Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Approfondimenti » L'INTERMODALITA', TEMA CENTRALE PER LA UE

L'INTERMODALITA', TEMA CENTRALE PER LA UE

Il 16 maggio si è svolta a Bruxelles un'importante riunione incentrata sul tema "2018 l'anno della multimodalità: il futuro del trasporto". L'argomento principale di riferimento è stato una disamina delle modifiche da suggerire al Parlamento europeo per quanto attiene la Direttiva “92/106:Trasporto Combinato”. La riunione è stata organizzata dalla Commissione europea unitamente all'ERA l'Agenzia dell'UE per il trasporto ferroviario e all'UIRR. 

Nel contesto della delegazione UIRR ha partecipato l’ing. Eugenio Muzio in rappresentanza di Assologistica. 

Ecco in sintesi il suo reportage.

 

 

TANTI I TEMI IN DISCUSSIONE

I lavori si sono protratti per l' intera giornata con l'apertura di Mattew Baldwin, vice direttore della DG Move della Commissione seguita da panels aventi per titolo:

Revisione della direttiva 92/106 Trasporto Combinato. Nuovi incentivi per l'intermodalità? Relatore di riferimento Daniela Aiuto parlamentare europea.

EU logistica multimodale. Modi di trasporto. Relatore di riferimento il già citato Mattew Baldwin.

Trasporto multimodale le prospettive per i clienti. Quali innovazioni e supporti con la digitalizzazione? Relatore di riferimento Harald Schlegel BASF.

Trasporto delle merci pericolose. Collaborazione multimodale nella gestione del rischio. Relatore di riferimento Emmanuel Ruffin ERA.

Flussi di nuovi modelli di business: il futuro del trasporto. Relazioni di riferimento di tre docenti universitari.

Complessivamente si sono alternati ben 24 relatori di diversi paesi europei e specialisti di un ventaglio di discipline.

 

 

I CONCETTI CHIAVE EMERSI

Di seguito si evidenziano i concetti più peculiari che hanno caratterizzato la giornata alla quale è stato rivisitato il titolo in "Multimodalità per risolvere la sostenibilità della logistica delle merci".

Nessuna singola modalità di trasporto da sola può soddisfare i bisogni della società e degli attori economici di spostare le merci. Inoltre, qualunque sia la singola modalità di trasporto merci che può intervenire a livello tecnico per correggere le sue carenze, non potrà disporre di sufficienti risorse per risolvere la moltitudine di problemi di sostenibilità che oggi affliggono il sistema. Negli ultimi decenni lo sviluppo dei trasporti è stato in gran parte basato sulle singole modalità, il che ha permesso di rispondere alle esigenze, ma a fronte di problemi e penalizzazioni non marginali. Attualmente è forte la convinzione, sostenuta da un crescente numero di prove, che qualsiasi metodologia, anche se sostenuta da tecnologie, possa essere facilmente superata dalla soluzione di una cooperazione sincronizzata tra le diverse modalità di trasporto.Questa è la soluzione che può portare a soddisfare congiuntamente la crescente necessità di movimentazione delle merci in un contesto di salvaguardia dell' ambiente.

 

 

LE PECULIARITA’ DELL’INTERMODALITA’

La Conferenza sul trasporto multimodale organizzata congiuntamente il 16 maggio da  Commissione Europea, ERA e UIRR ha esplorato queste possibilità evidenziando quali siano le peculiarità che l'intermodalità può offrire all'economia europea, se supportata da una adeguata Direttiva sui trasporti combinati attualmente in fase di revisione.

In questo contesto è basilare evidenziare quale ruolo possono avere le diverse modalità nel fornire soluzioni di trasporto intermodale, al fine di rendere tutto il trasporto meno gravoso per la società.

Di conseguenza si è voluto evidenziare in che modo un'infrastruttura, completata e rispondente ai requisiti del 21° secolo con il supporto delle iniziative digitali attualmente in corso per il suo ammodernamento e completamento, possa rendere il trasporto multimodale più efficiente e competitivo. In definitiva i concetti di riferimento si basano sul poter individuare che cosa riserva il futuro in termini di comportamento dei clienti, mega-tendenze tecnologiche e nuove soluzioni di trasporto multimodale.I quattro pannelli di riferimento della conferenza hanno avuto il ruolo guida per gli interventi dei vari relatori appartenenti ad una moltitudine di indirizzi, quali regolatori e legislatori delle istituzioni europee, rappresentanti delle varie modalità di trasporto - ferrovia, strada, vie navigabili interne, cortometraggi e intermodali, importanti attori della logistica come DHL o Samskip, spedizionieri come BASF, Covestro e fornitori di tecnologia quale BMW, innovatori digitali come Logit One e ospiti di accademici provenienti da Austria e Italia per completare il quadro generale.

