home » Approfondimenti » Distribuzione vaccini covid-19: ecco cosa spetta all’industria logistica

Distribuzione vaccini covid-19: ecco cosa spetta all’industria logistica

Il Gruppo Deutsche Post DHL in collaborazione con McKinsey & Company ha realizzato uno studio per indicare una strategia di distribuzione stabile ed efficace di materiali sanitari durante l’attuale emergenza COVID-19. Il focus del rapporto è la distribuzione dei primi vaccini contro il COVID-19 che – appena pronti – dovranno essere distribuiti in tutto il mondo. DHL Global Forwarding mette in luce i risultati di un’analisi strategica per gli attori dell’industria logistica mondiale, chiamati ad istituire una supply chain in grado di distribuire oltre dieci miliardi di dosi in tutto il mondo

 

La prima sfida a cui dovrà far fronte il settore logistico è la temperatura: molto probabilmente alcuni vaccini dovranno essere sottoposti a rigorosi standard che potranno raggiungere temperature fino a -80° per far sì che la loro integrità sia preservata durante il trasporto e l'immagazzinamento. Questa è sicuramente una nuova sfida per la supply chain del settore farmaceutico che solitamente prevede il trasporto di vaccini a temperature che vanno dai 2 agli 8°C. Per garantire una copertura globale dei vaccini COVID-19, saranno necessarie fino a 200.000 spedizioni di pallet15 milioni di consegne in contenitori a temperatura controllata e oltre 15.000 voli.

 

Con oltre 1 milione di addetti ai lavori, e un fatturato di 85 miliardi di euro (il 9% del PIL) il settore logistico deve contribuire e contribuirà a suo modo per contrastare e sconfiggere il virus. DHL Global Forwarding ha sottolineato l’importanza di garantire la continuità della supply chain. Con 16 impianti dislocati in tutta Italia, sarà coinvolta tutta la filiera logistica per affrontare uno sforzo ed un impegno collettivo senza precedenti per la diffusione dei vaccini contro il Covid-19. 

 

DHL Global Forwarding sostiene che la sfida che dovrà accogliere l’industria logistica italiana – e non solo – è proprio quella di dover gestire un eccesso di richiesta con una diminuzione degli spazi disponibili per il trasporto aereo. Per cercare di garantire una supply chain efficiente, DHL Global Forwarding ha dato vita a una task force a livello globale che si occuperà di guidare tutte le parti coinvolte nella gestione delle nuove esigenze, inclusa la pianificazione dei charter, voli appositamente organizzati per gestire questo nuovo e crescente flusso di domanda. 

 

Dal punto di vista operativo, sul territorio italiano DHL Global Forwarding dispone di due eccellenze per la gestione del pharma: i competence centers di Pozzuolo Martesana e di Fiumicino, che saranno i due poli strategici per la movimentazione pallettizzata in contenitori a temperatura controllata. Se i vaccini verranno effettivamente prodotti in Italia, questi saranno i due poli nevralgici in cui verranno imballati e poi spediti in tutto il mondo.   

 

“L’attuale crisi sanitaria dovuta al Covid-19 ha messo in luce quanto quello della logistica sia un settore assolutamente strategico”, sostiene Mario Zini, amministratore delegato di DHL Global Forwarding Italia“Il lockdown e la situazione critica non hanno ostacolato il nostro lavoro, ma anzi abbiamo continuato ad impegnarci per garantire la continuità della supply chain. Ora, insieme ad altri player del settore, siamo chiamati a svolgere un ruolo determinante nella lotta alla pandemia, attraverso la distribuzione di materiale sanitario. La condivisione del nostro know-how sarà fondamentale per aiutare i governi mondiali a delineare infrastrutture adeguate ad affrontare questa ed eventuali crisi future ed essere reattivi per la diffusione del vaccino, appena sarà disponibile”.

 

Per gestire emergenze sanitarie future occorrono partnership tra pubblico e privato

Dall'inizio della pandemia, la richiesta di forniture mediche è aumentata. Ad esempio, l'UNICEF ha acquistato 100 volte più mascherine e 2.000 volte più guanti rispetto al 2019. Il trasporto di forniture mediche da utilizzare in prima linea è stata una delle attività più cruciali nella lotta contro la pandemia nella prima fase dell'emergenza sanitaria. Per i DPI in particolare, la logistica in entrata ha rappresentato una sfida importante a causa della concentrazione geografica della produzione, della limitata capacità di trasporto aereo e della mancanza di controlli di qualità in ingresso. Per garantire la stabilità dell'approvvigionamento medico durante emergenze sanitarie future, è necessario che i governi istituiscano un’infrastruttura strategica stabilendo partnership tra settore pubblico e privato.

 

Per favorire il dialogo tra i diversi attori e contrastare la pandemia, DHL fornisce un quadro di riferimento per la cooperazione delle aziende del settore logistico con le autorità, le istituzioni, le ONG e l'industria biotecnologica per migliorare la distribuzione di forniture mediche. Il rapporto aiuta a stabilire misure per garantire una supply chain il più possibile affidabile e sicura. La strategia per affrontare le emergenze sanitarie future include l’istituzione di un network di partnership, una forte infrastruttura logistica e la trasparenza della supply chain abilitata all'IT. 

 

A questo indirizzo lo studio completo: 

https://www.dhl.com/pandemic-resilience

01/10/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Gli obiettivi per il periodo 2021-2024 di Contship Italia

30/10/2020

Il gruppo ribadisce - fra l'altro - il suo impegno nei confronti dell'Italia, con ingenti investimenti per La Spezia Container Terminal (LSCT), suo principale terminal container nel nostro Paese.
read more..

Anita chiede la sospensione dei divieti di circolazione

30/10/2020

La richiesta tiene conto del fatto che finora l’industria lavora a pieno ritmo e non è stata interessata dai blocchi del Governo con le misure introdotte dagli ultimi DPCM.
read more..

Nuovo consiglio per l’Autorità di regolazione dei trasporti

30/10/2020

E' composto dal presidente Nicola Zaccheo e da Carla Roncallo e Francesco Parola (componenti): i membri saranno in carica sette anni e le loro nomine non sono rinnovabili.
read more..

Interporto di Nola: primi container via ferro dalla Cina

30/10/2020

Attivato un collegamento con la città di Shunde, grazie ad una partnership ISC Intermodal e ITS. Transit time di circa 30 giorni con una riduzione del 20% delle emissioni di C02.
read more..
più letti

La logistica di progetto vista e interpretata da ASSTRA

29/01/2019

Il manager Andrey Abramov illustra la visione del gruppo internazionale delle società di trasporti e logistica.
read more..

Al via il terminal intermodale Odorico da Pordenone

30/05/2019

E' uno dei più moderni e funzionali impianti in Italia con caratteristiche e standard europei: permetterà di trasferire dalla strada all'intermodale fino a 180 mila trasporti l'anno.
read more..

Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry, iniziato il conto alla rovescia

25/01/2019

L’edizione 2019 si apre il 31 gennaio alle ore 10 entrando capofitto nel “dibattito” sulle infrastrutture logistiche.
read more..

Presentazione del 6° rapporto “Italian Maritime Economy”

21/06/2019

L'edizione 2019 verrà presentata a Napoli il 4 luglio e si intitola “Nuovi scenari nel Mediterraneo: Suez e la Cina, le strategie dei grandi carrier, le nuove tecnologie e le rotte dell’energia“.
read more..