home » Approfondimenti » AUTOTRASPORTO, UNA NUOVA SENTENZA SUI COSTI MINIMI

AUTOTRASPORTO, UNA NUOVA SENTENZA SUI COSTI MINIMI

In precedenza ci siamo occupati delle ragioni che avevano spinto il tribunale di Cagliari, con sentenza n. 2049/2018, pubblicata in data 17 luglio 2018, a ritenere illegittima la determinazione delle tariffe per i compensi per il trasporto secondo i costi minimi di esercizio previsti dall’art. 83bis del dl n. 112/2008. 


La domanda era stata avanzata da un vettore in relazione a trasporti eseguiti tra il luglio 2012 e il dicembre 2013, ovvero nel periodo in cui il ministero, a seguito dell’abolizione dell’osservatorio, ne aveva riassorbito le competenze. In particolare, il tribunale di Cagliari aveva osservato che “ad onta della soppressione della Consulta, relativamente agli anni 2012 e 2013 abbiano continuato a trovare applicazione i valori determinati dall’osservatorio sulle attività di autotrasporto contenuti nel prot. n. 18/OS/CGA, posto che i già citati decreti dirigenziali hanno recepito i predetti criteri di calcolo formulati dall’osservatorio, senza apportare alcuna variazione”


I costi minimi, sebbene la loro determinazione sia formalmente riconducibile a una amministrazione statale (ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti), hanno continuato a essere, nella sostanza, determinati dall’osservatorio. Il tribunale ha, quindi, ritenuto che “anche alle tariffe vigenti nel 2012 e nel 2013 deve dunque estendersi la dichiarazione di illegittimità della Corte di Giustizia europea, la quale ne ha riscontrato la contrarietà al principio di libera concorrenza proprio in ragione della predisposizione da parte di soggetti rappresentativi di interessi privati”. 


In un recente caso, un altro giudice di merito, e segnatamente il tribunale di Ferrara, con sentenza n. 653/2018, pubblicata il 23 agosto 2018, è intervenuto in relazione alle differenze di compenso avanzate per trasporti eseguiti tra l’agosto 2013 e il novembre 2014, nei confronti di una società cooperativa di autotrasportatori. Quanto all’applicabilità della disciplina dei costi minimi alle cooperative, il tribunale ha stabilito che qualora la società agisca quale mandataria dei singoli soci, stipulando contratti di trasporto in nome proprio e per conto dei soci stessi, determinando i relativi corrispettivi nel rapporto con i terzi, e i soci fatturino i propri servizi alla società, la quale poi li ri-fattura ai terzi, la società cooperativa è responsabile per l’inesatto adempimento del mandato consistente nella violazione della normativa in tema di “costi minimi” di cui all’art. 83-bis del dl n. 112/2008


In presenza di questi elementi, le cooperative di autotrasporto sono quindi debitrici nei confronti dei soci delle eventuali differenze tra i corrispettivi pattuiti e quelli determinati in base alla suddetta normativa. Passando all’applicabilità al caso in esame della disciplina dei costi minimi, una volta individuato il soggetto astrattamente debitore per le differenze di corrispettivo, il tribunale ha stabilito che “la determinazione a opera del ministero non è di per sé - a differenza di quella dell’osservatorio - foriera di una violazione della normativa comunitaria.” 


Ciononostante, ha indicato che per effetto della sentenza del Tar Lazio n. 2655-2656 del 21 febbraio 2017, che ha annullato i provvedimenti ministeriali di determinazione dei “costi minimi” di cui all’art. 83-bis del dl n. 112/2008 per il periodo successivo alla cessazione dell’attività dell’osservatorio dell’autotrasporto, in relazione a tale periodo non possono essere richieste differenze tra corrispettivi pattuiti e quanto risultante dall’applicazione dei suddetti “costi minimi”. Il tribunale di Ferrara, nel respingere le pretese creditorie verso la cooperativa, ha concluso che l’illegittimità dei provvedimenti relativi ai costi minimi risiede nel fatto che “il ministero, sebbene legittimato ad adottarli, ha adottato una formula matematica contenuta in una delibera (quella dell’osservatorio), che però era stata annullata”, segnatamente dalla sentenza n. 2889 del 2015 del Tar Lazio. 



Avv. MARCO LENTI
Studio legale Mordiglia
Milano – via Agnello 6/1 
Tel. 02 36576390 16121 
Genova – Via XX Settembre, 14/17 
Tel. 010586841 
mail: mail@mordiglia.it www.mordiglia.it

09/01/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

DHL Supply Chain crea due business unit per il Pharma

06/07/2020

Si tratta di Pharma Retail & Medical Devices e Hospital & Specialty Pharma, la prima sotto la guida di Alberto Pizzi e la seconda affidata a Pina Putzulu.
read more..

GEODIS pubblica il rapporto annuale di attività e CSR

06/07/2020

In "Assicurare la Supply Chain" il 3PL ripercorre i momenti salienti del 2019, presentando anche il piano strategico Ambition 2023 e la sua ambizione di creare valore in modo sostenibile.
read more..

Nuovo servizio Mercitalia Rail-Ambrogio Intermodal

06/07/2020

Il collegamento intermodale di trasporto merci sul corridoio del Brennero, fra Domegliara (Verona) a Neuss in Germania, è operativo dal 3 luglio.
read more..

Successo della versione online del Blue Economy Summit

06/07/2020

Oltre 50.000 persone sono state raggiunte dalle piattaforme web e dai partner televisivi durante i cinque giorni della manifestazione.
read more..
più letti

Traffico merci Tirrenia da record da/per la Sicilia

07/01/2019

La compagnia registra una crescita di oltre il 35%, pari a un incremento di più di 500mila metri lineari nel totale trasportato da e per l'isola.
read more..

Soluzioni Toshiba per rendere smart i processi della logistica

07/01/2019

Edge computing leggero e smart glass proposti dalla Casa nipponica migliorano produttività e qualità del nostro settore.
read more..

Polo Mercitalia dà vita a Mercitalia Maintenance

07/01/2019

La neonata società è specializzata nella manutenzione e revisione di carri ferroviari destinati al traffico merci.
read more..

Successo dei carrelli elevatori elettrici CAT a 48 Volt

07/01/2019

Elevata manovrabilità e design ergonomico sono alcune delle caratteristiche più apprezzate di queste macchine innovative.
read more..