home » In primo piano » Il Gruppo Hörmann punta su performance eco-sostenibili

Il Gruppo Hörmann punta su performance eco-sostenibili

Sostenibilità: è questa la parola chiave che sempre più aziende stanno adottando nel loro vocabolario. Mai come oggi, infatti, si sta facendo sentire il peso che l'uomo ha sull'ambiente ed è diventato fondamentale cercare soluzioni efficaci per un utilizzo responsabile delle risorse del pianeta. 

 


Per Hörmann, azienda leader nei sistemi di chiusura, essere sostenibile è un aspetto essenziale che concerne non solo le soluzioni di prodotto proposte, ma anche l'intera organizzazione nonché ogni singolo step della catena produttiva: dall'acquisizione delle materie prime fino alla logistica dei trasporti. Tutti i prodotti e i processi di produzione, infatti, vengono costantemente verificati e perfezionati per ottimizzare il consumo energetico, ridurre l'inquinamento ambientale, evitare comportamenti nocivi per la salute e utilizzare le risorse con intelligenza dal punto di vista ecologico ed economico. 



 


Per quanto riguarda l’aspetto del prodotto, il gruppo Hörmann ha ottenuto per molte delle soluzioni proposte la dichiarazione di sostenibilità dell’IFT di Rosenheim – rinomato istituto tedesco di ricerca, analisi e certificazione sulla tecnologia per finestre e facciate – che conferma e documenta la produzione ecosostenibile di innumerevoli componenti per l'edilizia Hörmann. Tra i prodotti certificati, rientrano le porte multifunzione, le porte e i portoni scorrevoli tagliafuoco e tagliafumo, le porte per interni ed esterni in acciaio, i portoni sezionali industriali in acciaio e alluminio con motorizzazione, le serrande e le griglie avvolgibili industriali, i portoni a scorrimento rapido e infine le tecnologie di carico-scarico.

 


Hörmann è inoltre fornitrice di prodotti per innovativi progetti edili destinati alla tutela ambientale: l’azienda ha ad esempio realizzato porte in acciaio per l'accesso alle pale eoliche. 

 


Il  gruppo ha improntato in più l’intera produzione su criteri ecologici, riuscendo a ridurre le emissioni di CO2 di circa 40.000 tonnellate all'anno, un valore che equivale al consumo annuo di 8.000 abitazioni. In che modo? Oltre all'impegno costante da parte di tutti i collaboratori e all'attenzione per i minimi dettagli in termini di impatto ambientale, è stato l'impiego di energie rinnovabili a fare la differenza. Un esempio è il passaggio all'elettricità “verde” effettuato dalla società: l’intero fabbisogno energetico dell’azienda in Germania è oggi coperto infatti da Naturstrom, un fornitore certificato di elettricità verde” al 100%, prodotta in Germania da impianti eolici e centrali idroelettriche; un'elettricità pulita e certificata che ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti e viene raccomandata da rinomate istituzioni. 





Anche la conversione dall'olio combustibile al gas naturale è stata una scelta importante, in termini di sostenibilità, all’interno delle sedi Hörmann: la combustione del secondo – elemento assai meno inquinante – consente infatti di rilasciare fino al 40% in meno di CO2 rispetto all’utilizzo del primo. Inoltre, in molti stabilimenti, l'azienda impiega centrali termoelettriche a co-generazione che producono contemporaneamente energia elettrica per l'immissione in rete ed energia termica per l'impianto di riscaldamento. Tutti i macchinari di produzione e i sistemi di illuminazione vengono poi periodicamente aggiornati per assicurare il massimo grado di efficienza energetica.


 



Nel gruppo Hörmann la salvaguardia dell'ambiente riguarda infine anche tutta una serie di modalità operative: dal riciclaggio degli imballaggi all'impiego di carta riciclata al 100% (proveniente da boschi gestiti in modo sostenibile), fino agli invii postali ecofriendly in quanto effettuati dalla Deutsche Post tramite il servizio “GoGreen”.  In Italia in più, l’azienda ha introdotto anche il sistema di rifornimento da dispenser H2O e ha dotato i dipendenti di bottiglie ecologiche personalizzate coi colori aziendali, per evitare il consumo di plastica.



 


01/10/2020, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Gli obiettivi per il periodo 2021-2024 di Contship Italia

30/10/2020

Il gruppo ribadisce - fra l'altro - il suo impegno nei confronti dell'Italia, con ingenti investimenti per La Spezia Container Terminal (LSCT), suo principale terminal container nel nostro Paese.
read more..

Anita chiede la sospensione dei divieti di circolazione

30/10/2020

La richiesta tiene conto del fatto che finora l’industria lavora a pieno ritmo e non è stata interessata dai blocchi del Governo con le misure introdotte dagli ultimi DPCM.
read more..

Nuovo consiglio per l’Autorità di regolazione dei trasporti

30/10/2020

E' composto dal presidente Nicola Zaccheo e da Carla Roncallo e Francesco Parola (componenti): i membri saranno in carica sette anni e le loro nomine non sono rinnovabili.
read more..

Interporto di Nola: primi container via ferro dalla Cina

30/10/2020

Attivato un collegamento con la città di Shunde, grazie ad una partnership ISC Intermodal e ITS. Transit time di circa 30 giorni con una riduzione del 20% delle emissioni di C02.
read more..
più letti

100.000 treno merci attraverso il San Gottardo

05/03/2019

Si tratta del convoglio di SBB Cargo International, del cliente Hupac; durante una giornata feriale circolano tra 130 e 160 treni attraverso la galleria di base.
read more..

Incontro a Bologna della CDO su ”Come costruire il futuro”

08/02/2019

L'evento si tiene il 19 febbraio (ore 9,30-17,30), presso l'Hotel Ramada Encore (Via Ferrarese, 164).
read more..

Il porto di La Spezia archivia un 2018 di segno positivo

28/01/2019

Consolidato in particolare il traffico contenitori con una movimentazione complessiva di 1.485.623 teu (+0,8%).
read more..

LOMBARDIA, PIEMONTE E LIGURIA, RIPARTE LA COLLABORAZIONE IN LOGISTICA

22/03/2019

Sottoscritti due protocolli: uno fra le tre regioni che avvia Tavoli permanenti per intervenire sulle necessità del comparto logistico e un secondo sottoscritto anche da Mit, Rfi e Ferrovienord per rendere il sistema ferroviario più agevole per le merci.
read more..