home » Le notizie di oggi » Brennero, ANITA interviene sulle limitazioni al traffico

Brennero, ANITA interviene sulle limitazioni al traffico

L’Associazione del trasporto e della logistica di Confindustria, dichiara la sua gratitudine al ministro Enrico Giovannini per avere affrontato - nel recente incontro con la ministra dei Trasporti austriaca Leonore Gewessler - nuovamente il problema delle limitazioni unilaterali imposte dal Tirolo all’intercambio commerciale tra l’Italia e il Nord Europa attraverso il Brennero.



ANITA è convinta - e i dati delle misurazioni in Tirolo lungo la Valle dell’Inn lo dimostrano - che il problema ambientale dell’inquinamento dell’aria è stato da tempo superato, grazie al massiccio rinnovo delle flotte industriali delle imprese di autotrasporto che sono oramai in grandissima parte di ultima generazione con motori EuroVI o a trazione alternativa GNL (Gas Liquido Naturale) che oltre a ridurre del 50% il rumore, abbatte le emissioni inquinanti di NOx del 65%,  le emissioni CO2 del 15% e le polveri sottili PM10 del 95%.
 


Le limitazioni ai mezzi pesanti introdotte dal Tirolo, basate sul principio della tutela della salute, non sono quindi più giustificabili. “E’ necessario voltare pagina una volta per tutte e costruire una nuova politica per il    transito delle merci al Brennero che non sia più decisa unilateralmente dal Tirolo, ma insieme a tutti gli Stati membri interessati dal corridoio Scan Med, asse sul quale transitano merci per un valore  di interscambio tra l’Italia e i Pesi confinanti con il corridoio della rete Ten-T di 214 miliardi di euro all’anno - ha detto il presidente ANITA, Thomas Baumgartner - L’Italia non può accettare che questo fondamentale asse di collegamento con il Nord Europa venga limitato nella sua funzionalità, così come non è tollerabile la  politica delle restrizioni unilaterali al Brennero da cui sono esentati - per motivi di opportunità locale - i traffici da e verso il Tirolo. Questa è una vera e propria distorsione della concorrenza a favore delle attività economiche tirolesi, che deve finire”.
 

“Chiediamo che il nostro Governo si attivi urgentemente per evitare danni maggiori e imponga il rispetto delle regole europee sulla libera circolazione delle merci e sulla equa concorrenza tra Stati membri”, conclude Baumgartner.


Non si può più tergiversare e aspettare il completamento della galleria ferroviaria di base del Brennero BBT, che non entrerà in funzione prima del 2034. L’infrastruttura ferroviaria attraverso il Brennero ha oramai più di 150 anni, è satura e al collasso, con pochissime possibilità di ulteriori incrementi per il traffico merci. Occorre quindi urgentemente liberare l’asse stradale dagli attuali vincoli imposti dal Tirolo, come il divieto notturno, il pedaggio autostradale notturno pari al doppio di quello diurno, il divieto settoriale, i sistemi di dosaggio e divieti di transito la mattina delle giornate di sabato. Occorre che i mezzi possano transitare attraverso il Tirolo anche di notte per diluire il traffico durante il giorno.


11/06/2021, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Futuro all'insegna di smart ports e greeen ports per gli scali dell'associazione NAPA

20/05/2022

E' quanto hanno ribadito i rappresentanti dei porti di Trieste e Monfalcone, Ravenna, Koper (Capodistria) e Rijeka (Fiume) coordinati da quelli di Venezia e Chioggia nel corso degli European Maritime Days tenutisi a Ravenna.
read more..

Scania, Gruber Logistics ed Electrolux; partnership sostenibile

20/05/2022

Un passo importante è stato compiuto attraverso l'acquisizione di 350 camion da parte di Gruber Logistics: garantiscono una riduzione dei consumi del 10% e potranno utilizzare ogni tipologia di biodiesel.
read more..

Interporto Bologna scommette su una logistica etica

20/05/2022

Lo fa dando vita al progetto InTerLab finanziato da un bando regionale e in collaborazione con con MISTER Smart Innovation, Clust-ER Innovate e Due Torri Spa.
read more..

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..
più letti

Fatturato negativo (-7,2%) per il 4° trimestre per STEF

29/01/2021

La crisi pandemica ha segnato l'evoluzione del turnover annuale del gruppo, che è diminuito dell'8,6% nonostante una ripresa dell'attività nel 3° trimestre e a dicembre.
read more..

Immobiliare: il mercato degli investimenti in Italia nell'analisi di Colliers International

22/02/2021

Secondo il report del dipartimento Research della società con 3,1 miliardi di euro nel quarto trimestre, il volume del 2020 si attesta intorno agli 8 miliardi di euro, pari a un - 33%. In tenuta risulta in particolare il settore della logistica.
read more..

PNRR: al Mims 62 miliardi per mobilità, infrastrutture e logistica sostenibili

02/05/2021

I progetti del ministero si finanziano per 41 miliardi con le risorse europee dei programmi Next Generation Eu e React Eu, cui si aggiungono quelle nazionali per quasi 21 miliardi di euro. Il 56% delle risorse va a interventi nel Mezzogiorno.
read more..

Inaugurata una nuova sede per FERCAM Vicenza

08/01/2021

Il centro logistico si trova in via Brenta nella zona industriale di Altavilla Vicentina; prevede 60 rampe di carico e 12.000 mq coperti destinati ad attività di logistica di magazzino e alle spedizioni.
read more..