home » L'intervista » A colloquio con Vitaly Lazovsky di AsstrA

A colloquio con Vitaly Lazovsky di AsstrA

Come si può essere sicuri che i servizi di un'azienda sono di alta qualità? Come si può garantire che un'azienda consideri gli interessi di clienti e partner ed è consapevole dell'ambiente nel processo produttivo/distributivo? Come sapere che cosa distingue i servizi di un fornitore logistico (3PL) da quelli delle altre decine di migliaia che operano oggi presenti in tutto il mondo?


Gli standard di qualità ISO sono diventati un "misuratore" universale che aiuta a rispondere a tutte queste domande. Una società può ufficialmente soddisfare questi standard solo dopo aver superato una serie di test volti a stabilire se le sue operazioni sono conformi ai criteri internazionali. È stato questo test che il gruppo aziendale AsstrA-Associated Traffic AG ha approvato a ottobre. Come risultato dell'audit, il gruppo ha ricevuto un altro certificato ISO - ISO 28000: 2007.






Abbiamo parlato con Vitaly Lazovsky, supply chain security manager di AsstrA, su cosa significhi questa qualifica e cosa cambierà per i clienti di AsstrA. "L'obiettivo principale della ISO 28000: 2007 - spiega il manager - è fornire linee guida per valutare l'affidabilità delle catene di approvvigionamento. Rispettando questi requisiti globali per i sistemi di gestione della sicurezza e sottoponendosi a regolari ispezioni di conformità, le società della catena di fornitura - come importatori, spedizionieri doganali, operatori del materiale rotabile e spesso anche i produttori che organizzano il trasporto da soli - possono ufficialmente essere certificate ISO 28000.



Perché è stato importante per AsstrA ottenere questo certificato? Lazovsky: Per AsstrA, la richiesta di certificazione ISO 28000 è stata una parte importante del programma di gestione della sicurezza istituito per il 2018. Dopo tutto, il trasporto è parte integrante di qualsiasi Central Processing Unit (CPU). La preparazione dell'applicazione è stata effettuata in stretta collaborazione con il dipartimento Gestione Qualità di AsstrA. Oltre a un audit ISO di terze parti, l'applicazione ha comportato la revisione di alcuni processi aziendali, lo sviluppo di istruzioni interne e liste di controllo, l'adozione delle più recenti tecniche di valutazione del rischio, l'introduzione di nuovi strumenti per il monitoraggio delle spedizioni ad alto rischio, intervistando i fornitori e i clienti di AsstrA, la formazione dei dipendenti, la revisione dei contratti esistenti e così via. È importante capire che la sicurezza della supply chain non è una questione di fortuna o addirittura di esperienza: è il risultato di una pianificazione chiara, ispezioni in corso e un'analisi approfondita dei rischi. Senza costanti miglioramenti della sicurezza, un'azienda di trasporti e logistica non può garantire ai propri clienti indicatori di performance di successo a breve e a lungo termine. Pertanto, ottenere un certificato ISO 28000 è una prova importante del fatto che AsstrA attribuisce la massima priorità alla sicurezza ed è pronta a superare anche i test più severi per mettere a proprio agio i clienti.



Che cosa dimostra esattamente il certificato per i clienti? Lazovsky: Un certificato ISO 28000 dimostra che disponiamo di un'efficace gestione dei rischi per ogni fase del trasporto. È ovvio che questa gestione dei rischi ridurrà le complicazioni di carico / scarico e il numero di episodi di furto e danneggiamento delle merci. Ottimizzerà anche il costo del trasporto. Inoltre, molte delle aziende più professionali del mondo hanno linee guida interne che vietano la cooperazione con i fornitori 3PL senza certificazione ISO. Pertanto, ottenere questa certificazione non è solo una mossa di pubbliche relazioni per rafforzare la nostra reputazione sul mercato. È una vera opportunità per cooperare con i nuovi clienti all'interno di un quadro che è provato e riconosciuto nei migliori sistemi di sicurezza aziendali del mondo. Dovrebbe anche essere compreso che il certificato è il risultato di una valutazione corrente delle nostre attività in questa fase. Tuttavia, questo non significa che dovremmo perdere la vigilanza e smettere di svilupparci. Ogni dipendente deve comprendere l'importanza della sicurezza del trasporto e prestare sufficiente attenzione alle esigenze della nostra azienda e dei nostri clienti. Il gruppo aziendale di AsstrA si sottoporrà a questi audit annualmente nei prossimi anni per confermare la conformità con gli elevati standard ISO 28000: 2007 e per continuare a migliorare i propri sistemi di gestione della sicurezza della supply chain.



Info: asstraitalia@asstraitalia.com

18/01/2019, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Il mega-Antonov 124-100M-150 è decollato da Palermo

09/04/2020

L'aereo, proveniente da Bucarest, è partito alla volta dell'Australia, caricando prodotti tecnologici siciliani, con anche un trasporto eccezionale di 25 tonnellate per Sydney
read more..

SMART WORKING, PRO E CONTRO SECONDO ASSTRA

08/04/2020

Secondo i risultati del centro di ricerca Superjob, oggi il 22% delle aziende assume regolarmente i remote worker, i quali godono di numerosi vantaggi, ma anche di innegabili svantaggi. Sentiamo il parere di alcuni manager del gruppo AsstrA.
read more..

Con Bsamply Tradeshow Project fiere e sfilate online

08/04/2020

Grazie a questa piattaforma è possibile ricreare un'esperienza a 360 gradi e gli attori del settore del fashion potranno incontrarsi, campionare, contrattare e vendere tutto online, anche una volta che l'emergenza covid-19 verrà superata.
read more..

Emergenza covid-19: PTV Group offre gratis il software di pianificazione consegne

08/04/2020

La soluzione consente di ottimizzare la sequenza delle varie fermate del giro, ridurre i chilometri e di sfruttare al meglio la flotta di veicoli a disposizione.
read more..
più letti

CONTRACT LOGISTICS: LA CRESCITA CONTINUA, LIEVE, MA CONTINUA

21/11/2019

Nel '18 il fatturato è di 84 miliardi di euro (+0,7%) consolidando il trend positivo degli ultimi 5 anni; le previsioni '19 rivelano un lieve aumento in termini assoluti del turnover (84,5% mld). Lo rileva la Ricerca 2019 dell'Osservatorio G. Marchet.
read more..

Nuovi progetti immobiliari in Italia per P3 Logistic Parks

20/11/2019

Il nostro Paese rappresenta un mercato molto significativo per il gruppo specializzato in investimenti a lungo termine, sviluppo, acquisizione e gestione di immobili ad uso logistico. Tra le tante novità anche l'acquisizione di un'area ad Ardea (Roma).
read more..

Partito il progetto ”Smart Glasses at BLG”

20/11/2019

L'operatore lo ha implementato presso il logistic center Bremen, attivando flussi di lavoro attorno alle istruzioni di ri-confezionamento e la visualizzazione nei display virtuali degli occhiali stessi.
read more..

Nuova generazione di carrelli controbilanciati per Linde MH

15/11/2019

La gamma, con portate da 2 a 3,5 tonnellate, stabilisce inediti standard in termini di efficienza, sostenibilità e sicurezza. Le nuove macchine sono anche collegate in rete e predisposte per le applicazioni in collaborazione con l'Industry 4.0.
read more..