home » L'intervista » A colloquio con Vitaly Lazovsky di AsstrA

A colloquio con Vitaly Lazovsky di AsstrA

Come si può essere sicuri che i servizi di un'azienda sono di alta qualità? Come si può garantire che un'azienda consideri gli interessi di clienti e partner ed è consapevole dell'ambiente nel processo produttivo/distributivo? Come sapere che cosa distingue i servizi di un fornitore logistico (3PL) da quelli delle altre decine di migliaia che operano oggi presenti in tutto il mondo?


Gli standard di qualità ISO sono diventati un "misuratore" universale che aiuta a rispondere a tutte queste domande. Una società può ufficialmente soddisfare questi standard solo dopo aver superato una serie di test volti a stabilire se le sue operazioni sono conformi ai criteri internazionali. È stato questo test che il gruppo aziendale AsstrA-Associated Traffic AG ha approvato a ottobre. Come risultato dell'audit, il gruppo ha ricevuto un altro certificato ISO - ISO 28000: 2007.






Abbiamo parlato con Vitaly Lazovsky, supply chain security manager di AsstrA, su cosa significhi questa qualifica e cosa cambierà per i clienti di AsstrA. "L'obiettivo principale della ISO 28000: 2007 - spiega il manager - è fornire linee guida per valutare l'affidabilità delle catene di approvvigionamento. Rispettando questi requisiti globali per i sistemi di gestione della sicurezza e sottoponendosi a regolari ispezioni di conformità, le società della catena di fornitura - come importatori, spedizionieri doganali, operatori del materiale rotabile e spesso anche i produttori che organizzano il trasporto da soli - possono ufficialmente essere certificate ISO 28000.



Perché è stato importante per AsstrA ottenere questo certificato? Lazovsky: Per AsstrA, la richiesta di certificazione ISO 28000 è stata una parte importante del programma di gestione della sicurezza istituito per il 2018. Dopo tutto, il trasporto è parte integrante di qualsiasi Central Processing Unit (CPU). La preparazione dell'applicazione è stata effettuata in stretta collaborazione con il dipartimento Gestione Qualità di AsstrA. Oltre a un audit ISO di terze parti, l'applicazione ha comportato la revisione di alcuni processi aziendali, lo sviluppo di istruzioni interne e liste di controllo, l'adozione delle più recenti tecniche di valutazione del rischio, l'introduzione di nuovi strumenti per il monitoraggio delle spedizioni ad alto rischio, intervistando i fornitori e i clienti di AsstrA, la formazione dei dipendenti, la revisione dei contratti esistenti e così via. È importante capire che la sicurezza della supply chain non è una questione di fortuna o addirittura di esperienza: è il risultato di una pianificazione chiara, ispezioni in corso e un'analisi approfondita dei rischi. Senza costanti miglioramenti della sicurezza, un'azienda di trasporti e logistica non può garantire ai propri clienti indicatori di performance di successo a breve e a lungo termine. Pertanto, ottenere un certificato ISO 28000 è una prova importante del fatto che AsstrA attribuisce la massima priorità alla sicurezza ed è pronta a superare anche i test più severi per mettere a proprio agio i clienti.



Che cosa dimostra esattamente il certificato per i clienti? Lazovsky: Un certificato ISO 28000 dimostra che disponiamo di un'efficace gestione dei rischi per ogni fase del trasporto. È ovvio che questa gestione dei rischi ridurrà le complicazioni di carico / scarico e il numero di episodi di furto e danneggiamento delle merci. Ottimizzerà anche il costo del trasporto. Inoltre, molte delle aziende più professionali del mondo hanno linee guida interne che vietano la cooperazione con i fornitori 3PL senza certificazione ISO. Pertanto, ottenere questa certificazione non è solo una mossa di pubbliche relazioni per rafforzare la nostra reputazione sul mercato. È una vera opportunità per cooperare con i nuovi clienti all'interno di un quadro che è provato e riconosciuto nei migliori sistemi di sicurezza aziendali del mondo. Dovrebbe anche essere compreso che il certificato è il risultato di una valutazione corrente delle nostre attività in questa fase. Tuttavia, questo non significa che dovremmo perdere la vigilanza e smettere di svilupparci. Ogni dipendente deve comprendere l'importanza della sicurezza del trasporto e prestare sufficiente attenzione alle esigenze della nostra azienda e dei nostri clienti. Il gruppo aziendale di AsstrA si sottoporrà a questi audit annualmente nei prossimi anni per confermare la conformità con gli elevati standard ISO 28000: 2007 e per continuare a migliorare i propri sistemi di gestione della sicurezza della supply chain.



Info: asstraitalia@asstraitalia.com

18/01/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Anita chiede la sospensione dei divieti di circolazione

30/10/2020

La richiesta tiene conto del fatto che finora l’industria lavora a pieno ritmo e non è stata interessata dai blocchi del Governo con le misure introdotte dagli ultimi DPCM.
read more..

Nuovo consiglio per l’Autorità di regolazione dei trasporti

30/10/2020

E' composto dal presidente Nicola Zaccheo e da Carla Roncallo e Francesco Parola (componenti): i membri saranno in carica sette anni e le loro nomine non sono rinnovabili.
read more..

Interporto di Nola: primi container via ferro dalla Cina

30/10/2020

Attivato un collegamento con la città di Shunde, grazie ad una partnership ISC Intermodal e ITS. Transit time di circa 30 giorni con una riduzione del 20% delle emissioni di C02.
read more..

Consorzio ZAI ripercorre la sua ormai lunga storia in un libro

30/10/2020

Si intitola “Un territorio in crescita – Il Consorzio ZAI e lo sviluppo di Verona 1948/2018” ed è stato pubblicato occasione del settantesimo anno dell'istituzione dell'interporto veronese.
read more..
più letti

“The Logistic Challenge” Adecco-Assologistica C&F in dirittura di arrivo

14/05/2019

La “sfida” logistica premierà il 24 maggio prossimo il gruppo/scuola che è stato meglio capace di immedesimarsi in un vero team di Supply Chain Project Management.
read more..

BUONE VACANZE A CHI PARTE!

02/08/2019

La redazione di Euromerci augura ai suoi lettori che da lunedì saranno in vacanza delle ferie felici e ritempranti. Chi invece lavora anche ad agosto quest'anno godrà della nostra presenza: euromerci.it lavorerà con voi, tenendovi sempre aggiornati!
read more..

Genova, dalla UE via libera al progetto che potenzia il porto

03/04/2019

Il piano rafforza anche tutta l’area dell’ultimo miglio, prevedendo un finanziamento europeo di 6 milioni.
read more..

CRYPTOLOGISTICA E LOGISTICA CONNESSA: STATO DELL’ARTE, OPPORTUNITÀ E RISCHI

21/01/2020

L’argomento sarà tra quelli trattati a Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry 2020, che ha come fil rouge l’industria, la logistica e i trasporti italiani nel mondo all’epoca del ritorno dei confini e della diffusione delle tecnologie disruptive.
read more..