogni magazzino presenta caratteristiche diverse, pertanto anche la soluzione proposta sarà adeguata e personalizzata. Questa è la ragione per cui affrontiamo con flessibilità le problematiche dei nostri clienti. Segnalo che non eseguiamo però solo interventi di riparazione; nel nostro lavoro rientrano ovviamente anche assistenza competente e un'adeguata consulenza. Il numero dei nostri clienti continua a crescere e vogliamo potenziare la nostra attività anche in futuro. Per questo puntiamo all'eccellenza nei nostri servizi, che comprendono sopralluogo gratuito, predisposizione di un'offerta non vincolante, consulenza in materia di prevenzione e sistemi di protezione contro gli urti e, in caso di supporti non riparabili, la proposta di soluzioni offerte da partner esperti nella loro sostituzione.


Il sistema ROS è nato a seguito di un problema in un magazzino olandese: vogliamo ricordare i fatti? BARATTA: Un magazzino spedizioni olandese con sede a Oosterhout registrava un elevato tasso di danneggiamenti ai propri depositi pallet provocati dai carrelli elevatori; danneggiamenti che comportavano continue interruzioni nelle operazioni e costi di riparazione. Nel tentativo di ridurre i costi generati da tali situazioni, il distribution-center incaricò l'ingegnere Hans Slavenburg, specializzato in statica e stabilità delle costruzioni, di elaborare una soluzione. E proprio a Slavenburg va il merito di aver sviluppato e brevettato questo metodo per la riparazione dei supporti danneggiati.


Ci spiega come funziona concretamente la vostra soluzione? E quali servizi effettuate? BARATTA:  Il sistema ROS per la riparazione delle scaffalature prevede uno stampaggio vero e proprio attraverso delle dime all’interno e all’esterno del montante ove, grazie a pompe oleo–dinamiche manuali, si effettua la pressione fino a ultimare lo stampo vero e proprio del montante. Abbiamo le matrici interne di qualsiasi tipo di montante utilizzato in Europa più la dima esterna, uno stampo modulabile di 70 cm di altezza che permette di ricreare anche la maglia del frontale del montante, finché questo non torna perpendicolare al 100%. Benché Ros Italia sia specializzata nelle riparazioni delle scaffalature, trasversalmente ci occupiamo anche di sicurezza per magazzini industriali a 360 gradi. Sì, perché siamo anche fornitori di una linea di protettori e barriere per magazzini, che, ad oggi, ci sta dando grandi soddisfazioni. Inoltre forniamo corsi di formazione per quanto riguarda la Uni En 15635-15629 e ispezioni per l’analisi strutturale annua come da norma di legge. Insomma, ci consideriamo gli specialisti della sicurezza dei magazzini. 




Quali sono le caratteristiche del prodotto che proponete? BARATTA: Il sistema Ros Italia garantisce tutta una serie di vantaggi, a cominciare dal risparmio economico (la riparazione fa risparmiare fino all’80% rispetto alla sostituzione delle scaffalature) e risparmio del tempo (per riparare una scaffalatura il tempo necessario è in media di 25 minuti, mentre per sostituirla occorrono in media 2 ore). Tutti gli interventi Ros Italia sono certificati, inoltre non intaccano in alcun modo la garanzia iniziale del produttore di scaffalature. Forniamo poi soluzioni eco-sostenibili, con fino al 70% in meno di emissioni CO2 rispetto all'attività di sostituzione, senza dimenticare che il sistema Ros Italia triplica la vita delle scaffalature. Da ultimo non intralciamo in alcun modo le attività di magazzino, al contrario della sostituzione che comporta invece la chiusura delle corsie in cui si svolgono i lavori. 


Quali i vantaggi dell'operatore che decide di ricorrere alla vostra soluzione? BARATTA: Risparmio economico, velocità di intervento, supporto a 360 gradi nella manutenzione delle scaffalature e nessuna interruzione delle attività di magazzino.  



Che garanzie offrite a chi sceglie di affidarsi a ROS per riparare le proprie scaffalature? BARATTA:  ROS è attiva sul mercato europeo dal 2004, lo stesso anno in cui è stato concesso il brevetto. Da allora abbiamo riparato circa 1 milione e 300 mila montanti in tutto il mondo. Nel 2009 abbiamo ricevuto la certificazione ufficiale di Dekra, uno dei tre certificatori autonomi più importanti d’Europa, mentre di recente lo società è stata anche certificata da Boureau Veritas. Questi riconoscimenti ci consentono di garantire e certificare i lavori svolti presso il cliente. Inoltre non solo l’azienda, ma anche tutti gli operatori di ROS sono certificati: devono, infatti, seguire un corso di formazione e conseguire una certificazione ufficiale a livello individuale.  

Come è strutturata ROS in Italia? BARATTA: La nostra segale è a Parma, mentre la sede tecnica è a Milano. L’area manager è distribuita su tutto il territorio nazionale e si occupa delle ispezioni presso le aziende che ne richiedono una e della stesura delle offerte.

20/11/2017, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

I business park di VGP Italy al 100% di occupazione

29/11/2021

Entro la fine dell’anno saranno completati ulteriori 35.000 mq, portando così il portfolio totale dell'azienda a 85.000 mq di area affittabile complessiva, con la full occupancy già sui 4 parchi di Valsamoggia (BO), Calcio (BG), Sordio (LO) e Padova.
read more..

Sportello Unico Doganale, le novità in un webinar gratuito

29/11/2021

E' organizzato da Assologistica Cultura e Formazione il prossimo 10 dicembre (ore 11,00-12,00) con relatore l'avv. Ettore Sbandi dello Studio Legale Tributario Santacroce.
read more..

290 punti di ricarica e-Totem nei compound di Gefco

29/11/2021

Queste stazioni di ricarica per veicoli elettrici rientrano nel progetto da 7 milioni di euro lanciato nel 2020 dal 3PL in risposta alla crescita esponenziale del mercato dei veicoli elettrici.
read more..

Porto di Venezia, merci in uscita automatizzate

29/11/2021

Il sistema, operativo al varco di Via del Commercio, verrà esteso anche al varco di Via dell’Azoto e quindi alle procedure di pagamento delle tasse portuali per le merci che effettuano pratiche doganali fuori dall’ambito portuale.
read more..
più letti

De Micheli a Radio 24 parla di ruolo attivo dell'Italia nella Ue

24/03/2020

Il Mit starebbe lavorando a un documento da presentare all’Unione che garantisca nell’immediato futuro un sostegno economico e giuridico-legislativo al settore.
read more..

Salvatore Grisafi del Gruppo OPSI (di Ornella Giola)

12/09/2021

Lo chief executive officer illustra missione e obiettivi della società di consulenza, con focus anche sugli aspetti IT connessi all'attività di logistica. Il gruppo è tra i fornitori di Innoveneto di Regione Veneto e di Digital di Unioncamere Lombardia.
read more..

CEVA sigla contratto di 5 anni con Pernod Ricard

24/11/2020

In Thailandia il 3PL fornirà al produttore di bevande stoccaggio e distribuzione nel Sud Est Asiatico; tra i servizi offerti brokeraggio doganale, trasporto di importazione, gestione del magazzino duty-paid e deposito doganale, trasporto nazionale.
read more..

Altri 5 anni di partnership tra CEVA e Gruppo Mondadori

01/12/2020

La principale novità del contratto è rappresentata dalla concentrazione delle attività per conto del noto gruppo editoriale in un deposito dedicato e separato da La Città del Libro, situato a 1 chilometro e mezzo di distanza dall’attuale stabilimento.
read more..