Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Le notizie di oggi » Lanciato servizio ferroviario da Pordenone al Regno Unito

Lanciato servizio ferroviario da Pordenone al Regno Unito

E’ un altro tassello importante per il terminal ferroviario logistico Odorico da Pordenone. Venerdì 27 settembre, nell’area del terminal della struttura cittadina, è stato festeggiato il “lancio” del primo treno di collegamento con partenza da Pordenone per il Regno Unito. L’iniziativa è stata promossa da Interporto Pordenone, in collaborazione con Lineas (ferrovie belghe), Hupac (la società svizzera che gestisce il terminal) e sarà curata da Codognotto, una delle realtà più dinamiche nel panorama dei trasporti e della logistica europea, che ha una sede in riva al Noncello. 



“Sapere che una grande impresa ha scelto il nodo di Pordenone, uno scalo predisposto per tutta l’imprenditoria, per far partire i suoi treni, è un motivo di grande orgoglio per noi. Sviluppare il trasporto su rotaia – ha sottolineato Giuseppe Bortolussi, ad di Interporto Pordenone - significa risparmio per il trasporto stesso (viene stimato in un 20%), maggiore attenzione alla cultura dell’ambiente e consente di dare più voce al nostro territorio. Un’altra giornata di grandi soddisfazioni, dopo l’apertura del terminal lo scorso 30 maggio. E rappresenta una concreta risposta alla Brexit”. 





Quello in partenza per il Regno Unito è l’ultimo di una serie di treni cominciata da Pordenone a luglio in direzione Novara e continuata i primi di settembre con veicoli diretti verso i porti di Duisburg, in Germania, e di Zeebrugge, in Belgio, per un totale di 14 treni alla settimana. A fine anno, i convogli in partenza dal capoluogo del Friuli occidentale saranno una trentina, per arrivare a 50 nel primo trimestre del 2020, in direzione Rotterdam, in Olanda, e quindi Polonia e Serbia, vale a dire Europa dell’est, “Paesi con cui – rileva Bortolussi – stiamo sviluppando un’importante iniziativa per diventare la piattaforma ideale per il traffico ferroviario con l’Est Europa. Oggi, rientrando da Trieste abbiamo misurato un muro di camion, 12 chilometri di mezzi fermi in autostrada. E’ una situazione ormai insopportabile e non si può più pensare a un futuro delle nostre aziende senza pensare a qualcosa di più sicuro e di più affidabile”. 



Silvano Pascolo, presidente di Interporto Pn, si è detto soddisfatto che partano due treni alla settimana per il Regno Unito “alla faccia della Brexit”. Cristina Amirante, assessore comunale alla Mobilità, ha detto che il Comune crede fortemente a questo nuovo modo di vedere il trasporto delle merci che “nel territorio italiano, non può essere solo su gomma. Il futuro è nello scambio tra gomma e rotaia e questo è un esempio eccellente di quello che sarà il trasporto futuro. Si produrranno meno anidride carbonica e polveri sottili, con una migliore qualità della vita”. Che il futuro non possa essere soltanto tutto gomma lo ha ribadito anche Maurizio Codognotto, titolare dell’omonima impresa, che ha parlato di intermodalità, ferroviaria e marittima, “soluzioni che oggi il mercato offre, per sostenere lo spostamento delle merci a impatto sempre meno inquinante. 


Il nostro auspicio è che questi possano diventare i treni delle aziende del nordest”. In conclusione, Graziano Pizzimenti, assessore regionale alle Infrastrutture, ha rilevato che l’Interporto di Pordenone, dei 4 regionali, è quello in cui c’è più fermento in assoluto. “Questo fa ben sperare perché ormai il Fvg è diventata la piattaforma del nordest dell’Europa e, con il porto di Trieste che sta avendo un boom storico, ci dà grandi aspettative. Per il nostro territorio vuol dire sviluppo non solo infrastrutturale, ma creare ricchezza dando lavoro. Abbiamo investito diversi milioni su questo sito perché ci crediamo”.

30/09/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Brexit, il caos continua e i tempi (forse) si allungano

23/10/2019

Bocciata la richiesta di Johnson di un iter accelerato per l'approvazione completa del Withdrawal Agreement Bill; si parla di un rinvio dell'accordo a gennaio 2020.
read more..

GEFCO e ArtiShock puntano sulla Realtà aumentata

22/10/2019

Con la nuova applicazione, denominata “GEFCO Enterprise AR” e testata nel magazzino di Schiphol, il 3PL punta a migliorare la produttività della supply chain e il controllo qualità.
read more..

Jan Magni head of Finance Italy di P3 Logistic Parks

22/10/2019

Il neo-nominato ha una lunga esperienza nel settore della finanza immobiliare; dirigerà le operazioni dell’azienda in Italia con base nell’headquarter milanese.
read more..

Ports of Genoa e Interporto Padova insieme alla conquista della Cina

21/10/2019

Le due realtà hanno dato vita ad un’articolata missione commerciale congiunta nella regione del Guangdong, uno dei più dinamici motori dell’economia cinese.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..