home » Dal mercato » Hörmann propone i nuovi portoni sezionali Serie 60

Hörmann propone i nuovi portoni sezionali Serie 60

Player di riferimento a livello mondiale per le chiusure in ambito industriale e logistico, Hörmann introduce ogni anno soluzioni che rispondano in modo sempre più efficace alle esigenze del comparto  In virtù di tale costante impegno, volto al raggiungimento delle migliori prestazioni, l’azienda amplia ancora una volta la sua già vasta gamma di proposte per il settore industriale e presenta i nuovi portoni sezionali Serie 60, ancor più veloci, resistenti e sicuri rispetto ai precedenti modelli Serie 50.

 


Tra i più importanti plus, i protagonisti della nuova generazione annoverano una velocità di movimentazione ulteriormente evoluta: grazie all’innovativo sistema di motorizzazione ad albero WA 500 FU – che assicura tra l’altro uno scorrimento silenzioso e a bassa usura – queste chiusure raggiungono infatti una velocità di 1 m/s, se abbinate alla centralina di comando 560. Proprio tale caratteristica fa sì che i portoni restino aperti per un tempo decisamente più breve, permettendo così di contenere al meglio la dispersione termica.


 

Oltre all'elevata velocità, la centralina di comando 560 garantisce ulteriori opportunità. Quando utilizzata per chiusure all’interno di parcheggi a più piani con accesso e uscita su una sola corsia, essa può risultare funzionale anche per la regolazione del traffico: grazie ai due timer di serie, infatti, è possibile prevedere specifici scenari ad intervalli temporali differenti, come programmare che i portoni non si chiudano automaticamente dopo il passaggio di ogni veicolo nei periodi di grande affluenza. Inoltre, con tale centralina è possibile definire un grado di apertura diverso per auto o camion, così da evitare un'inutile ed eccessiva apertura dei portoni per i veicoli più piccoli. Infine, il relè opzionale standard della centralina può essere utilizzato anche per automatizzare la luce della porta da garage, come modulo temporizzatore autobloccante, oppure per gestire le lampade di segnalazione semaforiche.




 

I nuovi portoni sezionali sono presentati però anche con la centralina di comando 545, con la quale raggiungono una velocità di 0,5 m/s. D’assoluta avanguardia, questa tecnologia dispone di un display a 7 segmenti e 4 cifre per la visualizzazione dell’ora e la creazione di marcature temporali per eventi specifici: è possibile, ad esempio, programmare l’apertura automatica di un portone in un orario ben definito, personalizzata in base alle esigenze e alla situazione. Inoltre, è disponibile per il modello 545 la funzione “risparmio energetico”, grazie alla quale la centralina di comando, unita alla motorizzazione, consuma meno di 2 Watt in modalità standby.

 


Progettata, come tutte le chiusure Hörmann, per durare nel tempo, la nuova Serie 60 dei portoni sezionali industriali presenta una struttura ulteriormente migliorata rispetto alle precedenti versioni: per quanto riguarda il telaio, i raggi delle canaline di scorrimento sono stati ad esempio ottimizzati e le rotelle di guida sono più grandi, particolari questi che assicurano uno scorrimento del portone più silenzioso e una percentuale d’usura minore. Come opzione, è disponibile anche uno zoccolo inferiore del telaio in plastica, che garantisce all’intelaiatura del portone una protezione duratura contro la ruggine (causata dall’eventuale ristagno dell’acqua). L'applicazione per architrave ribassato con meccanismo oscillante opzionale permette poi un passaggio netto maggiorato.


Inoltre, il minor numero di componenti di cui è ora dotata la struttura semplifica il montaggio della chiusura e riduce i costi di manutenzione e assistenza, rendendo i portoni sezionali industriali Hörmann ancora più efficienti e durevoli. Frutto della costante attività di Ricerca e Sviluppo della nota azienda, le chiusure della nuova Serie 60 sono performanti anche in termini di antieffrazione. Esse dispongono infatti, di serie, di un dispositivo antisollevamento su entrambi i lati, il quale ha un funzionamento meccanico in grado di assicurare la massima protezione anche in caso di un blackout. Non solo: questi portoni possono ora essere dotati di un ulteriore equipaggiamento di sicurezza RC 2, certificato secondo la direttiva tedesca DIN/TS 18194; un valore aggiunto di cui Hörmann ha dotato le proprie soluzioni, colmando così un vero e proprio gap normativo per il territorio italiano.

 


Grazie alle centraline 560 e 545, provviste di serie di un ricevitore Bluetooth, i nuovi portoni possono infine essere gestiti comodamente dall’app BlueControl, nonché essere controllati con l’avanzato sistema SmartControl, per l’analisi tecnica e la manutenzione preventiva da remoto.

 

Disponibile per i sistemi operativi iOS, Android e Windows, BlueControl è un'app gratuita per la messa in funzione e l'assistenza dei portoni sezionali industriali Hörmann dotati di centraline di comando 545 e 560. Connettendosi alla centralina in loco via Bluetooth, quest’app mostra al tecnico – tramite testo in chiaro – le relative impostazioni e i dati di controllo rilevanti per l’assistenza, come disfunzioni, errori e le corrispondenti marcature temporali. Per le nuove installazioni, BlueControl permette poi di creare dei “modelli” d’analisi contenenti tutti i principali parametri di controllo o rilevazione e traferirli in un semplice “click” – su impianti identici, così da semplificare e velocizzare la messa in funzione dei singoli portoni.