 

 

NORME DA MIGLIORARE E ARMONIZZARE

È stato convenuto che l'intermodalità potrebbe effettivamente produrre di più se la revisione della direttiva sul trasporto combinato e di altre norme modali fossero migliorate e armonizzate per riequilibrare il quadro normativo, se fossero affrontati gli ostacoli all'interoperabilità presenti nella rete ferroviaria e se una serie di strumenti digitali per migliorare la qualità dei servizi - consentiti dalle nuove tecnologie - saranno adeguatamente implementati. Anche la dimensione sociale presente nel mercato altamente competitivo deve essere affrontata. Un comportamento aziendale responsabile è il miglior rimedio per il dumping sociale. Fornire opzioni di trasporto multimodali di successo richiede investimenti nell'infrastruttura dell'UE, ma è anche un fattore chiave per il trasporto sicuro di merci pericolose e la gestione del rischio.

 

 

ASPETTANDO LA MACROREGIONE DELLA MULTIMODALITA’

Un tema è emerso in tutti i dibattiti nel corso della giornata: tutti i modi di trasporto dovranno svolgere un ruolo nell'affrontare le sfide dei nostri tempi, siano esse economiche, sociali, ambientali e / o tecnologiche. Grazie alle discussioni fruttuose che hanno caratterizzato questa conferenza e ad altri dibattiti svoltisi durante l'anno sulla multimodalità, l'Unione Europea potrebbe dar vita ad un primo passo verso l'adozione della "Macroregione della Multimodalità".

 

 

SENTITE A BRUXELLES

Josef Doppelbauer, direttore esecutivo di ERA, ha dichiarato: “In un'era di drammatici cambiamenti nel mondo, con progressi esponenziali nella tecnologia e un'urgente necessità di combattere il cambiamento climatico e la congestione stradale, dobbiamo riunire le nostre forze per creare il trasporto merci multimodale in Europa”.  Il manager ha poi citato il proverbio cinese: "Quando soffiano i venti del cambiamento, alcune persone costruiscono muri, altri costruiscono mulini a vento". 

 

Il presidente dell'UIRR, Ralf-Charley Schultze, ha aggiunto: “Grazie all'utilizzo di unità di carico standardizzate, che detengono il carico, il trasporto intermodale consente il più facile trasbordo di qualsiasi tipo di merci tra le diverse modalità in un contesto di fruttuosa collaborazione per creare soluzioni di trasporto multimodale. Pertanto, la promozione di soluzioni multimodali è la più efficace per far avanzare la causa del trasporto intermodale quale vera soluzione nel futuro per risolvere positivamente molte delle problematiche attraverso le misure discusse nella conferenza di oggi.

 

 

ING. EUGENIO MUZIO

Presidente della Commissione Trasporto Intermodale di Assologistica

31/05/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Hypermotion, tutto sul futuro della mobilità alla Fiera di Francoforte (26-28 novembre 2019)

15/11/2019

La manifestazione riunisce fornitori e utenti che stabiliscono nuovi standard per la mobilità e la logistica di domani; nel corso della tre giorni è previsto anche un ricco e accattivante programma di conferenze e incontri di approfondimento.
read more..

”Italian Port Days” tra i buoni esempi dell’Agenda 2030 AIVP

15/11/2019

L’iniziativa, promossa da Assoporti e portata avanti da quasi tutte le realtà portuali italiane, è considerata un buon modello di promozione della cultura portuale a livello internazionale.
read more..

Brivio & Viganò forma i suoi driver con corsi su misura

15/11/2019

Il progetto coniuga l’acquisto del top di gamma Mercedes-Benz Actros alla formazione del personale viaggiante in tema di guida predittiva e di sistemi ausiliari alla guida.
read more..

Hörmann propone nuovi e ultra-sicuri dissuasori

15/11/2019

I modelli elettromeccanici possono essere sollevati e abbassati automaticamente; innalzati fungono da barriera di protezione per il transito non autorizzato; rientrati nel terreno lasciano via libera ai mezzi autorizzati.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..