home » Le notizie di oggi » Cargo aereo, a novembre '21 crescita rallentata

Cargo aereo, a novembre '21 crescita rallentata

L'Associazione internazionale del trasporto aereo ha pubblicato i dati per i mercati globali del trasporto aereo di merci che mostrano una crescita più lenta a novembre 2021. Le interruzioni della catena di approvvigionamento e i vincoli di capacità hanno avuto un impatto sulla domanda, nonostante sussistano condizioni economiche favorevoli per il settore.



“La crescita del trasporto aereo di merci è stata dimezzata a novembre rispetto a ottobre a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento. Tutti gli indicatori economici indicavano una domanda forte e continua, ma le pressioni della carenza di manodopera e dei vincoli nel sistema logistico hanno comportato inaspettatamente la perdita di opportunità di crescita. I produttori, ad esempio, non sono stati in grado di portare beni vitali dove erano necessari, compresi i DPI. I governi devono agire rapidamente per alleviare la pressione sulle catene di approvvigionamento globali prima che intacchi permanentemente la forma della ripresa economica da covid-19", ha affermato il direttore generale della IATA Willie Walsh.

 

 

Poiché i confronti tra i risultati mensili del 2021 e del 2020 sono distorti dall'impatto straordinario del covid-19, se non diversamente specificato, tutti i confronti di seguito si riferiscono a novembre 2019 che ha seguito un normale andamento della domanda.

 


La domanda globale, misurata in tonnellate-chilometro cargo (CTK), è aumentata del 3,7% rispetto a novembre 2019 (4,2% per le operazioni internazionali). Questo è stato significativamente inferiore alla crescita dell'8,2% vista nell'ottobre 2021 (2% per le operazioni internazionali) e nei mesi precedenti.

 


La capacità è stata del 7,6% inferiore a novembre 2019 (-7,9% per le operazioni internazionali). Un dato rimasto relativamente invariato da ottobre. La capacità rimane limitata da colli di bottiglia negli hub chiave. Le condizioni economiche continuano a sostenere la crescita del trasporto aereo di merci, tuttavia le interruzioni della catena di approvvigionamento stanno rallentando la crescita. 

 


La carenza di manodopera, in parte a causa dei dipendenti in quarantena, lo spazio di archiviazione insufficiente in alcuni aeroporti e gli arretrati di elaborazione esacerbati dalla corsa di fine anno hanno creato interruzioni della catena di approvvigionamento. Diversi aeroporti chiave, tra cui il JFK di New York, Los Angeles e Amsterdam Schiphol, hanno segnalato una congestione.

 


Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti e in Cina rimangono forti. Negli Stati Uniti le vendite al dettaglio sono state del 23,5% superiori ai livelli di novembre 2019. E in Cina le vendite online per il Singles' Day sono state del 60,8% superiori ai livelli del 2019. Il commercio mondiale di merci è aumentato del 4,6% a ottobre (ultimo mese di dati), rispetto ai livelli pre-crisi, il miglior tasso di crescita da giugno. La produzione industriale globale è aumentata del 2,9% nello stesso periodo. Il rapporto scorte/vendite rimane basso. Ciò è positivo per il trasporto aereo di merci poiché i produttori si rivolgono al trasporto aereo di merci per soddisfare rapidamente la domanda. La recente ondata di casi di covid-19 in molte economie avanzate ha creato una forte domanda di spedizioni di DPI, che di solito vengono trasportate per via aerea.



 

 

Performance regionali di novembre


Le compagnie aeree dell'Asia-Pacifico  hanno visto i loro volumi di merci aeree internazionali aumentare del 5,2% a novembre 2021 rispetto allo stesso mese del 2019. Questo è stato solo leggermente inferiore all'espansione del 5,9% del mese precedente. La capacità internazionale nella regione è leggermente diminuita a novembre, in calo del 9,5% rispetto al 2019.

I vettori nord-americani hanno  registrato un aumento dell'11,4% dei volumi di merci internazionali a novembre 2021 rispetto a novembre 2019. Questo è stato significativamente inferiore alla performance di ottobre (20,3%). La congestione della catena di approvvigionamento in diversi snodi mercantili chiave degli Stati Uniti ha influenzato la crescita. La capacità internazionale è diminuita dello 0,1% rispetto a novembre 2019.