 

Estremamente innovativo, il sistema SmartControl consente l’interazione tra i portoni e il “Cloud of Things”, la piattaforma cloud IoT (Internet of Things) di Deutsche Telekom. Grazie a tale tecnologia, è possibile monitorare con continuità le chiusure al fine di prevenire eventuali guasti, nonché rilevare tempestivamente la necessità di sostituzione dei componenti soggetti ad usura. SmartControl non sostituisce l’imprescindibile manutenzione periodica dei portoni, peraltro prevista per legge, ma riduce al minimo l’incidenza di eventuali problematiche e semplifica la risoluzione di quest’ultime. I codici relativi alle anomalie di funzionamento vengono infatti inviati automaticamente alla piattaforma web e analizzati subito mediante diagnostica remota. La riparazione in loco può essere così non solo velocizzata, ma anche resa più efficace e mirata: il tecnico può raggiungere il cliente già equipaggiato degli strumenti idonei e dei ricambi necessari, garantendo un servizio di assistenza più rapido ed economico.


La soluzione è disponibile per tutti i portoni a scorrimento rapido Hörmann a partire dall'anno di fabbricazione 2015 e per i portoni sezionali industriali con centralina di comando 545 e 560.



La nuova Serie 60 dei portoni sezionali industriali presenta una struttura ulteriormente migliorata rispetto alle precedenti versioni: per quanto riguarda il telaio, i raggi delle canaline di scorrimento sono stati ad esempio ottimizzati e le rotelle di guida sono più grandi, particolari questi che assicurano uno scorrimento del portone più silenzioso e una percentuale d’usura minore.



 

 L'applicazione per architrave ribassato con meccanismo oscillante opzionale permette un passaggio netto maggiorato.





Grazie all’innovativo sistema di motorizzazione ad albero WA 500 FU, le chiusure della nuova Serie 60 raggiungono una velocità di 1 m/s, se abbinate alla centralina di comando 560. Proprio tale caratteristica fa sì che i portoni restino aperti per un tempo decisamente più breve, permettendo così di contenere al meglio la dispersione termica.





Per le nuove installazioni, BlueControl permette di creare dei “modelli” d’analisi contenenti tutti i principali parametri di controllo o rilevazione e traferirli – in un semplice “click” – su impianti identici, così da semplificare e velocizzare la messa in funzione dei singoli portoni. 

08/09/2021, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

I business park di VGP Italy al 100% di occupazione

29/11/2021

Entro la fine dell’anno saranno completati ulteriori 35.000 mq, portando così il portfolio totale dell'azienda a 85.000 mq di area affittabile complessiva, con la full occupancy già sui 4 parchi di Valsamoggia (BO), Calcio (BG), Sordio (LO) e Padova.
read more..

Sportello Unico Doganale, le novità in un webinar gratuito

29/11/2021

E' organizzato da Assologistica Cultura e Formazione il prossimo 10 dicembre (ore 11,00-12,00) con relatore l'avv. Ettore Sbandi dello Studio Legale Tributario Santacroce.
read more..

290 punti di ricarica e-Totem nei compound di Gefco

29/11/2021

Queste stazioni di ricarica per veicoli elettrici rientrano nel progetto da 7 milioni di euro lanciato nel 2020 dal 3PL in risposta alla crescita esponenziale del mercato dei veicoli elettrici.
read more..

Porto di Venezia, merci in uscita automatizzate

29/11/2021

Il sistema, operativo al varco di Via del Commercio, verrà esteso anche al varco di Via dell’Azoto e quindi alle procedure di pagamento delle tasse portuali per le merci che effettuano pratiche doganali fuori dall’ambito portuale.
read more..
più letti

L'AGROALIMENTARE E' SEMPRE PIU' SMART, LO DICE L'OSSERVATORIO AGRIFOOD

22/04/2020

L'Istituto scientifico dell'Università di Brescia e Politecnico di Milano spiegherà in un convegno (23 aprile, ore 10,00.13,00) come l'innovazione digitale stia modificando il settore, in base alle tendenze analizzate nel 2019.
read more..

Trasporto contenitori, ecco chi sono i player mondiali

10/01/2020

Li ha resi noto la società di ricerca Alphaliner, che ha fornito anche alcuni dati sui traffici divisi per rotte trans-pacifiche, transatlantiche ed europee.
read more..

SERVIZI LOGISTICI IN FAVORE DI SOGGETTI NON RESIDENTI A RISCHIO IVA: DECIDE IL CONTRATTO

31/03/2020

La territorialità Iva delle prestazioni di logistica varia nei diversi contratti tra committente e prestatore, con potenziali enormi rischi per le imprese di logistica che operano in favore di soggetti non italiani. L'avv. E.Sbandi spiega perché.
read more..

Imprese e sindacati chiedono normalizzazione

28/02/2020

ABI, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confindustria, Legacoop, Rete Imprese Italia, Cgil, Cisl e Uil Comunicato hanno diramato un comunicat nel tentativo di contenere le conseguenze sul tessuto produttivo dell'emergenza coronavirus.
read more..