home » L'intervista » Remy Malchirand di Manhattan Associates

Remy Malchirand di Manhattan Associates

Manhattan Associates è un’azienda tecnologica leader nel settore della supply chain e nel commercio omnichannel. Abbiamo incontrato Remy Malchirand, managing director Sud Europa, per fare il punto su come Manhattan sta lavorando in Italia.


 

Quali sono – dallo speciale punto di osservazione di Manhattan Associates – i trend in tema di evoluzione della supply chain?

Malchirand: Il primo trend è sicuramente la digitalizzazione della supply chain, con un ruolo importante svolto dalla diffusione dell’e-commerce. Un altro trend importante, interconnesso con l’e-commerce, è la ricerca di maggior efficienza e produttività: automazione e robotizzazione sono fondamentali per lo sviluppo della logistica. Come terzo punto certamente fondamentale è l’internazionalizzazione del flusso di merci, magazzini e venditori.

 


Quali sono i vostri progetti in Italia?

Malchirand: Grazie alle collaborazioni con i nostri clienti internazionali siamo riusciti a entrare in Italia in modo abbastanza naturale, perché ci chiedevano di servire anche questo mercato. Ora i progetti sono vari: le nostre soluzioni sono leader in tutto il mondo e siamo certi che le aziende italiane, di tutte le dimensioni sia PMI che grandi gruppi, troveranno numerosi e tangibili benefici adottando i nostri software, in ottica di efficentamento della supply chain e per l’internazionalizzazione tramite i processi omnichannel. Nel settore della logistica stiamo al momento collaborando con l’operatore Yusen Logistics; siamo poi molto attivi nel settore della moda, sia per quanto riguarda i produttori di fascia media che quelli di fascia più alta, come Lacoste, per citarne uno. Altri rivenditori al dettaglio con cui stiamo sviluppando soluzioni interessanti fanno parte del mondo della Grande Distribuzione Organizzata, come Esselunga e Leroy Merlin; le soluzioni proposte con questi clienti riguardano sia l’omnichannel che la gestione del magazzino. 


 

Parlando di innovazioni, invece, cosa dobbiamo aspettarci da Manhattan Associates?

Malchirand: L’innovazione, per noi, parte dalla ricerca. Non acquistiamo soluzioni di terzi, prendendo i loro pacchetti, ma investiamo risorse nelle nostre soluzioni. Manhattan nasce da un team di ingegneri il cui scopo è proprio quello di creare soluzioni innovative. Investiamo circa 50 milioni di dollari all’anno in ricerca e sviluppo. Buona parte delle innovazioni cui diamo vita (ovvero il 30% della nostra attività) parte dalle esigenze dei clienti. Molta della nostra attenzione è poi concentrata sulla gestione del magazzino, con focus sul WMS con ‘order management’, soluzioni che si occupano espressamente della gestione e in via prioritaria dell’evasione degli ordini. Per anni nei magazzini si è cercato di aumentare l’efficienza nell’elaborazione degli ordini utilizzando una metodologia di lavoro ‘a ondate’, raccogliendo ordini da inviare al centro di distribuzione in gruppi organizzati. Ma con la crescita d’importanza dell’e-commerce e in settori dove la domanda è imprevedibile, questo può però portare a picchi e vuoti di attività. Con le nostre soluzioni facciamo in modo che gli ordini vengano lavorati in base a priorità, con particolare attenzione ai costi e alla rapidità di consegna. Non dimentichiamo inoltre la gestione delle ore di lavoro del personale all’interno del magazzino stesso, per coordinare al meglio la forza lavoro manuale e automatizzata e poter predirre i picchi di lavoro. 


 

Secondo lei cosa dovrebbe cambiare nel modo di distribuire i prodotti?

Malchirand: Un cambiamento dovrebbe avvenire nei centri città: i magazzini molto spesso si trovano lontano dai clienti, che invece sono con i loro negozi in centro città. Con l’omnichannel le merci vanno consegnate frequentemente in centro, quindi bisogna attuare una revisione delle consegne in ottica ultimo miglio. Da rivedere anche il ruolo stesso dei negozi, al punto da ipotizzare lo ‘shipment from store’, ovvero la spedizione del prodotto direttamente dal negozio e non più dal magazzino. 


di Davide Ornati

02/07/2018, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Futuro all'insegna di smart ports e greeen ports per gli scali dell'associazione NAPA

20/05/2022

E' quanto hanno ribadito i rappresentanti dei porti di Trieste e Monfalcone, Ravenna, Koper (Capodistria) e Rijeka (Fiume) coordinati da quelli di Venezia e Chioggia nel corso degli European Maritime Days tenutisi a Ravenna.
read more..

Scania, Gruber Logistics ed Electrolux; partnership sostenibile

20/05/2022

Un passo importante è stato compiuto attraverso l'acquisizione di 350 camion da parte di Gruber Logistics: garantiscono una riduzione dei consumi del 10% e potranno utilizzare ogni tipologia di biodiesel.
read more..

Interporto Bologna scommette su una logistica etica

20/05/2022

Lo fa dando vita al progetto InTerLab finanziato da un bando regionale e in collaborazione con con MISTER Smart Innovation, Clust-ER Innovate e Due Torri Spa.
read more..

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..
più letti

Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, approvato dal Consiglio dei ministri il decreto che lo riorganizza

25/06/2021

Evidenziata la centralità della sostenibilità nelle iniziative riguardanti infrastrutture e mobilità; rafforzato il carattere strategico della programmazione fondata anche su avanzati sistemi informativi e statistici.
read more..

DHL Express acquisice altri otto Boeing 777 cargo

19/01/2021

Il 777 è il cargo bimotore più grande, più lungo e più capiente al mondo con un'autonomia di 9.200 km (4.970 miglia nautiche) e può trasportare un carico utile massimo di 102.010 kg. Le prime consegne sono previste per il 2022.
read more..

Rinnovato il protocollo d'intesa ER.I.C. Intermodal Cluster

17/02/2021

Il raggruppamento dei terminal regionali dell'Emilia Romagna è nato nel 2018 e rinnova l'impegno per lo sviluppo del trasporto intermodale, in linea con gli obiettivi europei di sviluppo sostenibile.
read more..

ANITA plaude alla libera circolazione dei mezzi lunghi fino al 18 metri

15/09/2021

L’aumento della lunghezza massima consentita, a parità di peso ammesso, migliora la capacità di carico dell’autoarticolato che può così trasportare 37 pallet,4 in più rispetto alla configurazione attuale standard.
read more..