home » In primo piano » ”Delivering on Circularity”: DHL e le economie circolari

”Delivering on Circularity”: DHL e le economie circolari

I segni del cambiamento climatico e del danno ambientale stanno diventando sempre più visibili. La crescente quantità di rifiuti minaccia ulteriormente la salute dei nostri ecosistemi naturali e delle persone che vi vivono e lavorano. Le società e le imprese sono chiamate a contribuire a un futuro più sostenibile, con il fulcro della sostenibilità nel garantire che i comportamenti di produzione e consumo globale siano compatibili con gli obiettivi ambientali. Al fine di fornire il proprio contributo ad affrontare sia la crisi climatica che altre sfide ambientali come l'uso dell'acqua e la produzione di rifiuti, DHL ha pubblicato "Delivering on Circularity", il nuovo libro bianco che esamina in profondità come le economie circolari possono aiutare con queste sfide.


Il nostro impegno in Italia - dichiara Nazzarena Franco, amministratore delegato DHL Express Italy -va nella direzione di offrire, attraverso i nostri servizi, un supporto alle imprese nazionali di tutti i comparti che, nell’ambito dei processi di internazionalizzazione e movimentazione delle proprie merci, sono impegnate a fornire prestazioni di valore in linea con gli standard globali di sostenibilità. Allo stesso tempo, per generare risultati e performance sostenibili per tutti, ci vogliamo porre anche come soggetti promotori di una circolarità dell’economia in grado di coinvolgere e stimolare tutte le filiere produttive a partire dai fornitori e dalle terze parti verso una circolarità virtuosa estesa”.


La circolarità riguarda le 5R: ridurre, riparare, rivendere, rinnovare e riciclare. La transizione verso un'economia circolare si basa sulla ri-progettazione delle catene di approvvigionamento - afferma Katja Busch, chief commercial officer di DHL - Le soluzioni logistiche innovative possono aiutare a promuovere la circolarità; sono un fattore chiave per facilitare i flussi fisici e di dati. Soprattutto quando si tratta di ottimizzare i volumi di produzione e i materiali, estendere i cicli di vita dei prodotti, lanciare nuovi modelli di utilizzo o sviluppare nuove soluzioni per il riciclaggio a fine vita".


Impatto ambientale significativo di moda ed elettronica di consumo. L'impatto più significativo sulla spinta alla circolarità potrebbe provenire dalle industrie della moda e dell'elettronica di consumo. I leader del settore stanno già partecipando attivamente al cambio di paradigma verso la circolarità, annunciando obiettivi ambiziosi e lanciando un'ampia gamma di iniziative. Il potenziale impatto positivo che la circolarità in questi due settori può avere è significativo. Circa il 20% dei capi prodotti non viene mai utilizzato e spesso gli smartphone vengono cambiati dopo solo due o tre anni. Entrambi i settori combinati contribuiscono a oltre il 6% delle emissioni globali di gas serra (GHG). Per produrre dispositivi elettronici sono necessarie molte risorse non rinnovabili come terre rare e metalli. Inoltre, le industrie sono responsabili di un uso sostanziale del suolo (più dell'area di Germania e Svizzera messe insieme), del consumo di acqua (equivalente al 40% del consumo annuo di acqua dei cittadini statunitensi) e della produzione di rifiuti (pari a circa il 50% degli europei ' rifiuti annuali). Con l'80 percento delle emissioni di un articolo di moda o di elettronica di consumo medio che si accumula durante la produzione, è fondamentale prolungare il più possibile la durata del prodotto.


Il passaggio a comportamenti circolari dei consumatori è un fattore determinante per una transizione di successo verso la circolarità. I comportamenti dei consumatori aumentano il numero di beni che ritornano nel ciclo e segnalano ai marchi la domanda di prodotti circolari. E la tendenza verso una domanda più sostenibile è in crescita - afferma Carsten Lützenkirchen, senior vice president di DHL Customer Solutions & Innovation - nuovi modelli di business basati sulla circolarità non solo diversificano i portafogli di prodotti e servizi, ma hanno un effetto positivo sul coinvolgimento dei clienti. È una classica situazione win-win in cui la sostenibilità guida la crescita e l'innovazione".



