Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » In primo piano » “Italia, hub logistico per l’Europa? Ecco il perché

“Italia, hub logistico per l’Europa? Ecco il perché

“Italia, hub logistico per l’Europa? Ecco perché”. Sono stati i responsabili della supply chain di prestigiose aziende internazionali a spiegare perché ritengono conveniente e strategico fare logistica nel nostro Paese, piattaforma distributiva per l’Europa e il Mediterraneo.

 

Non è un caso se Luxottica mantiene salda la propria posizione su Treviso, Stella Mc Cartney da Londra è già approdata in provincia di Vercelli, l’americana 3Mha trasformato il magazzino a sud di Milanoda domestico a internazionale e Ikea ha ampie prospettive per la distribuzione, a partire dalla control tower mondiale in Svizzera.

 

Come e perché insediare il proprio comparto logistico in Italia, dunque. Ma anche decidere se essere più vicini ai clienti o ai fornitori. “Come azienda globale, con oltre 50 boutique monomarca, quasi 1.000 rivenditori, vendite online in 100 Paesi e il 75% dei nostri fornitori localizzato in Italia, solamente la seconda opzione poteva essere quella da seguire”,dice Michele Migliardi, supply chain e logistic director di Stella Mc Cartney, una delle più famose maisondi moda di lusso nel mondo, “dal 28 marzo 2018 unica proprietaria del proprio marchio e, quale azienda indipendente, con servizi come la logistica diventati fondamentali”. 

 

 

Il convegno svoltosi alla LIUC Business School, organizzato dal Centro sulla Logistica e il Supply Chain Management della LIUC Business School, in collaborazione con Columbus Logistics, ha insisito sui segnali che spingono a pensare l’Italia come polo distributivo per l’Europa, con global player e multinazionali di vari settori industriali che hanno già scelto la nostra Penisola quale base logistica.  Nel corso del convegno è anche una tavola rotonda alla quale parteciperanno alcuni tra i più influenti protagonisti della scena nazionale oltre a testimonial dell’Italia logistica nel mondo, come Zeno D’Agostino, presidente Autorità Porto di Trieste eIvano Russo,direttore generale di Confetra.

 

Eric Veron, autore del libro “Ho scelto l’Italia”, presente alla tavola rotonda, si è così espresso: “L’Italia è strategica per gli investimenti logistici perché è un importante paese di consumi, di industria e di scambi commerciali. Questo implica bisogni importanti di nuove infrastrutture: per accompagnare lo sviluppo dell’e-commerce, dare supporto al sistema industriale e fluidificare gli scambi import/export con il resto dell’Europa e del mondo. Questi sono i tre motori di un settore in piena evoluzione e in forte crescita. E dunque tre motivi per investire”.

 

Fabrizio Dallari, direttore del Centro sulla Logistica e Supply Chain Management della LIUC Business Schoolrileva che: “Nonostante l’Italia sia nota per i suoi fardelli amministrativi, la burocrazia, l’assenza di incentivi fiscali e i ritardi infrastrutturali, non sono pochi i casi di aziende con headquarter stranieri che vedono nell’Italia un mercato importante di sbocco e una piattaforma logistica da cui rilanciare i traffici in import ed export conseguenti alle scelte di delocalizzazione. Negli ultimi anni sono stati fatti passi da gigante è stata data una grande accelerazione su vari fronti: l’efficientamento delle dogane, la digitalizzazione delle imprese con gli investimenti resi possibili dal piano Industry 4.0, l’iniezione di giovani talenti in area logistica provenienti dal mondo universitario e non solo”.

 

Durante il convegno saranno presentati i risultati di una ricercasu scala internazionale effettuata dal Centro sulla Logistica e Supply Chain Management della LIUC Business School per individuare i fattori che spingono l’Italia ad essere l’hub logistico per l’Europa.

 

Le slide del convegno sono disponibili a questo indirizzo

http://www.liucbs.it/wp-content/uploads/Convegno-HUB-ITALIA.pdf



  

Foto di gruppo dei relatori del convegno

 

26/06/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Brexit, il caos continua e i tempi (forse) si allungano

23/10/2019

Bocciata la richiesta di Johnson di un iter accelerato per l'approvazione completa del Withdrawal Agreement Bill; si parla di un rinvio dell'accordo a gennaio 2020.
read more..

GEFCO e ArtiShock puntano sulla Realtà aumentata

22/10/2019

Con la nuova applicazione, denominata “GEFCO Enterprise AR” e testata nel magazzino di Schiphol, il 3PL punta a migliorare la produttività della supply chain e il controllo qualità.
read more..

Jan Magni head of Finance Italy di P3 Logistic Parks

22/10/2019

Il neo-nominato ha una lunga esperienza nel settore della finanza immobiliare; dirigerà le operazioni dell’azienda in Italia con base nell’headquarter milanese.
read more..

Ports of Genoa e Interporto Padova insieme alla conquista della Cina

21/10/2019

Le due realtà hanno dato vita ad un’articolata missione commerciale congiunta nella regione del Guangdong, uno dei più dinamici motori dell’economia cinese.
read more..
più letti

Servizio aftersales promosso dai clienti di OM STILL

02/01/2018

In Italia la Casa ha una rete assistenza di 800 tecnici e un magazzino con oltre 30 mila referenze a stock che può spedire i ricambi in 24 ore.
read more..

Aumenti pedaggi autostradali, scende in campo anche Zingaretti

03/01/2018

Il presidente della Regione Lazio, in un tweet, annuncia l'incontro con Delrio per dirimere la questione relativa al balzo del 12,89% della Strada dei Parchi (sulla A24 Roma-L'Aquila) e che tante proteste sta suscitando tra pendolari e trasportatori.
read more..

Voucher temporary export manager, in arrivo altre risorse

03/01/2018

Su decisione del ministro Calensa aumentano a circa 36 milioni di euro rispetto ai 26 inizialmente previsti; obiettivo: aumentare il numero di aziende italiane stabilmente esportatrici.
read more..

L'istituto di ricerca IKN Italy organizza il terzoi InnovAuto

03/01/2018

L'evento - focalizzato su innovazioni, nuovi modelli di business e bisogni dei consumatori del mondo automotive & feet e dell’Industria 4.0. - si tiene a Milano il 14 febbraio.
read more..