home » L'intervista » Parla Giuseppe Occidente del gruppo torinese Elpe

Parla Giuseppe Occidente del gruppo torinese Elpe

Dal gruppo Montedison a Finmeccanica, da Tnt alle Poste Italiane e infine a Dhl. Nel suo lungo viaggio ai vertici di multinazionali del settore della logistica, Giuseppe Occidente, classe ‘55, da maggio 2014 è entrato nel mondo del gruppo torinese Elpe. Il direttore delle risorse umane ha diverse passioni (ama cucinare, viaggiare, collezionare fumetti e libri antichi, ascoltare jazz e musica rock), tutte però in rigoroso secondo piano rispetto alle donne di casa, le figlie Elena e Giulia e la moglie Rosanna (“e senza dimenticare la nostra gatta Nina”). Con Occidente abbiamo affrontato temi di attualità riguardanti la gestione delle risorse umane.


Le associazioni che rappresentano le cooperative hanno siglato all'inizio di maggio 2015 il contratto nazionale dei lavoratori del trasporto delle merci. Può esprimere un parere su tale decisione e quali potrebbero essere gli effetti reali sul mercato della cooperazione logistica? Occidente: Penso che fosse un atto dovuto; era necessario che le cooperative e i suoi organismi rientrassero rapidamente nell’applicazione corretta del ccnl. Il rammarico è che questo sia avvenuto a oltre due anni dalla sottoscrizione avvenuta nell’agosto 2013 da parte di tutte le altre sigle datoriali, ma certamente questo faciliterà l’apertura del tavolo negoziale per il prossimo contratto. Le parti hanno preso coscienza che le cooperative aderenti alle tre sigle datoriali, nella stragrande maggioranza, sono attive in settori che non rientrano nell’ambito della filiera delle imprese sottoscriventi il contratto citato e per questo le centrali hanno comunicato di voler giungere alla sottoscrizione nella nuova piattaforma di uno specifico ccnl della logistica.


Jobs Act, cosa ne pensa e – secondo lei – a quali adattamenti costringerà la logistica? Occidente: Il Job Act è un contenitore di deleghe, il legislatore si è sicuramente posto l’obiettivo di fare alcune riforme essenziali, è necessario attendere tutti i decreti legislativi e le circolari applicative prima di fare un puntuale esame. Di certo la riorganizzazione dei contratti lavoro è la volontà di razionalizzare l’utilizzo dei contratti diversi da quello a tempo indeterminato dovrà portare a un maggiore equilibrio nel mercato. Se non vi sono contratti atipici utilizzabili, le imprese dovranno fare efficienza vera e non strumentalizzare contratti al limite della legalità. Volendo essere pignolo, il legislatore dovrà intervenire sull’applicazione degli sgravi triennali anche a coloro che hanno avuto un periodo di apprendistato che in questo momento sono temporaneamente esclusi.


Quanto e come investe Elpe in formazione del personale? Occidente: Parto da una frase di Confucio per rispondere: “Se dai un pesce ad un uomo, lo hai sfamato per un giorno, se gli insegni a pescare, lo hai sfamato per tutta la vita”. La formazione sta assumendo un carattere sempre più importante in un contesto come quello attuale, nel quale sono richieste competenze sempre più complesse. La formazione professionale rappresenta per Elpe lo strumento strategico per acquisire la forza per competere, l’arma vincente per espandersi in nuovi settori e mercati, grazie alle competenze specifiche e professionali di ciascuna persona. Nel 2015 formeremo circa 2.000 risorse, investendo una cospicua fetta di patrimonio.


Tra i servizi che presentate sul vostro sito c’è “l’ingegneria del personale”, in cosa consiste? Occidente: I sistemi logistici odierni sono caratterizzati da un elevato grado di complessità, che riflette di fatto la complessità della filiera logistica a livello mondiale. In passato la differenza di costi di gestione tra committente e operatore logistico ha giocato un ruolo determinante nella scelta della terziarizzazione. Oggi la sfida si sposta sulle flessibilità ovvero sulle capacità dell’operatore logistico di rispondere in maniera veloce e adeguata alle diverse esigenze del committente. Flessibilità vuol dire avere le persone giuste nelle quantità giuste quando servono. Questo si traduce in un’evidente efficienza del sistema logistico. L’ingegneria del personale non è altro che l’applicazione pratica dei concetti sopra esposti. Abbiamo in Elpe un gruppo formato da persone con skill provenienti dal campo ingegneristico con esperienze manageriali e gestionali.