Le aviolinee europee hanno  avuto un aumento dello 0,3% dei volumi di merci internazionali a novembre 2021 rispetto allo stesso mese del 2019, ma si tratta di un calo significativo delle prestazioni rispetto a ottobre 2021 (7,1%). I vettori europei sono stati colpiti dalla congestione della catena di approvvigionamento e dai vincoli di capacità localizzati. La capacità internazionale è diminuita del 9,9% a novembre 2021 rispetto ai livelli pre-crisi e la capacità sulla rotta chiave Europa-Asia è diminuita del 7,3% nello stesso periodo.

Per le compagnie mediorientali volumi di merci internazionali a novembre 2021 cresciuti del 3,4%, un calo significativo della performance rispetto al mese precedente (9,7%). Ciò è dovuto a un deterioramento del traffico su diverse rotte chiave come Medio Oriente-Asia e Medio Oriente-Nord America. La capacità internazionale è diminuita del 9,7% rispetto a novembre 2019, in lieve calo rispetto al mese precedente (8,4%).

I vettori latino-americani hanno  registrato un calo del 13,6% dei volumi di merci internazionali a novembre rispetto al periodo del 2019. Si tratta della performance più debole di tutte le regioni e in sensibile peggioramento rispetto alla performance del mese precedente (-5,6%). La capacità di novembre è scesa del 20,1% rispetto ai livelli pre-crisi.  

Le compagnie aeree africane hanno  ottenuto un aumento dei volumi di merci internazionali dello 0,8% a novembre, un significativo deterioramento rispetto al mese precedente (9,8%). La capacità internazionale era inferiore del 5,2% rispetto ai livelli pre-crisi.




17/01/2022, © Euromerci - riproduzione riservata

lascia il tuo commento
Nominativo E-mail Testo Antispam Change Image

visualizza la versione PDF

social share
più recenti

Futuro all'insegna di smart ports e greeen ports per gli scali dell'associazione NAPA

20/05/2022

E' quanto hanno ribadito i rappresentanti dei porti di Trieste e Monfalcone, Ravenna, Koper (Capodistria) e Rijeka (Fiume) coordinati da quelli di Venezia e Chioggia nel corso degli European Maritime Days tenutisi a Ravenna.
read more..

Scania, Gruber Logistics ed Electrolux; partnership sostenibile

20/05/2022

Un passo importante è stato compiuto attraverso l'acquisizione di 350 camion da parte di Gruber Logistics: garantiscono una riduzione dei consumi del 10% e potranno utilizzare ogni tipologia di biodiesel.
read more..

Interporto Bologna scommette su una logistica etica

20/05/2022

Lo fa dando vita al progetto InTerLab finanziato da un bando regionale e in collaborazione con con MISTER Smart Innovation, Clust-ER Innovate e Due Torri Spa.
read more..

FERCAM chiude il 2021 con un fatturato di 943 milioni di euro

19/05/2022

Numeri record che hanno fatto sì che l'operatore abbia registrato un incremento generale del 16%, anche se le migliori performance le ha ottenute la divisione air&ocean, il cui aumento di turnover è stato del 56%.
read more..
più letti

Marco Lopez de Gonzalo dello Studio Legale Mordiglia

04/03/2021

Il legale - tra i relatori del prossimo Shipping, Forwarding and Logistics meet Industry - spiega perché sia così diffusa tra le PMI la prassi delle'Ex Works, fornendo indicazioni sul come cambiare questa rotta sfavorevole al made in Italy
read more..

Civitavecchia-Olbia, garantita la continuità territoriale

10/05/2021

Durante il peirodo invernale il servizio marittimo verrà effettuato - senza oneri per lo Stato - dagli stessi armatori autorizzati ad effettuare il collegamento nella stagione estiva.
read more..

Megazzini logistici: i trend secondo Engel & Völkers

15/03/2021

La divisione Commercial Milano della società ha svolto un’indagine con lo scopo di studiare l’evoluzione degli investimenti in logistica negli ultimi dieci anni e le prospettive dei prossimi 5 anni.
read more..

Venezia, il porto perde traffico, ma meno del trend nazionale

02/02/2021

Un calo, quello riportato dallo scalo veneziano (-10.3%) nel corso del 2020 che risulta inferiore al calo medio (-14.3%) registrato dai porti italiani comparabili per profilo geografico, di mercato e funzionale.
read more..