home » L'intervista » La parola a Guido Ottolenghi di Confindustria

La parola a Guido Ottolenghi di Confindustria

Una buona logistica non può che favorire lo sviluppo delle imprese. La logistica non solo è importante per il PIL del Paese, ma è fondamentale per lo sviluppo industriale. Di ciò ha piena coscienza anche Confindustria, al punto da aver dato vita un anno e mezzo fa al Gruppo tecnico per la logistica, i trasporti e l’economia del mare”. Esordisce così il coordinatore di tale gruppo, Guido Ottolenghi, agli addetti ai lavori noto anche per il suo ruolo di direttore generale e amministratore delegato di La Petrolifera Italo Rumena Spa.


Ufficialmente le finalità del gruppo sono quelle di analizzare istanze e tendenze del settore logistico, elaborando proposte di politica economica, adeguamento legislativo e favorendo il coordinamento tra operatori e associazioni per rendere più efficace e incisivo il settore, rapportandosi al Comitato di presidenza di Confindustria.


“Nel gruppo – spiega Ottolenghi – confluiscono persone che rappresentano i tanti aspetti del nostro mondo, dagli interporti ai porti, dalle autostrade agli operatori marittimi, ferroviari, dell’autotrasporto e della logistica e così via. Lo scopo è di consentire a queste persone di confrontarsi e individuare priorità, fatto questo che si riflette poi positivamente sull’attività e sugli interventi di Confindustria. In poco più di un anno di lavoro effettivo abbiamo partecipato con più incisività, ad esempio, al lavoro svolto dal ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture sul ferrobonus, dando indicazioni utili per l’attivazione di tale incentivo; siamo anche intervenuti attivamente sul tema del cargo aereo, fornendo - sempre al ministero - un importante contributo nella raccolta, analisi e conciliazione dei dati di tale settore. Tengo però a sottolineare che il gruppo non intende lavorare sui ‘massimi sistemi’, quanto su aspetti operativi che portino a semplificare il più possibile i processi. Un esempio su tutti: quest’anno abbiamo ottenuto che i semirimorchi viaggino con la copia della carta di circolazione e non col documento in originale: soluzione pratica e semplice, ma fondamentale in termini di semplificazione burocratica per imprese del settore”.


Ottolenghi elenca poi alcuni degli impegni portati avanti dal gruppo insieme alle associazioni di settore, come quelli relativi al pagamento dell’IMU da parte dei terminalisti portuali, ai successi parziali ottenuti in tema di trasporti eccezionali (che – a detta del manager - dopo l’incidente in Lombardia erano diventati una sorta di dramma per gli autotrasportatori, ma su cui vi è ancora molto da fare) e all’impegno in fatto di concessioni marittime.


“Il tema di fondo sul quale ci stiamo concentrando – dice Ottolenghi – riguarda però la mancanza di concentrazione dei volumi (essenziale per la logistica) che parte dalla frammentazione a livello portuale. Poiché cambiare la storia millenaria dell’Italia non è possibile, crediamo invece nello sforzo per concentrare e razionalizzare i flussi attraverso interporti, ferrovie, attività di analisi su come comporre treni con carichi misti così da realizzare volumi che giustifichino il raggiungimento di un entroterra sempre più ampio. E così via”.


Parallelamente Il gruppo di Confindustria porta avanti un’attività di tipo culturale. “Le imprese italiane – chiarisce Ottolenghi - vanno sensibilizzare a non delegare agli acquirenti la distribuzione/consegna dei loro prodotti (con il prevalere del cosiddetto “ex fabbrica”), ma a considerare la logistica un valore aggiunto di cui farsi carico”. In che modo si sta esplicitando tale impegno culturale? “Al momento ne stiamo discutendo – prosegue Ottolenghi - allo studio vi sono varie modalità, compresi possibili roadshow territoriali con la realizzazione di progetti pilota in aree particolarmente promettenti.”


Uno dei gli aspetti che caratterizza questa prima fase dell’attività del gruppo tecnico di Confindustria sono gli incontri itineranti presso infrastrutture logistiche dislocate in varie parti d’Italia. “Il fine di tali incontri – afferma ancora Ottolenghi – è soprattutto quello di creare una cultura logistica a 360 gradi per i membri stessi del gruppo”.


E le Unidustrie locali come si pongono rispetto al gruppo di Confindustria? “Tra i nostri obiettivi vi è quello di dialogare sempre di più coi territori – conclude Ottolenghi - Per questo con Stefano Pan, vice presidente Confindustria e presidente del Consiglio delle rappresentanze regionali e per le politiche di coesione territoriale, stiamo pensando a un coinvolgimento di ogni Regione, così da diffondere capillarmente una migliore cultura logistica”.


di ORNELLA GIOLA


12/01/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

BUONE VACANZE, nonostante tutto!

31/07/2020

Il 2020 ci ha riservato tante sorprese e sfide, ma l'estate piena ci invita a "staccare" dai tanti problemi e dalle difficoltà che stiamo affrontando.
read more..

L'assemblea pubblica annuale di Confetra sarà digitale

31/07/2020

Si terrà il 23 settembre e avrà per tema “Connessi o disconnessi? Il commercio globale, la logistica, l’industria, il lavoro: L’Italia e le sfide del mondo post covid”.
read more..

Beni anti covid-19, franchigia prorogata fino al 31 ottobre

31/07/2020

La Determinazione Direttoriale 28 luglio 2020 dell'Agenzia delle Dogane concede la possibilità di importare tali beni in esenzione da dazio ed Iva
read more..

Nuovo sviluppo a Colleferro per Scannell Properties

31/07/2020

A poche settimane dall’annuncio di un polo vicino all’aeroporto di Bologna, la società espande la sua presenza anche nel Centro-Sud con due immobili.
read more..
più letti

Traffico merci Tirrenia da record da/per la Sicilia

07/01/2019

La compagnia registra una crescita di oltre il 35%, pari a un incremento di più di 500mila metri lineari nel totale trasportato da e per l'isola.
read more..

Soluzioni Toshiba per rendere smart i processi della logistica

07/01/2019

Edge computing leggero e smart glass proposti dalla Casa nipponica migliorano produttività e qualità del nostro settore.
read more..

Polo Mercitalia dà vita a Mercitalia Maintenance

07/01/2019

La neonata società è specializzata nella manutenzione e revisione di carri ferroviari destinati al traffico merci.
read more..

Successo dei carrelli elevatori elettrici CAT a 48 Volt

07/01/2019

Elevata manovrabilità e design ergonomico sono alcune delle caratteristiche più apprezzate di queste macchine innovative.
read more..