Non reputa sarebbe necessaria una formazione a livello di scuola media superiore per gli operatori della logistica? Occidente: I percorsi scolastici prevedono una formazione orientativa, probabilmente si potrebbe pensare ad applicare quello che è successo nella formazione universitaria, creare dei corsi a indirizzo logistico negli istituti professionali, a una maggiore incentivazione dell’alternanza scuola/pratica. So che la riforma scolastica assegnava agli istituti di formazione professionale la possibilità di creare nuovi indirizzi professionali, ma pochi istituti hanno sviluppato progetti in questo senso. Il nostro mercato non ha bisogno solo di laureati, ma diplomati preparati nel mondo della logistica.


Il vostro progetto #Elpersone come è accolto dai dipendenti? Occidente: Il progetto nasce dalla consapevolezza di quanto abbiamo costruito negli ultimi vent’ anni; siamo cresciuti grazie alle nostre persone e l’intento vuole essere quello di poterle valorizzare. La qualità del servizio è determinata dalla qualità delle persone che per noi non sono un numero, ma fanno parte della nostra famiglia. La soddisfazione mia e di tutto il gruppo dirigente è quello di vedere dei ragazzi e delle ragazze dalle grandi competenze che - grazie a questo progetto - possono emergere. Ho personalmente incontrato i partecipanti del progetto, rilevando grande soddisfazione.


Avete dato vita da poco all’ufficio “politiche attive”, di che cosa si tratta esattamente? Occidente: La sua base teorica è il “welfare to work”: Elpe vuole provare a dare il suo contributo per sostenere il percorso di ricerca del lavoro sia per le persone che sono in difficoltà nel primo impiego, perché in possesso di conoscenze e competenze non in linea con quanto richiesto, sia per i lavoratori che hanno perso improvvisamente il lavoro a causa della crisi e che necessitano di un aiuto alla riqualificazione e un sostegno al cambiamento. Il servizio politiche attive di Elpe garantisce l’accesso alle politiche attive alle persone e alle imprese interessate su tutto il territorio nazionale.

A cura di Ornella Giola   

22/05/2015, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

FM Logistic ottiene la certificazione IT BIO 007

28/10/2020

Interessa la gestione dei prodotti biologici dei quattro poli logistici italiani dell'operatore e avrà una validità di due anni.
read more..

Italia e Germania chiedono stop ai blocchi al Brennero

28/10/2020

Lo hanno fatto, a Bolzano, in una dichiarazione congiunta il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, e Dieter Kempf, presidente della BDI, la Confindustria tedesca.
read more..

Piano di emergenza per il trasporto di merci della Ue

28/10/2020

Il Consiglio europeo ha invitato la Commissione ad adottare misure di coordinamento per l'Unione, come il mantenimento delle operazioni di trasporto transfrontaliero di merci lungo i corridoi transeuropei.
read more..

Presentato il nuovo accordo tra Ariston e GEODIS

28/10/2020

Le due società optano anche per una flotta di veicoli a basse emissioni di CO2 di proprietà del 3PL e personalizzati dal brand internazionale del Gruppo Ariston Thermo.
read more..
più letti

Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry, iniziato il conto alla rovescia

25/01/2019

L’edizione 2019 si apre il 31 gennaio alle ore 10 entrando capofitto nel “dibattito” sulle infrastrutture logistiche.
read more..

Presentazione del 6° rapporto “Italian Maritime Economy”

21/06/2019

L'edizione 2019 verrà presentata a Napoli il 4 luglio e si intitola “Nuovi scenari nel Mediterraneo: Suez e la Cina, le strategie dei grandi carrier, le nuove tecnologie e le rotte dell’energia“.
read more..

Blockchain per Kerry Logistics, Deloitte e CargoSmart

04/02/2019

Cooperazione e interoperabilità tecnologica sono stati i fattori chiave per il successo del progetto pilota.
read more..

Arriva ANITA&Jobs, servizio a disposizione delle imprese di trasporto e logistica

21/03/2019

Secondo ANITA ha l’obiettivo di intercettare figure professionali meglio rispondenti alle esigenze operative delle imprese del settore, anche attraverso un servizio ad hoc di profilazione dei candidati.
read more..