La circolarità ha un potenziale immenso per lo zero netto e l'ambiente. L'economia circolare mira a ripensare il modo in cui i beni prodotti, venduti e utilizzati oggi vengono riciclati nelle materie prime di domani. Per realizzare il pieno potenziale del concetto e istituzionalizzare il modello, abbiamo bisogno di soluzioni e tecnologie innovative - aggiunge Katja Busch - Naturalmente, è più complesso creare catene di approvvigionamento per cicli di produzione o riciclaggio su richiesta e gestire l'enorme flusso di dati, ma per raggiungere insieme i nostri ambiziosi obiettivi ambientali, è necessario affrontarlo. Noi di DHL non vediamo l'ora di collaborare con le parti interessate della circolarità fungendo da abilitatore per i nuovi flussi fisici e di dati all'interno del circuito di fornitura".


Lungo la catena del valore del prodotto, DHL ha identificato tre fattori chiave e dieci elementi costitutivi che consentono una transizione di successo dalle catene ai circuiti di approvvigionamento. Questi spaziano da materiali e design innovativi alla produzione su richiesta, resi intelligenti dei prodotti, imballaggi riutilizzabili, nuovi concetti di utilizzo e raccolta e riciclaggio di beni. Soprattutto, va incentivato il comportamento circolare dei consumatori. Inoltre, le catene di approvvigionamento devono essere riprogettate e la visibilità e l'orchestrazione devono essere abilitate per rendere fattibile la circolarità. Uno sforzo concertato tra tutti gli attori può rendere la transizione verso la circolarità vincente e gratificante. In termini di risparmio di emissioni, la circolarità sembra essere un modo relativamente conveniente ed efficace per ridurre le emissioni. Raggiungere il 50% di circolarità consente di risparmiare tante emissioni di gas serra come se tutti gli utenti di streaming in tutto il mondo smettessero di guardare i contenuti video per cinque anni.


È necessaria un'azione collettiva delle parti interessate. Se tutte le parti interessate si assumeranno le proprie responsabilità per accelerare un ciclo che si rafforza a vicenda, la circolarità potrà diventare una realtà. Mentre il successo della transizione verso la circolarità è senza dubbio una responsabilità e uno sforzo condivisi, gli attori logistici sono la spina dorsale naturale. La circolarità cambia il modo in cui i materiali e i prodotti si muovono, da una linea retta a un cerchio rigenerativo, e la gestione efficiente del flusso delle merci è l'essenza della logistica.

 

25/01/2022, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Futuro all'insegna di smart ports e greeen ports per gli scali dell'associazione NAPA

20/05/2022

E' quanto hanno ribadito i rappresentanti dei porti di Trieste e Monfalcone, Ravenna, Koper (Capodistria) e Rijeka (Fiume) coordinati da quelli di Venezia e Chioggia nel corso degli European Maritime Days tenutisi a Ravenna.
read more..

Scania, Gruber Logistics ed Electrolux; partnership sostenibile

20/05/2022

Un passo importante è stato compiuto attraverso l'acquisizione di 350 camion da parte di Gruber Logistics: garantiscono una riduzione dei consumi del 10% e potranno utilizzare ogni tipologia di biodiesel.
read more..

Interporto Bologna scommette su una logistica etica

20/05/2022

Lo fa dando vita al progetto InTerLab finanziato da un bando regionale e in collaborazione con con MISTER Smart Innovation, Clust-ER Innovate e Due Torri Spa.
read more..

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..
più letti

Con l'Airbus 321F Lufthansa Cargo risponde alla domanda da parte del settore ecommerce

16/03/2022

Partito ieri il primo collegamento del velivolo battezzato "Hello Europe" sulla rotta Francoforte-Dublino-Manchester. Il bimotore è operato da Lufthansa CityLine e presto aggiungerà altre rotte.
read more..

Presentazione dello studio Contship-SRM sui corridoi logistici

21/02/2022

Si terrà il 10 marzo, alle ore 14, all'interno dell'ampio programma dell'evento Shipping Forwarding & Logistics meet Industry.
read more..

Umberto Ferretti, AD e direttore generale di Bracchi

01/02/2022

Il manager spiega le ragioni delle ottime performance 2021 della società, che di recente ha posto molta attenzione ad alcuni processi chiave, mettendo a punto piani di sviluppo riguardanti in particolar modo l’information tecnology.
read more..

”Nuova Sabatini”, ripristino del contributo in più quote

11/01/2022

Con la legge di bilancio 2022 sono inoltre stati stanziati ulteriori 900 milioni di euro per assicurare la continuità operativa della misura a favore delle PMI.
read more..